Arte & curiosità dal mondo

Arte e curiosità – Le sculture di vento di Giuseppe Lo Schiavo

Giuseppe Lo SchiavoLa Natura e l’uomo, insieme, possono generare arte e teatro, oltreché unire e far dialogare diverse culture. D’altronde la Natura è dell’uomo ed è uguale per tutti, indistintamente. A fare suo questo concetto è il fotografo romano di origine e londinese di adozione Giuseppe Lo Schiavo che, col suo lavoro “Wind Sculptures“, presta il suo corpo e lo fa diventare una scultura di vento vivente. Il costume teatrale utilizzato dall’artista è un manto isotermico di emergenza utilizzato per soccorrere i migranti, una coperta metallica riflettente che si muove sospinta dal vento.
Giuseppe Lo SchiavoQuelle di Lo Schiavo non sono dunque opere statiche e finite, bensì delle sculture teatrali, delle performance che egli ripete in diverse parti del mondo. Grecia, Francia, Svizzera e Islanda sono solo alcune delle nazioni in cui sono apparse le sue coreografie ventose, lavori che non possiedono barriere culturali e un’identità specifica ma che si nutrono dell’energia unica che risiede in quel luogo specifico, energia che si propaga e viene condivisa attraverso la fotografia che fissa il momento.
Vi lascio alle immagini. Buona visione

Link utili / Useful links:
Website | Wikipedia | Instagram | Facebook fan page

Via ocimagazine.es

10 risposte »

  1. Non lo conoscevo… Un artista sicuramente visionario che sapendo scegliere accuratamente le location per questo tipo di istallazioni viventi, dimostra di fondere la visual art con la fotografia, peraltro le due arti predilette a quanto leggo su Wikipedia..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.