Arte e curiosità – Fotografia – I mostri ecologici africani di Fabrice Monteiro

Fabrice Monteiro - The ProphecyNon ci crederete ma io non ci ho dormito. Mi tornavano in mente ragni giganti e mostri di catrame che spuntavano dall’acqua e non riuscivo a togliermi dalle narici un tanfo insano di rifiuti e bruciato… Insomma, una sorta di Apocalisse.
Poi però sono andata oltre le immagini, mi son spinta in Senegal e mi sono immedesimata nei suoi abitanti abituati a vivere in queste condizioni e ho riflettuto più profondamente su “The Prophecy“, la serie del fotografo Fabrice Monteiro causa della mia insonnia. Solo così ho potuto percepire il senso profondo di questi mostri terrificanti che, oltre a far paura, hanno un animo gentile e spaventato. Il loro aspetto orrido è una conseguenza dalle condizioni in cui versano. Fabrice Monteiro - The ProphecyPensiamo infatti a questi paesi africani, all’inquinamento e alle criticità ambientali che li affliggono e al conseguente stile di vita dei suoi abitanti. Ora vi è chiaro?
Il lavoro del fotografo belga, che è stato supportato dal designer di alta moda Doulsy e dall’Organizzazione EcoFund, rappresenta visivamente le questioni ecologiche urgenti che attanagliano queste zone dell’Africa.
In effetti l’immedesimazione e l’empatia sono utili strumenti per capire davvero cosa succede al di fuori del nostro paese e i lavori come questo aiutano a farli emergere. Spero che ciò avvenga anche con voi. Buona (?) visione!

Link utili / Useful links:
Fabrice Monteiro – Website

Via designboom.com

6 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.