La spirale nel deserto

Desert BreathAnni e anni fa una navicella di alieni passò sulla terra. YuKayYuyu, il comandante solitaro della nave, odiava terribilmente le noiosissime traversate sopra quel pianeta insipido e arretrato, ma decise comunque di aprire il finestrino e vedere se quegli esseri insignificanti e dall’intelligenza tarda si fossero finalmente evoluti. Non gli capitava di passare per quelle vie da circa un centinaio di anni terrestri.
“Accidenti”, disse fra sé e sé, “qualcosa sarà pur cambiato, diamo fiducia a questi esseri! D’altronde non è colpa loro se hanno un cervello talmente atrofizzato da somigliare a quello dei nostri insetti…”.
Ci mise esattamente un nanosecondo per rendersi conto che la situazione era rimasta tale e quale a quella che aveva lasciato l’ultima volta.
Desert Breath“Eh no, così non va bene… Oltre a non aver sviluppato nessuna capacità di problem solving, questi non hanno il minimo senso dell’umorismo, sono davvero tristi. Bene, se la son cercata, facciamo loro uno scherzetto!”
Dispiegò così la sua siringa per dolci gigante e disegnò una spirale nel deserto. Come ciliegina sulla torta mise una pozza d’acqua al centro.
“Chissà cosa penseranno quegli stolti dei nostri bignè a spirale. Vai a vedere che al mio prossimo passaggio scoprirò di essere diventato il loro nuovo Dio…”
E così ridendo continuò il suo viaggio verso il bar ai confini dell’universo giusto in tempo per consegnare le paste per la colazione dei suoi consimili e raccontare loro la nuova barzelletta sugli umani.

N.B. Pensare che gli alieni possano essere anche minimamente interessati al genere umano è assai pretenzioso, ma la fantasia galoppa e spesso non riesco a limitarne gli ambiziosi eccessi.
Desert BreathIn realtà Desert Breath è un’installazione creata nel 1997 da D.A.S.T. Arteam, formazione composta dai tre artisti Danae Stratou, Alexandra Stratou e Stella Constantinides. Essa si trova in Egitto vicino alla località di El Gouna sulle rive del Mar Rosso. E’ interamente realizzata con la sabbia e si sta lentamente distruggendo a causa dell’erosione dei venti. Nelle intenzioni degli autori, essa vuole essere uno strumento per misurare lo scorrere del tempo e vuole rappresentare il deserto comestato e paesaggio mentale“.
Io continuo a pensare che sotto sotto ci sia lo zampino di YuKayYuyu

LINK UTILI:
Desert Breath – Wikipedia
Danae Stratou – Website

Via boredpanda.com

Annunci

8 commenti

  1. Parlando di alieni che ipoteticamente discutono sulla nostra intelligenza, mi viene sempre in mente l’alieno di Guida Galattica che arrivato sulla terra cerca di parlare con una macchina convinto che sia la specie dominante eheh Quest’opera è qualcosa di sbalorditivo, suggestivo e quasi magico! Grazie Brabs per questa chicca 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.