News dal Blog

Calendario Mostre [287] – 27/05/2020

Out-of-blog Barbara Picci

Cosa troverete: Fabio Viale @ luoghi simbolo della città di Pietrasanta; Alighiero Boetti @ Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Napoli; Giovanna Garzoni @ Palazzo Pitti, Firenze; Yona Friedman @ Galleria Francesca Minini, Milano; Ignacio Goitia @ Istituto Cervantes, Roma; Giulia Napoleone @ Galleria Il Ponte, Firenze; “Il Giardino d’Arcadia” @ Gilda Contemporary Art, Milano; “Politiche della Natura _Masters” @ MAAB Gallery, Milano; Marian Comotti e Maria Luisa Ritorno @ Vi.P. Gallery Milano; Fondamenta per Artissima, Torino & more…

Fabio Viale – Truly
La piazza del Duomo, la Chiesa di Sant’Agostino e il suo Chiostro: da sabato 27 giugno 2020 i più suggestivi spazi pubblici della città di Pietrasanta saranno “abitati” dalle opere monumentali dello scultore Fabio Viale (Cuneo 1975).
Con Truly – mostra a cura di Enrico Mattei realizzata con il sostegno della Galleria Poggiali – l’artista risponde a un invito che gli è stato rivolto direttamente dal Sindaco Alberto Stefano Giovannetti e dall’Assessore alla Cultura e al Turismo, Senatore Massimo Mallegni, esponendo fino al 4 ottobre 2020 una serie di opere pensate in dialogo con alcuni spazi cittadini.
Quest’estate Truly sarà “il principale evento espositivo dell’Estate 2020 di Pietrasanta – sottolinea l’Assessore Mallegni – a rivendicare il ruolo della cultura quale motore di civiltà e impulso sociale irrinunciabile. Grazie a un artista di fama internazionale, la mostra offrirà un’interpretazione imprescindibile della voglia di ripartenza del nostro territorio, nel rispetto delle regole e con attenzione rigorosa alla sicurezzas”.
Dove: Luoghi simbolo della città, Pietrasanta
Quando: 27 giugno 2020 – 4 ottobre 2020

Politiche della Natura _Masters
Liberamente ispirata all’omonimo libro di Bruno Latour, la mostra curata da Massimiliano Scuderi rappresenta il tentativo di mettere in relazione le ricerche di cinque artisti internazionali che hanno affrontato il tema di un possibile rapporto armonioso tra uomo e natura, tra visione utopistica e proposta progettuale.
Nel libro Politiche della Natura l’autore distingue il mondo in rappresentazioni e valori, una dialettica degli opposti che tocca categorie cruciali quali razionale ed irrazionale, scienza e società, cultura e natura.
La Modernità ha tracciato la via delle grandi narrazioni per ridare un ordine al mondo, generando al contempo grandi disastri, come quello inferto alla natura considerata una questione esterna alla vita sociale. I rimedi più che sanare la crisi ambientale hanno avuto l’effetto di inutili paliativi, basti pensare alla nascita dell’ecologismo ovvero il tentativo di includere il mondo naturale nella questione politica dell’uomo.
Dove: MAAB Gallery, Milano
Quando: 18 giugno 2020 – 18 settembre 2020

Giulia Napoleone. Nero di china
Giulia Napoleone, la cui mostra viene prorogata fino al 17 luglio, è un’artista al quale Il Ponte aveva già dedicato due mostre, nel 1996 e nel 2002: nella prima vennero presentati acquarelli e pastelli, nella seconda, dipinti ad olio su tela e alcune chine su carta. Questa esposizione è interamente dedicata a un nucleo di recenti opere in bianco e nero, realizzate con l’inchiostro di china.
Il volume che la correda, oltre a presentare le quindici opere esposte, ripercorre questo aspetto del lavoro dell’artista fin dalle prime chine della metà degli anni Cinquanta.
Attraverso le immagini e il testo di Bruno Corà, si può così penetrare nella peculiare dimensione di un mondo in bianco e nero, che si concretizza nelle opere dell’artista attraverso l’uso dell’inchiostro di china, portato fino al suo limite estremo.
Dove: Galleria Il Ponte, Firenze
Quando: 18 gennaio 2020 – 17 luglio 2020

