Emergenza Coronavirus – Iniziative online di musei e gallerie [47]

#iorestoacasa

Cosa troverete: #ScusiNonCapisco per la Fondazione Merz di Torino; Marco D’Amore per il Triennale Decameron della Triennale di Milano; Eleonora Roaro per il CAMeC di La Spezia; i talk RUFA in diretta Instagram; “Maggio ai Musei: appuntamenti virtuali per tutta la famiglia” per il Museo di San Domenico di imola; “Palazzo Marino in Musica” per il Palazzo Marino di Milano; il bicentenario dello scultore Vincenzo Vela per il Museo Vela di Ligornetto; Bajazet di Frank Castorf per Emilia Romagna Teatro Fondazione di Bologna.

Palazzo Marino in Musica
Nell’attuale clima di grande smarrimento e incertezza, che ha visto chiudere teatri e sale da concerto, con l’impossibilità di vivere l’emozione della musica dal vivo, anche gli artisti sono stati chiamati a fare la propria parte, per regalare al pubblico, provato dalle preoccupazioni e dalla paura, momenti di poesia e bellezza necessari. Da questa premessa e in attesa che la IX stagione di Palazzo Marino in Musica abbia inizio, in live streaming dalla Sala Alessi, i direttori artistici Davide Santi e Rachel O’Brien, con il supporto di EquiVoci Musicali, Irina Solinas e MAME – Mediterranean Ambassadors Music Experience, hanno ideato le iniziative #musicformilan e #microcosmi, che si inseriscono all’interno della stagione intitolata De Naturae Sonis dedicata alla profonda, intima e sfaccettata relazione tra musica, uomo e natura.
Chi: Milano, Palazzo Marino
Quando: 3 maggio 2020 – 1 novembre 2020

#ScusiNonCapisco – Sorry, I don’t understand
Dialoghi sull’arte contemporanea
3, 10, 17, 24, 31 maggio
7, 14, 21 giugno
#ScusiNonCapisco è una nuova versione online del format già sperimentato che accompagna il pubblico in diretta su Instagram dal 3 maggio per otto domeniche alle 16.30.
Si tratta di un dialogo a due, condiviso con il pubblico, che coinvolge autori, intellettuali, professionisti e personalità del mondo accademico e imprenditoriale con l’obiettivo di comprendere meglio i linguaggi e il pensiero che stanno dietro le opere di arte contemporanea, ma anche riflettere sul ruolo dell’arte in un momento critico come questo.
Vorremmo riflettere in questo senso partendo dalle diverse esperienze delle persone invitate a dialogare. Partendo con un giusto atteggiamento le diverse personalità ci proporranno un confronto chiaro e una visione plurale dell’espressione artistica.
3 maggio 2020 ore 16.30
Costantino D’Orazio con Salvatore Cusimano
10 maggio 2020 ore 16.30
Samuel Gross con Pamela Villoresi
17 maggio 2020 ore 16.30
Giusi Diana con Marco Zatterin
Chi: Torino, Fondazione Merz
Quando: 3 maggio 2020 – 5 luglio 2020

Il bicentenario dello scultore Vincenzo Vela
Vincenzo Vela nacque il 3 maggio 1820 a Ligornetto, dove morì nel 1891 dopo un’intensa carriera che gli valse notorietà internazionale. Artista di spicco dell’Ottocento europeo, rinnovò profondamente il linguaggio della scultura, affermandosi come uno dei principali esponenti della corrente realista.
In occasione del bicentenario della sua nascita, il Museo Vincenzo Vela – dal 1898 di proprietà della Confederazione (per volontà dello stesso artista e grazie al lascito del figlio Spartaco Vela) e gestito dall’Ufficio federale della cultura – ha organizzato molti appuntamenti: una mostra monografica e una serie di progetti editoriali, culturali e manifestazioni interdisciplinari volti a illustrare, in un ritratto a tutto tondo, la figura e la personalità dell’artista ticinese. Eventi che a causa della pandemia di Covid- 19 sono stati rinviati al prossimo autunno.
Chi: Ligornetto, Museo Vela
Quando: 3 maggio 2020 – 31 maggio 2020

Maggio ai Musei: appuntamenti virtuali per tutta la famiglia
Sono stati in tanti a seguire le attività di aprile collegandovi al sito, al canale YouTube e ai canali social dei Musei Civici di Imola. E così ora i Musei comunali, in attesa della prevista riapertura dal 18 maggio, continuano il lavoro di valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del nostro territorio con tanti e nuovi appuntamenti virtuali per il mese di maggio pensati per tutta la famiglia. Grazie al digitale, si potrà accompagnare il visitatore virtuale a passeggio sugli spalti della Rocca Sforzesca, far visitare le suggestive stanze di Palazzo Tozzoni e immergersi tra i fossili, le conchiglie, i dipinti, e tanto altro esposto nel Museo di San Domenico. Come? Con Ad Arte: incontri e visite virtuali, Giocamuseo a domicilio, Museo Replay tutte le domeniche del mese di maggio ci sarà un nuovo appuntamento da scoprire.
Chi: Imola, Museo di San Domenico
Quando: 3 maggio 2020 – 17 maggio 2020

