VideoInArt – La disabilità vista con gli occhi dei bambini

La disabilità vista con gli occhi dei bambiniIn che modo la società e la cultura condizionano l’interpretazione del mondo e delle sue problematiche? Ad esempio, per quanto riguarda la disabilità, in che percentuale le proprie esperienze, l’istruzione e il vissuto familiare e sociale influiscono sul proprio modo di relazionarcisi?
Bene, a questa domanda risponde un esperimento effettuato da Noémi, Associazione francese impegnata nell’assistenza alle persone con disabilità.
In pratica dei genitori vengono fatti entrare insieme ai rispettivi figli in una camera in cui possono visionare un video divisi da un separè in modo che i bambini non siano influenzati dalle reazioni degli adulti. Sullo schermo vengono proiettate delle persone che fanno delle smorfie che essi sono invitati ad imitare. A un certo punto, però, sullo schermo appare una persona le cui smorfie non sono artificiali ma generate dalla propria diversità. La reazione del bambino, in questo caso, è molto differente rispetto a quella dell’adulto. A voi le conclusioni…

ENGLISH

LINK UTILI:
Noémi – Website

Via artribune.com

4 commenti

    • Sì, a volte quando sento dire che “abbiamo tanto da imparare dai bambini” mi vien da pensare che bambini lo siamo stati anche noi per cui abbiamo da imparare da noi stessi, dobbiamo semplicemente tornare al nostro stato originario tentando di ripulirci dalle convenzioni… Lo so, non è facile ma è già un primo passo esserne consapevoli e soprattutto provarci 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.