CurKillTheBlog – Il villaggio arcobaleno in Indonesia

Kampung Pelangi

Kampung Pelangi – Before and after

Kampung Pelangi è un piccolo villaggio di 390 case nel Giava Centrale, in Indonesia. Fino a pochissimo tempo fa il suo aspetto maggiormente caratterizzante, se così può essere definito, era il degrado. In poche parole gli esigui turisti che lo visitavano, potevano al massimo godere di una grigia baraccopoli.
Kampung PelangiPoi, sull’esempio di altre ex baraccopoli, tra cui il famoso Jodipan Village, agli abitanti è venuta la vivace idea di operare la trasformazione attraverso la realizzazione di murales variopinti. In particolare l’idea, realizzata sotto la supervisione del sindaco Hendrar Prihadi, è partita da Slamet Widodo, preside della scuola media del villaggio. Il governo indonesiano ha risposto positivamente investendo $ 22.467 per il progetto che ha coinvolto tutta la comunità e 232 case.
Il risultato è strabiliante, il colore e l’entusiasmo degli abitanti, che potete osservare nelle foto in galleria, hanno trasformato una condizione di squallore in un villaggio invidiato dallo stesso arcobaleno.
Inutile dirvi che ciò ha portato a benefici per l’economia locale e ha aperto nuove prospettive per il futuro del villaggio. Il turismo è, infatti, cresciuto notevolmente incrementando le vendite di prodotti alimentari e souvenir locali.
Bene, mi pare di avervi detto tutto, è il momento di rifarvi gli occhi con la splendida galleria. Buona visione!

Via boredpanda.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: