Brabs

La mostra del mese – Prospettive circensi & scarabocchi astrusi

Mostra Prospettive circensi & scarabocchi astrusi

Mostra di fotografia e disegno
di Marilena Ginevra Riello & Brabs

Prospettive circensi & scarabocchi astrusi
Quando una fotografa pibinca si imbatte in una disegnatrice scazzata

Brabs:
Credo sia evidente ad un primo sguardo come i miei disegni siano semplicemente un tentativo capriccioso  di controllare il mondo del colore e delle forme che da sempre mi attraversano.  Rappresentato sulla carta, quel mondo prende  significati diversi, a seconda di chi lo osserva. Non cercateci niente di particolare nè di interpretarli perché sono fatti al solo scopo di depistarvi e portarvi ai vostri personali significati, sempre che li troviate. Io sto ancora lavorando sui miei, è tutt’altro che semplice.
L’unica difficoltà nell’allestire una mostra, a parte il mio morboso attaccamento ai miei parti artistici, é sempre stata quella di dover adoperarmi a trovare delle cornici adatte. Abbiamo risolto col cartone riciclato, grazie all’aiuto di mia madre, che ha avuto la solita logorante pazienza di una santa, ed al prezioso suggerimento di Viviana.
Poi un giorno mi sono imbattuta in Marilù, con la sua pignoleria. Lo scatto preciso, la cura dei particolari. Una certa precisione quasi maniacale quando si tratta di posizionare l’obiettivo e pigiare quel tasto che miracolosamente fissa le sue contorte e diaboliche immagini mentali in foto vere e proprie. Per non parlare della mania nelle successive lavorazioni.
BrabsA parte il timore che dietro quello sguardo ammaliante da gattina che fa le fusa possa celarsi la psicologia di un perfetto serial killer, ho scoperto particolari affinità stilistiche che hanno dato luogo a dei progetti molto interessanti e divertenti per entrambe. Ed è così che entriamo in scena con questa mostra. Perché non unire le due cose?
In un lato della sala i miei scarabocchi insulsi ed imprecisi, dall’altra lo spettacolo del Circo. Una bellissima rassegna, vissuta in prima persona dietro le quinte, delle vite di due personaggi primari del circo quali il pagliaccio e la trapezista. Due storie sapientemente raccontate attraverso le immagini di Marilù.

Marilena Givevra Riello:
E’ sempre molto difficile per me dare un senso concreto a quello che faccio, o meglio, sono spinta a fare.
Amo la fotografia e quello che riesco a esprimere con questo potente mezzo di comunicazione ma “fotografa” è una definizione che porta troppi limiti. Marilena Givevra RielloMi nutro di tutto ciò che odora d’arte, la macchina fotografica è il mio mezzo ma potrebbe essere un pennello, uno scalpello e a volte quasi li preferirei.
Con questo progetto, qui ristretto all’ambiente circense, sto cercando di significare quello che per me al giorno d’oggi è un grande ostacolo alla comunicazione emotiva fra le persone. La paura, quella che ci impedisce di mostrarci con la nostra vera faccia, che annienta il nostro essere più profondo e ogni giorno ci fa indossare la maschera più adatta ad ogni occasione. Per ingannare, per ingannarci… Di fronte a questa società che pretende sempre di più esseri perfetti e privi di qualsiasi debolezza. Il passaggio fra uno, nessuno e centomila è quello che, in questo caso specifico con il clown e la trapezista nel loro contesto, voglio far emergere.
Perdere la bussola nel marasma d’idee disordinate sul come incanalare le mie spinte emozionali è estremamente semplice, un incontro destinato quindi quello con Brabs, chi più di un’acuta scrittrice vanesia e amante dell’arte poteva trascinarmi in un vortice di progetti che mi hanno deliziata fin dal primo istante. Marilena Givevra RielloA nulla sono valse tutte le mie titubanze di fronte all’uragano Brabs, sarebbe capace di far cadere la maschera al più incallito degli attori, figurarsi a me che dimentico perfino dove nascondo le mie! Ma è scoprendo i suoi disegni pieni di vita, di colore e di emozioni astratte che mi ha definitivamente convinta a credere che un modo c’è per filtrare questo nostro impulso a comunicare. Fotografia e disegno saranno le nostre armi in questa mostra e ancora una volta sarò felice di avvicinare i nostri due mondi apparentemente diversi ma in realtà molto vicini.

La mostra si terrà a partire da venerdì 4 maggio presso L’OPOZ, Art-Cafè Restaurant in via Giardini 145 (pressi piazza Tristani).

Link utili:
Marilena Ginevra Riello – Flickr
Brabs – Website
Evento su facebook

2 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.