Arte e curiosità dal mondo – Gli animali meccanici di John V. Wilhelm

John V. Wilhelm
John V. Wilhelm

Le singolari sculture dell’artista statunitense John V. Wilhelm sono fatte interamente di acciaio e pietra. Esse hanno come principale soggetto gli animali che sembrano usciti da un film horror, pronti a prendere vita e scagliarsi contro il protagonista di turno.
L’effetto è dato dal materiale usato, tutto riciclato e derivante da scarti industriali. L‘acciaio arrugginito imprime infatti sulle sculture un non so ché di lugubre. In realtà questi cagnolini, coniglietti e cavalli simil cyborg sono alquanto pacifici e  simpatici. Parola di John! Io mi fido!

ENGLISH

N.B. Abbiamo già visto quest’artista, su OperArt, quando vi mostrai “OperArt [work 23] – Scultura di John V. Wilhelm (Stati Uniti)“.

Link utili / Useful links:
John V. Wilhelm – Website
John V. Wilhelm – Deviantart
John V. Wilhelm – Pinterest
John V. Wilhelm – Facebook fan page

Via environmentteam.com

9 commenti

    • Bene… giusto qui volevo arrivare… costruire nuove storie… Guarda che non mi è sfuggita la tua crisi eh?! Non farmi questo Endriù, resisti!!! Le storie esistono, basta aver voglia di trovarle (fuori o dentro) 😉

      • 🙂 Ho visto il tuo commento, sai che lascio accumulare, ma poi rispondo a tutto.

        Cerco di resistere, ma ho sempre un rapporto interiore conflittuale con la rete sob Però si resta sempre con le orecchie ben tese e gli occhi ben aperti per una fonte di ispirazione 🙂

      • Bravo! Guarda che se non ci fosse la rete noi non conosceremmo tante di quelle cose, non con la stessa facilità almeno… tante opere d’arte, idee interessanti, blogger splendidi… Se ci pensi, noi non ci saremmo manco mai conosciuti… Bisogna prendere il positivo delle cose! Pollyanna docet 🙂

      • Per quello hai assolutamente ragione e una vita senza rete internet non la riesco neanche più a concepire! Mi ha permesso di evadere, ma soprattutto scoprire e anche fantasticare. Così ringrazio di aver conosciuto te e altri blogger indubbiamente! Che poi tu ormai sei la mia fonte principale di arte, installazioni, … 🙂

        Ma alle volte sento il rischio che il virtuale si sostituisca al reale o anche solo il bisogno ogni tanto di spegnere tutto e allontanarmi un po’. Forse cerco/cercavo un qualche nuovo stimolo… o più probabilmente sono solo tanto strano… eheh

      • Ma no, io non ti trovo assolutamente strano… succede a tutti e anzi, secondo me, sono strani quelli a cui non accade perché non si pongono interrogativi e non capiscono la differenza fra il virtuale e il reale. Chiunque lo faccia, invece, sa che deve stare attento e mettere dei freni. Comunque la rete non scappa, e neanche io, per cui sarò sempre qui, con le mie installazioni e via dicendo, ad accogliere i pensatori erranti come te…
        ps io ho trovato una soluzione ai miei dubbi e ai miei cedimenti proprio con l’arte. Scandagliare la rete in cerca di qualcosa che mi stupisca e mi faccia sentire viva ripaga lo scoraggiamento del virtuale di cui parli. Quasi sempre…

      • E noi pensatori erranti qui ci troviamo a casa, in un posto accogliente e sempre pieno di stimoli nuovi.
        Capisco questa tua continua esplorazione nell’arte, io ho delle passioni che ancora non ho condiviso sul blog o altri social, ma che ricalcano questa voglia di spaziare… Credo che abbiamo diversi punti in contatto, ma intanto grazie per questo confronto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.