Fondamenta (ONLINE)
Artissima presenta Fondamenta, un progetto digitale nato dal lavoro della fiera in progress, volto a sperimentare nuove modalità di incontro e comunicazione per reagire alle trasformazioni in atto, nell’attesa della prossima edizione.
Fondamenta è un progetto collettivo – che sarà allestito su questo sito dal 5 giugno al 5 luglio 2020 – firmato dai curatori di Artissima 2020 e realizzato con le gallerie e per le gallerie: cuore e fulcro del mercato dell’arte contemporanea e indiscusse ‘fondamenta’ su cui cresce una fiera d’arte.
Il progetto non vuole delinearsi come una viewing-room, né una fiera virtuale, né una mostra. Confermando la natura curatoriale che caratterizza Artissima, Fondamenta si presenta piuttosto come una ricognizione sulle ricerche artistiche contemporanee, mirata a offrire gratuitamente alle gallerie della fiera nuove opportunità di visibilità, contatto e vendita con il pubblico dell’arte.
Attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva, Fondamenta presenta circa 200 opere, una per galleria, su pagine virtuali immaginate come ideali muri portanti. Ogni muro corrisponde ad una sezione: Present Future, curata da Ilaria Gianni e Fernanda Brenner; Back to the Future, curata da Lorenzo Giusti e Mouna Mekouar; Disegni, curata da Letizia Ragaglia e Bettina Steinbrügge; New Entries, curata da Valerio Del Baglivo; Main Section, in questa occasione curata da Ilaria Bonacossa.
Dove: Artissima, Torino
Quando: 5 giugno 2020 – 5 luglio 2020

Il Giardino d’Arcadia
Gilda Contemporary Art presenta Il giardino d’Arcadia, mostra collettiva a cura di Andrea Lacarpia. Il progetto riunisce le opere di 13 artisti di diverse generazioni con l’intento di indagare i diversi approcci delle arti visive nei confronti di un ambito complesso e inafferrabile come quello della natura.
L’attenzione di Gilda Contemporary Art per le tematiche ambientali e le sperimentazioni dell’arte contemporanea viene confermata in una mostra che pone molteplici spunti di riflessione sul rapporto tra arte e natura come parti di un unico ecosistema. In un momento di graduale ritorno alle attività nel contesto cittadino e di speranza per un superamento dell’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid19, Il giardino d’Arcadia diviene metafora della capacità di rinnovamento che ci viene insegnata dalla natura. Per inaugurare la mostra, il 27 maggio alle ore 19 verrà realizzata una diretta attraverso i canali social della galleria, con Cristina Gilda Artese, direttore artistico della galleria, e Andrea Lacarpia, curatore della mostra. La mostra unisce diversi mezzi espressivi, come dipinti, sculture, installazioni, elaborazioni digitali e video, messi in relazione con piante vive inserite nell’allestimento da Simone Ugolini (Orto Botanico Pervinca). La galleria diventa così un giardino in cui la vegetazione e le diverse espressioni dell’immaginario artistico convivono armoniosamente, accomunate dalla stessa energia vitale.
Dove: Gilda Contemporary Art, Milano
Quando: 27 maggio 2020 – 30 giugno 2020

Giovanna Garzoni – La Grandezza dell’universo
Protagonista riconosciuta nell’evoluzione dell’illustrazione scientifica, Giovanna Garzoni è meno nota come illustratrice dell’immaginario geografico dell’epoca barocca. In composizioni armoniche e spesso di piccole dimensioni, la pittrice combinò infatti oggetti esotici e di provenienze diverse come porcellane cinesi, nautili del Pacifico, zucche e fiori messicani, piante sudamericane o cani da salotto inglesi, con il fine ultimo di stupire e divertire.
Scostandosi dal modello di vita femminile del suo tempo, la Garzoni viaggiò in Italia, forse in Francia, ed ebbe accesso alle più importanti collezioni di curiosità.
Dove: Palazzo Pitti, Firenze
Quando: 27 maggio 2020 – 28 giugno 2020

