Arte & curiosità dal mondo

Arte e curiosità – Il collage psicologico di Matthieu Bourel

Matthieu BourelDuplicity è il titolo della serie di collage dell’artista francese Matthieu Bourel in cui, a partire da vecchie foto vintage che raffigurano personaggi famosi, viene operato una sorta di taglio ripetuto che ha il potere di creare doppi frammentando e ritessendo in una sequenza che sembra potersi estendere all’infinito. Il tutto è amplificato dall’atmosfera surreale in alcuni casi rafforzata da gif animate che creano vortici estranianti.
A parte l’estrema gradevolezza delle opere di questo artista, è interessante proprio il concetto di duplicità che comporta un’indagine psicologica nei meandri della complessa psiche umana. Lo strumento di indagine, in questo caso, diventa esso stesso indagato per cui il lavoro di Matthieu Bourel porta a un’introspezione profonda che sfocia nell’autocoscienza di sé o comunque in un percorso che tende ad essa.
Sono impazzita? Lo chiedo a voi, avete avuto la stessa sensazione?

Link utili / Useful links:
Matthieu Bourel – Website
Matthieu Bourel – Society6

Via mymodernmet.com

2 replies »

  1. Concordo. Un interessante lavoro introspettivo che in alcuni casi rivela (o critica) la tendenza umana ad indossare maschere (tra l’altro in bianco e nero) dietro le quali si cela il colore, vortici in movimento, quasi ad indicare il desiderio di nascondere la nostra vera personalità (magari estrosa e “colorata”) dietro un più monocromatico conformismo.
    La ripetizione infinita di frammenti ricorda molto l’effetto “specchio nello specchio”: l’individuo spezzettato in infinitesimali parti, tante quanti sono i nostri ruoli peraltro; alcuni si sovrappongono, altri no.
    Inevitabile inoltre – almeno per me – pensare anche alla frammentazione dell’Io, caratteristica sempre più frequente ai giorni nostri e che genera sempre più spesso la consapevolezza di una sofferenza psicologica. I tagli verticali mi ricordano molto la teorizzazione Kohuttiana della scissione verticale del Sé (narcisistico)… ok, la smetto.

    Sempre complimenti Barbara per le proposte artistiche e per la stimolazione alla riflessione.

    Like

    • Grazie Gianluca, il tuo è come sempre un prezioso contributo. Se i miei sono solo degli spunti, i tuoi interventi diventano ulteriori approfondimenti verso quella riflessione che troppo spesso, causa frenesia della vita quotidiana, preferiamo rimandare o evitare.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.