Sardegna contemporanea – Pittura – Roberta Cau

Roberta Cau

Roberta Cau

Quando ho iniziato a dipingere, non avevo ben chiaro cosa volesse dire “libertà di espressione”, oppure “esprimere un concetto”…
Mi portavo dietro il bagaglio scolastico, che condizionava la mia arte. Seguivo canoni ben precisi del mondo classico. Col tempo e con infinite esperienze di vita, ho provato a lasciarmi andare a quel che l’anima aveva da suggerire, non solo gli occhi ma l’anima. Credo sia fondamentale riuscire ad emozionarsi ed emozionare.
Così ho iniziato a dipingere ciò che, non solo vedevo, ma provavo, sentivo. La passione per il vino ad esempio. Mi ha portato ad un percorso pittorico che rappresenta il mio vissuto. Dipingere il vino è come omaggiarlo, raccontando momenti di vita, frammenti e attimi su tela.
Il vino nasce dalla terra, cresce e, come noi essere umani, forma il suo carattere, racchiudendo tutto nel ciclo della vita.
Ciò che voglio rappresentare nelle mie opere è proprio questa sua personalità, le sue qualità, i suoi umori, le varie sfaccettature che fanno da contorno.
Sorseggiare significa gustare, assaporare lentamente e capire meglio l’importanza di ciò che ci circonda, si perché è questo il messaggio, il famoso “concetto da esprimere”. Ogni sorso è un momento vissuto. Il rosso rappresenta ciò che scorre dentro di noi, come il sangue nelle vene. Qualcosa di intimo.

Roberta Cau

NOTE BIOGRAFICHE:
Figlia d’Arte, Roberta Cau nasce nel Novembre 1974 a Cagliari.
Da sempre respira arte, e realizza subito una certa e intensa produzione nei laboratori artistici che apre insieme ad altri pittori. La collaborazione, il confronto con altre arti, fanno parte integrante del suo mondo. E’ la natura a fare la sua parte, la affascina, la plasma. Ma è anche il suo mare che l’aiuta a creare dal nulla, la ispira.
Al liceo artistico di Cagliari raccoglie le leggi fondamentali della grafica, la teoria delle ombre, la prospettiva. I colori sono sfumature, ma per lei il vero colore vive solo nella tela. Paesaggi reali, ritratti veri come fossero foto appena scattate, natura morta, che lei fa rivivere tra i suoi dipinti. Pittura ad olio, la sua migliore espressione artistica che eredita dal padre.
Da sempre creativa, come ogni artista che si rispetti, viaggia pur di conoscere e confrontarsi con i diversi modi di fare arte.
Si espone, si mostra. Toscana. Parigi. Berlino.
Si guarda attorno, alla ricerca continua di perfezione da imprimere sulla tela, ma intanto getta per terra la versatilità di chi è artista. Continua a sperimentare sulla propria pelle ogni forma d’arte aprendo un’associazione culturale Sorsi D’Arte, nata dalla passione per il vino rosso, che dal calice lei riversa sulle sue tele.
In fondo si deve avere uno stile “speciale” per essere artista?

Chiara Ciri

LINK UTILI:
Facebook | Instagram | Facebook fan page

Annunci

3 commenti

  1. Che belli…
    Stupendi…
    Nicola

      1. Molto belli…
        Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: