Erotismo in gocce – Video – Barnaby Roper: Lasciate che siano i vostri feromoni a parlare

Scratch’n’Sniff by Barnaby Roper

Avete presente la chimica? Non intendo la scienza in sé, anzi sì ma applicata al campo dell’erotismo. In pratica quegli odori e quelle sensazioni aromatiche che vi inducono ad essere attratti da un altro essere umano, che vi spingono ad annusare la sua pelle e ad inalarne la fragranza più intensa. Parlando in termini scientifici li definiremmo feromoni che, nella definizione che si legge su wikipedia, non sono altro che “sostanze biochimiche prodotte da ghiandole esocrine che sono emesse Scratch’n’Sniff by Barnaby Roperdagli organismi viventi a basse concentrazioni con la funzione di inviare segnali ad altri individui della stessa specie“.
Ecco, proprio i feromoni sono invocati nel video “Scratch’n’Sniff” del fotografo e regista Barnaby Roper. Il claim, infatti, che recita “Let your pheromones do the talking” (Lasciate che siano i vostri feromoni a parlare), sprona a smettere di nascondersi dietro deodoranti e profumi per inalare la vera “essenza” della sessualità.
Ecco il video, fatevi i(n)spirare!

LINK UTILI:
Website | Vimeo | Facebook

Annunci

33 commenti

  1. Ultimamente dipingo fiori! 🙂

  2. ps. il video è uno sballo!!

    1. Ah ah ah
      Ps lo puoi dir forte! Sapevo che mi avresti capita 🙂

      1. Yessss 😉

  3. …..l’ ermetismo delle foto, palesa il paradosso della chiarezza dell’ io !. Bellissime !
    ….il video invece non solo è fantastico, ma è tra i più porno / hardcore mai pensati !
    Brava…brava…..

    1. Grazie! Sono d’accordo su tutto, sia sulle foto di Stano, sia su questo video che è stata una “eccitante” scoperta 😉

  4. ,,,,foto di tonostano ovviamente…..

  5. ……già ! eccitante come l’ odore di lievito da una spumeggiante bottiglia di cava spagnola…..

  6. … scrivere ! scrivere !! scrivere !!! che bello lasciar andare le dita a traslare i nostri pensieri !
    poesie, brani, idee e pensieri, in una frenesia letteraria psicotica…. il godere dello scrivere e del leggere, il quasi dipendere dalle parole scritte in una logorrea grafica ! quasi appartenere ad una associazione di “scrittori anonimi ” che si riunisce in cerchio per liberarsi dalla dipendenza….ma perchè liberarsi ?…. fare con la tastiera un monologo di Bergonzoni…. ma aver anche timore di tediar…..
    Si percepisce che era da un po’ che non mi buttavo sulla penna? chi sarà la vittima delle mie delucubrazioni?……
    …ora devo farmi una dose di letteratura……

    1. Beh son felice che questo articolo e le sue suggestioni ti abbiano ispirato. Conosco bene l’impeto fluente generato dalla scrittura quando si palesa in modo naturale e spontaneo. In realtà io bramo quei momenti, anelo a quella condizione che quasi ti toglie il respiro…
      Se vuoi aggiornami, fammi sapere quale preda hai scelto e se la caccia ha avuto un buon esito 😉

  7. Certo che voglio aggiornarti:
    ………..da piccolo scrivevo poesie accendendo una candela, e poi dovevo avere un po’ di freddo e quindi se era inverno, non mi vestivo abbastanza o stavo scalzo….. generavo un piacevole e prolifico tormento spesso brama di chi scrive…ma spesso, la vita ci regala spontaneamente e gratuitamente queste “suggestioni” ispiratrici….poi usavo vecchie penne, carta riciclata o rigorose agende scadute, se poi trovavo un po’ di inchiostro di china e un pennino, bhe allora si raggiungeva l’ orgasmo letterario….. poi un bel dì, vittima di una bella influenza virale, costretto al chiuso col termometro in bocca, trovai il fatidico libro, datato ma sempre attuale del mitico Hesse, “Il lupo della steppa” …e da allora sono iniziati i piacevoli guai!
    Già ho timore dell’ impeto fluente, ma non c’è preda o caccia, al limite c’è “condivisione e percorso” e tutti siamo prede e cacciatori nel vortice piacevolmente dannato della letteratura,
    ..non amo e non bazzico i social, ma capisco, confuso dalla vastità del tuo blog e dalla enorme quntità di bei contenuti, che forse dovrei colmare la lacuna del mio neoignorantesimo informatico, per transillterare le giovani candele e gli anelati pennini ed usare internet come nuovo ausilio….
    poi che ne sò, mi sovviene che tediando te, costringo tutti i tuoi migliaia di lettori a sorbire le mie dita….. ma in effetti è proprio questio che un blog probabilmente si prefigge, condividere!..
    ..ecco dunque la preda e l’ esito della caccia ( ma mi sa che sono io la preda cacciata) – (faccina gialla sorridente)