L’universo di Ignacio Goitia
Riprendono le attività culturali dell’Instituto Cervantes di Roma: da mercoledì 27 maggio la Sala Dalí di piazza Navona riapre le sue porte al pubblico ospitando la mostra “L’universo di Ignacio Goitia”, rinviata lo scorso marzo. Dopo il successo riscosso alla Sala Rekalde di Bilbao, arriva per la prima volta in Italia l’esposizione organizzata in collaborazione con Diputación Foral de Bizkaia, che raccoglie quadri, disegni e installazioni tridimensionali del pittore e creativo basco. Una sorta di sunto ideale del percorso artistico di Ignacio Goitia, raccontato dalle sue opere più evocative in cui libertà e rispetto per le diversità sono valori fondamentali. Attraverso l’attenta messa in scena, progettata e curata dall’artista originario di Bilbao, lo spettatore potrà ripercorrere i diversi periodi e i temi trattati nei suoi 30 anni di produzione artistica. Dai suoi primi quadri che vedevano come protagoniste delle giraffe all’interno di un palazzo, alla serie destinata alla colonizzazione e alla globalizzazione. Fino all’influenza della tradizione romana, che si può notare non solo nel passato, ma anche nel presente, poiché la maggior parte delle città e degli edifici che accompagnano la nostra quotidianità fu costruita in epoche lontane ma ancora conserva l’energia e la vitalità.
Dove: Istituto Cervantes, Roma
Quando: 27 maggio 2020 – 27 giugno 2020

Yona Friedman – Sculpting the void
Gli spazi di Massimo e Francesca Minini ospitano entrambi una personale dedicata all’artista e architetto Yona Friedman (1923-2020), curata da Maurizio Bortolotti. Scappato dall’Ungheria durante la Seconda Guerra Mondiale, prima in Israele e poi in Francia, Friedman è stato l’ideatore del concetto rivoluzionario di architettura mobile, un lavoro d’inesausta riflessione sull’abitare, anche in condizioni di emergenza, aspetto che oggi torna di drammatica attualità.
Dove: Galleria Francesca Minini, Milano
Quando: 27 maggio 2020 – 13 giugno 2020

Marian Comotti / Maria Luisa Ritorno – Geometrie dell’anima
Si inaugura mercoledì 27 maggio 2020 alla Vi.P. Gallery di Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4, la doppia mostra personale di scultura e pittura intitolata “Geometrie dell’anima”, che vede a confronto l’opera della pittrice Marian Comotti con la scultrice Maria Luisa Ritorno.
Si tratta delle prime due mostre che erano in calendario nel marzo scorso, rimandate causa quarantena Coronavirus. Le altre quattro rimandate saranno recuperate nei prossimi mesi, entro luglio, in un calendario completamente riorganizzato: Giuseppe Orsenigo con Paolo Lo Giudice dal 6 al 16 giugno, Gabriele Marchesi (come già previsto) dal 17 al 26 giugno, Vito Carta e Rinaldo Degradi dal 27 giugno al 7 luglio, Fiorella Manzini dall’8 al 17 luglio.
Inoltre, con questa prima mostra post-Covid19, verranno sperimentate nuove modalità di fruizione, sia per l’opening che per la successiva normale apertura. Modalità che poi diverranno prassi nel proseguo della stagione. Innanzitutto la mostra reale sarà accompagnata da un video e da una mostra “virtuale” che sarà visibile e visitabile on line da quanti si trovano fuori regione o impossibilitati comunque a recarsi a Milano su Navigli, a partire dal 27 maggio.
Dove: Vi.P. Gallery Milano, Milano
Quando: 27 maggio 2020 – 5 giugno 2020

Visto da qui_Online – Alighiero Boetti
La programmazione dell’intero 2019 della Galleria Umberto Di Marino è stata temporaneamente interrotta per fare spazio al progetto Visto da qui.
Visto da qui è stata una precoce occasione per riflettere sulla struttura della galleria stessa e del fare mostre, con l’obiettivo di eliminare quel surplus generato da una sempre più evidente sovrapproduzione di contenuti e riportando l’attenzione esclusivamente sulle opere.
Tre per ogni artista, la maggior parte delle quali provenienti dal deposito della galleria, sono state esposte una per stanza tenendo in considerazione la visuale prospettica dello spazio espositivo.
Dove: Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Napoli
Quando: 27 maggio 2020 – 27 maggio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.