I talk RUFA su Instagram
Incontri e talk con i personaggi più influenti dell’art system per rilanciare un messaggio unico e chiaro: la creatività non si ferma. Nel suo divenire è un processo inarrestabile che attraversa il tempo e la storia, così come le generazioni. Non ha un punto di riferimento, non ha un inizio e non ha una fine: è possibile solo immagazzinarla nel suo essere, per generare nuove forme e materie.
Per chi frequenta un’Accademia di Belle Arti questa condizione è ben nota, nella consapevolezza che si può essere protagonisti del proprio tempo, alla ricerca di una consacrazione da inseguire, soltanto con passione.
È in questo scenario che RUFA – Rome University of Fine Arts ha pianificato una serie di talk e live performance che, fino al prossimo 5 maggio, anticiperanno il Digital Open Day – RUFA Experience, già fissato per sabato 9 maggio. Gli obiettivi sono chiari: offrire non solo ai propri studenti, ma anche all’esterno, approfondimenti sulla contemporaneità. Tra gli appuntamenti già calendarizzati il dialogo trasmesso sui canali Instagram tra Daniele Ciprì, noto regista, sceneggiatore, direttore della fotografia, e Sebastiano Riso, talentuoso regista e sceneggiatore che ha studiato Cinema in RUFA.
Chi: Roma, RUFA – Rome University of Fine Arts
Quando: 3 maggio 2020 – 5 maggio 2020

Triennale Decameron – Marco D’Amore
Triennale Decameron: storie in streaming nell’era della nuova peste nera.
Proseguono gli appuntamenti di Triennale Decameron con l’attore e regista Marco D’Amore, domenica 3 maggio.
Nell’ambito di Triennale Decameron e in occasione di Go FeST!, il primo evento interamente online dedicato alle serie tv creato da FeST – Il Festival delle Serie Tv in collaborazione con Tlon, Marco D’Amore, tra i protagonisti della serie Gomorra, dialogherà con Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano.
Chi: Milano, Triennale
Quando: 3 maggio 2020 – 3 maggio 2020

ERTonAIR – Bajazet
Domenica 3 maggio, data simbolica che segna la fine del lockdown e l’inizio della fase 2 per il nostro Paese, sarà visibile online – alle ore 16.00 – Bajazet, l’ultimo lavoro di uno dei grandi maestri del teatro contemporaneo, Frank Castorf, nonché spettacolo che avrebbe chiuso il programma della XV edizione di VIE Festival.
Ex direttore artistico della Volksbühne di Berlino, nel mondo teatrale tedesco per oltre quarant’anni, Castorf si è posto come figura provocatoria. La sua libertà nella sperimentazione pionieristica del video, del suono e della parola, il radicalismo con cui rifiuta ogni forma di mitizzazione, il modo con cui dirige i propri attori in un limbo tra grottesco e intensità violenta e la sua profonda conoscenza della storia del teatro e dei classici, rendono Castorf maestro del teatro internazionale da oltre vent’anni e un punto di riferimento per generazioni di artisti e spettatori.
Chi: Bologna, Emilia Romagna Teatro Fondazione
Quando: 3 maggio 2020 – 3 maggio 2020

Eleonora Roaro – R0 – Drowning by Numbers
La performance in diretta streaming di Eleonora Roaro – che ha luogo l’ultimo giorno di lockdown durante l’orario d’apertura del CAMeC, dalle 11 alle 18, presso l’abitazione milanese dell’artista – indaga temi come la viralità digitale e la disinformazione durante la pandemia del COVID-19, definita dall’OMS anche come infodemia. Il titolo Drowning by Numbers (letteralmente “essere sommersi dai numeri”), tratto dall’omonimo film di Peter Greenaway del 1988, pone enfasi sul senso di smarrimento causato dall’eccesso di fake news, informazioni inaffidabili e, soprattutto, numeri non obiettivi: questi ultimi sono spesso comunicati in maniera parziale e fuori contesto, invece che attraverso analisi statistiche e rigore scientifico.
Durante le sette ore della performance online, l’artista declama a voce alta i numeri delle visualizzazioni della performance: in questo modo crea un legame con il pubblico, in quanto i numeri sono in relazione al momento in cui ciascuno si collega durante la diretta streaming.
Chi: La Spezia, CAMeC centro arte moderna e contemporanea
Quando: 3 maggio 2020 – 3 maggio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.