    1. Ho parlato di preda e caccia perché tu hai parlato di vittima… Ad ogni modo era ironico e ci siamo capiti… Anche perché mi trovi assolutamente favorevole e ben propensa con ciò che opponi, cioè “condivisione e percorso”.
      Detto questo, ti confesso di non aver mai amato Hesse, anzi ho provato diverse volte a leggere i suoi libri e non ci son riuscita. In effetti ero assai giovine quando ci ho provato, potrei fare un ulteriore tentativo prima o poi.
      Devo ammettere che non amo neanche io i social ma ahimè l’esistenza del blog li presuppone per cui sono attiva ovunque. Non ti nego che ciò provochi anche rigurgiti e overdosi di malessere ma l’intento di diffusione di temi a me cari e l’esigenza di soddisfare la mia curiosità attraverso le mie ricerche sul blog, mi hanno portato (e mi portano tuttora) a resistere e insistere.
      Se avrai voglia di seguire il blog e me, sarà un piacere fare quel famoso percorso di condivisione e scambio reciproco. Nessuna preda, non son contro la caccia ma gli intenti qui non la contemplano 😉

  8. Resistere e insistere ! belle e difficili parole, presupposti però onorevoli se la causa al di sopra è diffondere (condividere!) le nostre passioni ! Ammetto che questa tua è una perla di saggezza, anzi un bel insegnamento per chi, come me, al contrario, dopo aver cmq smanettato con delizia ed orrore nei social, tutt’ ora non possiede altro che la email, unica fonte (forse?) di riservatezza mediatica. Ho navigato nel tuo blog: una miniera inesauribile di cultura…ma chi sei? Esisti realmente?, riesci in un intento pazzesco dove godi della condivisione dei tuoi interessi, sicuramente selezionando una tribu di frikkettoni culturali ad ampio spettro (è un complimento si intente !) e conseguentemente ne godi i frutti…… ti invidio la palese abilità informatica, avendo io un fratello ingegnere haker informatico con il quale sparisco tecnicamente, usando il pc come una macchina da scrivere con memoria o per massacrarmi su wikipedia o su You Tube alla ricerca delle famose orge culturali, che sono tali se condivise, mentre per me alla fine, burbero solitario, possono risultare onanistiche pratiche.
    La rete, come disse il caro Eco, è haimè strumento a doppio taglio….., e nel mondo non sono tutti Barbara… mi fa un po’ paura il potere “dogmatico” del sempre più diffuso e sentito :”L’ ho letto su internet !” che mi causa l’ orripilanza generale, ma grazie agli insegnamenti, forse bisogna proprio resistere e insistere, con la speranza del cambiamento.
    Magari un giorno, chissa sè, come e quando, avrai modo di delucidarmi ed “accompagnarmi” in quella sfilza di social sulle quali serfi divinamente, scevra da fisime, e dominatrice del mezzo!
    Ancor di più, magari, convinta che alla fine un po’ ci stà, mi chiederai di scrivere qualche pezzo di antropologia della bidda, degustazione dei vini, sciamanesimo jodorowskiano, costellazioni, o tutto il contrario di tutto.
    Ciao……. ho anche letto il tuo bel libro di Elucubrazioni socio-comportamentali, non foss’ altro che un titolo del genere mi attrae perchè sembra scritto da me….ah ah !bello

    1. Eheh mi chiedi chi sono e se esisto realmente… Ebbene esisto realmente solo se non mi annoio e qui ho risposto alle tue domande. Quando è partito tutto ero in crisi e avevo un maledetto bisogno di esprimermi e tirar fuori me stessa. Poi ho trovato altre strade: l’arte e la cultura… e ho pensato che valesse la pena far qualcosa per il mondo, seppur nel mio piccolo. Così ho deciso di studiare e condividere qui i miei studi. L’arte rimane comunque una delle poche cose che mi sorprende, mi stimola e mi fa sentire viva. E io ne ho un costante bisogno…
      Per quanto riguarda te, capisco benissimo il tuo stato d’animo, spesso ne son pervasa anch’io e avrei voglia di mollare tutto, solo che quella sensazione di resistenza è più forte, mi ostino che ci vuoi fare? Finché dura, mi dico sempre. Nella vita non si sa mai no?
      Detto questo, mi fa piacere che sia giunto su questi lidi, chissà cosa ci riserverà il futuro 😉

      ps hai letto Elucubrazioni? E’ passato tanto di quel tempo che mi ero pure scordata di averlo scritto… A parte i refusi, ti è piaciuto? Ero alle prime armi e aperta totalmente al mondo, adesso non ho più quell’entusiasmo, son riusciti a smorzarlo. Però ne ho altri… più intimi 😉

  9. Piccolo Koan.
    “LE NUVOLE SI RINCORRONO.
    AGNELLI SALTANO FELICI”

  10. Degusto calmo un calice di vino spagnolo, residuo di una manifestazione mondiale sui cannonau che mi vide fortunato partecipante …. elucubrazioni lo lessi con simpatica verve, nonchè con risate sincere…anch’io ibrido figlio culturale di bidda/città, anzi il contrario, di città/bidda…., sempre stranieri in terra propria, ma sicuramente antropologo di tutte le fregnacce che si sentivano e sentono (De cupen? qualcosa del genere)….. “mi a Massimiliano scendendone l’ aliga!”, dunque feci un simpatico parallelismo tra il tuo e il precedente fraseologia kalaritanis……
    mi sa che vorrò leggere anche tutti i tuoi scritti…sono facilmente reperibili?……. e poi i refusi non li ho notati o forse scambiati per paracula licenza poetica!
    Hasta !
    Pablo

    1. Eheh in effetti, da quel che scrivi, e da come lo fai, mi pare di rivedermi. I refusi sono una mia attuale paranoia, son diventata precisina nel frattempo e li vedo dappertutto, li sogno pure la notte ah ah ah
      Comunque dovresti trovare gli ebook degli ultimi due sul mio account amazon. Se ti capita di leggere il Manuale sentimentale per simpatiche canaglie fammi sapere cosa ne pensi, potrebbe essere divertente!

      Detto questo saluti e baci!
      🙂

  11. Cara, un bel giorno. l’ uomo, nella sua immensa perversione e fantasia, invento “La bambola gonfiabile”, ovvero sostituì con il pvc e il silicone, il tepore della carne umana, il sorriso di piacere, l’ umore feromonico, il dialogo e le carezze con orgasmi sintetici,,,,similmente, lo stesso uomo perverso ed avido, creò gli ebook!!!, un crimine contro la cultura umana, privando il lettore (parte in causa dell’ amplesso letterario) del profumo della carta sempre diverso, del fruscio “girando le pagine”, della copertina, della sua collocazione in ordine più o meno maniacale in libreria, del compagno di letto che, a volte, cadendoci in faccia esausto ci segnala che la lettura è finita ed inizia il sonno.
    MA, ciononstante, tanta è la mia voglia di leggerti che, in mancanza di cartaceo, opterò per il mezzo indicato !

    Storia buffa la mia: dopo tanto sbandieramento anti social e a favore dei fatti propri, mi ritrovo, con innovativi comportamenti adolescenziali, a scrivere i fatti miei a te e ad aspettare risposte, come se fossimi in blindate chat private, ignorando che (e te lo auguro !) magari migliaia di persone mi/ci leggono…… che figata !
    Detto questo….. saluti e baci!

    (RISERVATA: [ah ah ah ] tanto forse avrai anche capito chi sono…ma nessun mistero, nome + indirizzo mail = io…..ma se non mi conosci è comunque irrilevante anche se abbiamo sicuramente degustato lo stesso divino cannonau cresciuto in quel di kia)

    1. Sinceramente ho la tua stessa idiosincrasia verso gli ebook, oggi mi son arrivati due libri cartacei ad esempio. Sono anch’io una che li annusa e li deve possedere e non li presta manco sotto tortura. Purtroppo l’ha imposto la necessità, soprattutto sull’ultimo che è uscito di produzione (cartacea).
      Detto questo, devo pensare che ci conosciamo personalmente? Avevo intuito la composizione del tuo nome ma non ricordo di conoscere nessuno che si chiami così. Posso sbagliare eh?! io dimentico i nomi, le facce mai ma i nomi sì, è un mio limite. Sarà che non li trovo particolarmente rilevanti…
      Se mi parli di Kia senza Kappa di certo sai qualcosa di me e pure se mi parli di cannonau, anche se non puoi conoscermi troppo, sapresti che preferisco il carignano hahahha
      E poi usi la terminologia “saluti e baci” in modo scanzonato… Sei sicuro che non siamo gemelli separati alla nascita???

      1. ….si si ! sono sempre più convinto di dovermi dare una “registratio magistralis sui miei gap informatici”(una fragnaccia lessicale pseudoforbita per dirmi :datte una mossa con sto pc che non ne capisci una mazza e se vuoi stare dietro a Barbara…svegliateee!).
        Come già detto, mi dovrò rassegnare all’ ebook…..in effetti non ho mai avuto l’ onore di nessun leggiadro baciamano al tuo cospetto, ma come nascondere il piacere di una vecchia vigna di cannonau, tanto “Cara” al mio palato oramai fuggita? ( bartezzaghi mi ha condizionato il lessico che vuole omertarsi ai più ma direttamente arrivar al dunque)….. mercoledì ero ad una serata dI
        degustazione di carignano, curiosa coincidenza …… si li adoro anche io ma non posso dire chi amo di più….se i vini sono evocativi di sensazioni, trasmettitori di profumi, calore e ricordi…. sono tutti validi a prescindere dalla cultivar… come ho modo di dire nei miei appunti di degustazioni, nei vari corsetti e giornate “informative” sul DiVin nettare.
        Scanzonati saluti e baci, è da PNL per ammeschinarmi le tue risposte, rifacendomi alla tua empatia ah ah ah , no scherzo, in effetti lo uso, inseme a : “CiaoCara” tutto attaccato, oppure “Alla prossima” e se sono in presenza di cattive compagnie, al momento del congedo, spesso declamo un bel: “Ciao ed Amatevi l’ un L’altro !!!”, che in cuor mio tradotto nella natia lingua madre, vuol suonare comeuun : “Kod….vi l’ un l’ altro !”
        Poi nelle prossime puntate magari parleremo dell’ odio per “Un attimino” – “Piuttosto che” – e il fantomatico da ergastolo; AncheNo !!!.
        Scanzonati Saluti e Baci…
        P.S.
        Speriamo di non essere gemelli separati dalla nascita, altrsì ci sarebbero i principi illegali e moralmente disdicevoli dell’ Incesto culturale !

      2. Nooooo “AncheNo” lo uso, accidenti… però “CiaoCCCara” mi fa uscire di testa, fa sgorgare in me manie omicide. Gradito il “Ciao ed Amatevi l’un L’altro!!!” soprattutto nel suo reale significato. Però un sano e liberatorio “POBA” o “Eshpò!” (unito a “Ma ti pozzu toccai?”) non li batti mica eh?! Ah ah ah
        Invece sul divin nettare… ti dico… prima stentavo ad ammetterlo ma adesso in vecchiaia mi piace riconoscermi DONNA, anzi PIVELLA, per cui le birre mi piacciono chiare (da pivella appunto), i vini poco forti (il carignano appunto)… Son consapevole che questi siano luoghi comuni del piffero ma mi piace giocarci, abusarne… soprattutto contro me stessa che rimane sempre il soggetto che più mi piace deridere. Per non parlare del fatto che ciò mi cura. Se hai letto elucubrazioni te ne sarai accorto, lì ero agli inizi, adesso ci vado giù pesante ma questa è un’altra storia…

        Quindi che dire… baci e abbracci, kiss and hugs and so on…

        ps fantastica la questione dell’incesto culturale, mi ha fatto sorridere. Molto!

  12. …..Grazie ! bellissimo quel “Molto!…. in quanto immodesto interprete delle parole, ne sono lusingato…….Poi in quanto Pivella, sei libera di berti ciò che vuoi e sicuramente libera da luoghi comuni…..il vino, le birre etc, a parte tutte le chiacchere da Sommelier, si dividono principalmente in “Mi praxidi” e in “Non mi praxidi”, pertanto buone birre chiare e vini soft (il carignano cmq non è proprio una tisana !!)….. Non vedo l’ ora di leggere quanto vai giù pesante…… anche io, se mi libero un po’ la penna, sono in grado e in modo molto naturale di scrivere cosettine fighe…cosettine che al cui cospetto, la povera Anais Nin risulterebbe (refuso verbale !!!) Maria Goretti…..

    Insà ? ….. chissà quando mi darai lezioni gratis per evolvermi nella rete e mi faro un bel blog
    Krisnamurtico/enologico/relativista post Cheguevarista…..? nel frattempo non posso che anelare fremente al tuo cenno di risposta…..infatti, vista l’ ora e tu sicuro che russi, aspetterò il tuo caffè di domattina con ansia quindicennesca!

    Molto !
    Baci e abbracci

    (e usala la mia mail……)

  13. Sooobh!…va bhè!…mi consola l’ imminente lettura dell’ introvabile e cartaceo “Riccardo e il suo Karma sessopatico”

    1. Eccomi… esagerato lasciami il tempo di riprendermi, ieri notte ho dato e oggi mi sento un bradipo!
      Detto questo mi chiedo come sia potuto venire in possesso di Riccardo, libro di cui un po’ mi vergogno, era così ingenuo a livello formale, sintattico… Diciamo che dopo ho studiato molto ma non ho voglia di impallarti con queste storie.
      Mi chiedo anche se sia una coincidenza, a questo punto, che mi nomini Anais, non credo vero? Comunque, visto che era da una vita che volevo approfondire, i libri che ti ho detto essermi arrivati l’altro giorno sono giusto attinenti, sono stati scritti da un amico di Anais: Henry… Non c’è bisogno che ti dica anche il cognome vero?
      Per quanto riguarda l’uso della tua mail, ti annuncio che sono una persona abbastanza riservata e non mi piace essere invadente. Inoltre non ho idea di chi tu sia e questo non mi piace tantissimo, lo ammetto. Peraltro da quello che dici sembra quasi che invece ci conosciamo e questo non mi fa stare tranquilla. Quindi se vuoi sii tu a scrivermi facendomi capire chi sei esattamente, in caso contrario il nostro scambio rimarrà pubblico e arginato a queste pagine.
      Già iniziato a leggere? 🙂

  14. backdoor, non sò perchè ma mi viene in mente! 🙂

  15. Iniziato e finito, come un buon calice non troppo pieno, bevuto con piacere e di botto fregandosene dei canoni della degustazione.
    Ho trovato il libro molto bello, riesce nell’intento emozionale senza derive “anatomiche” che a volte appesantiscono la letteratura erotica, o meglio, scritto con uno stile parallelo al classico del genere, ma pur sempre valido e anzi più impegnativo per l’ autore che riesce nell’ intento; dunque non ingenuo ma alternativo. Brava ! Non posso che confermare il mio giudizio positivo su una mente attiva e prolifica come la tua…. vedrò dunque di “recuperare” al più presto gli altri tuoi scritti per degustarli.
    Con questo, i più virtuali (e virtuosi ) baci e abbracci !

    Paolo Ortu, Pula S.ta Margherita

    1. Sono molto contenta che ti sia piaciuto. Ci sarebbe molto da dire a proposito ma sono una persona che è molto onesta con se stessa e che è consapevole di dover lavorare di più a riguardo. In parte l’ho fatto nel frattempo ma non basta. Soprattutto devo aspettare che torni il famoso flusso che mi porti a buttarmi di nuovo nella scrittura perché, ti dico la verità, mi manca tantissimo… 🙂 Cioè scrivo ogni giorno e pure tanto ma scrivere per me è altra cosa.
      Ciao Paolo, poi ho scoperto chi sei tramite i miei, cioè non so che faccia tu abbia ma almeno so chi sei 😉
      Buona giornata!

  16. Bene! Tra l’ altro sei molto modesta.
    Il flusso espressivo arriva quando vuole lui anche se noi lo aneliamo sempre.
    Per la faccia non ti perdi niente.
    Scusa se ti ho logorreizzato con le mie dissertazioni, forse ti ho pure disturbato.
    Buone giornate !

    1. Non ti preoccupare, è sempre un piacere scambiare opinioni con qualcuno che va oltre l’apparenza.
      Magari un giorno capiterà di stringerci la mano. Un caro saluto 🙂

  17. Purtroppo andando avanti i feromoni parleranno sempre meno. Le persone fanno di tutto per coprire la propria identità chimica con qualsiasi tipo di antitraspirante. Ormai è come trovarsi di fronte a dei modelli sintetici creati dalla Mattel, ognuno col suo corredo di plastica e con le proprie ambizioni preconfezionate.

    1. Eheh speriamo di no dai… nel senso c’è una certa tendenza ma voglio essere ottimista 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: