Calendario Mostre [313] – 27/06/2020

Out-of-blog Barbara Picci

Cosa troverete: Leonardo Moretti @ Villa Romana, Firenze; Vito Carta e Rinaldo Degradi @ Vi.P. Gallery, Milano; Giuseppe Chiari @ Palazzo Bisaccioni, Jesi; Letizia Fornasieri @ Acquario Civico di Milano; Matteo Messori @ Nero – La Factory, Pescara; Fabrizio Molinario @ Showcases Gallery, Varese; Sarah-Linda Forrer @ SWING Design Gallery, Benevento; DAC e Telo @ Casa Bonadè Bottino, Pinerolo; Mario Consiglio @ Fourteen ArTellaro, Tellaro; Chiara Napolitano @ Ranarossa 3.0, Modena; “Montagne” @ Museo Civico Alpino Arnaldo Tazzetti, Usseglio; “Pecci Summer 2020” @ Centro Pecci, Prato; “Supercall – La mostra” @ Casa Testori, Pietrasanta; “Icons” @ IkiGai Art Gallery, Roma; “Back_Up Giovane arte in Sardegna” @ Museo Nivola, Orani

Giuseppe Chiari – Suono Parola Azione
La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi in collaborazione con la collezione privata di Roberto Casamonti – Firenze, presenta la mostra Giuseppe Chiari. Suono, Parola, Azione a cura di Stefano Verri che racconta il percorso di Chiari musicista, compositore e artista concettuale, che è stato una delle figure cardine dell’arte italiana del XX secolo.
La mostra Giuseppe Chiari. Suono, Parola, Azione intende rappresentare con oltre trenta opere visive e una selezione di video il percorso di ricerca che Chiari fece tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta del Novecento; un percorso che prova ad essere completo, ma che sicuramente non pretende di essere esaustivo della vasta produzione e della complessità del pensiero dell’artista fiorentino.
Vicino all’ambiente Fluxus, Chiari utilizza la musica – o meglio la sua personale riflessione sulla musica – come linguaggio privilegiato per segnare quella rottura con le arti tradizionali che questo movimento di neo-avanguardia andava proponendo a partire dai primi anni Sessanta. Una riflessione che lo porterà a ripensare la musica a metterne in discussione i canoni fondamentali per approdare a nuove intuizioni teoriche che tendono verso la totalità e l’universalità del fare artistico.
Dove: Palazzo Bisaccioni, Jesi
Quando: 27 giugno 2020 – 22 novembre 2020

Back_Up Giovane arte in Sardegna
Back_Up. Giovane arte in Sardegna è un progetto espositivo che coinvolge 27 artisti nati in Sardegna, sotto i quarant’anni. Si tratta di una ricognizione delle nuove generazioni creative dell’isola che non ha precedenti per estensione e scopo.
Le artiste e gli artisti selezionati per Back_Up sono nati in Sardegna, ma questo dato biografico non li definisce. Contro l’idea folkloristica e deterministica di una identità sarda antropologicamente differente, Back_Up dimostra l’esistenza di un insieme di pratiche, tematiche e punti di vista variegato e originale, e di percorsi e traiettorie che dalla Sardegna si muovono verso l’Italia, l’Europa e oltre.
Dove: Museo Nivola, Orani
Quando: 27 giugno 2020 – 17 ottobre 2020

Sarah-Linda Forrer – Medusa
SWING Design Gallery presenta MEDUSA, la prima collezione di vasi, progettata e realizzata dalla designer Sarah-Linda Forrer in esclusiva per la Galleria. Ispirati alle morfologie e alle trame stratificate delle creature oceaniche, i vasi si caratterizzano per forme morbide e smalti testurizzati, che conferiscono spessore alle superfici. Utilizzando un approccio sperimentale, ogni dettaglio formale è accuratamente realizzato a mano e deformato fino a raggiungere il giusto equilibrio tra natura e manufatto. Stratificando diversi smalti e trame, la superficie diventa una pelle complessa e irregolare sull’oggetto. La collezione si ispira a sagome femminili arcaiche e dettagli organici, traducendosi in una serie di oggetti che oscillano tra manufatti e reperti naturali. Una celebrazione della natura ma senza copiarla letteralmente, la collezione Medusa ci ricorda la bellezza elementale e autentica delle nostre origini e l’importanza di apprezzare e coesistere con il nostro ambiente naturale circostante. Nel suo studio di design di Amsterdam, Sarah-Linda Forrer crea oggetti unici e in edizione limitata, coniugando materiali preziosi e organici.
La mostra Medusa sarà aperta al pubblico nelle prossime settimane nel rispetto delle linee guida governative.
Dove: SWING Design Gallery, Benevento
Quando: 27 giugno 2020 – 30 settembre 2020

Pecci Summer 2020
Dal 29 giugno al 6 settembre il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta PECCI SUMMER, il nuovo palinsesto estivo di concerti, talk e cinema all’aperto che ogni sera animerà (in piena sicurezza) i suoi spazi esterni. Cuore pulsante del programma sarà l’Arena del Centro Pecci, il teatro all’aperto che anche in questo momento, per dimensioni e capienza, offre ai Pratesi uno spazio per vivere la cultura insieme. Grazie a un allestimento appositamente progettato dallo studio di architetti e piattaforma di ricerca ECÒL, che comprende un giardino temporaneo realizzato grazie a Vannucci Piante, Pecci Summer sarà un luogo di incontro ideale per gli appassionati di arte e cultura, una nuova “piazza” della città, familiare e fruibile da tutta la comunità, con un’offerta variegata e continuativa per tutta l’estate.
Dove: Centro Pecci, Prato
Quando: 29 giugno 2020 – 6 settembre 2020

Leonardo Moretti – In coltura
In coltura è un’installazione site-specific realizzata da Leonardo Moretti per il padiglione di Villa Romana. Fitte trame di pizzo germogliano e si espandono con spontaneità quasi vegetale, invadendo l’ambiente vetrato, tanto da riconfigurarne l’aspetto esteriore e la relazione con lo spazio naturale. L’installazione rappresenta un ulteriore sviluppo di Lace, una serie di opere su supporti eterogenei in cui il pizzo, sintetizzato e modulato in un processo di ripetizione e dilatazione, interpreta l’eterna dialettica tra essere e apparire.
Tale elemento sinuoso e marcatamente decorativo – vero e proprio manifesto di superficialità e frivolezza – costituisce il pretesto ideale per invitare l’osservatore a una riflessione sulle immagini superficiali, concettose e inautentiche che la nostra società tende a restituire di se stessa. Se all’interno della serra il pizzo si trova ancora in uno stato embrionale, supportato nella crescita dai tubi al neon, sulle pareti si ingigantisce e si appropria dello spazio, così come si comporterebbe un organismo vegetale in progressiva espansione.
Dove: Villa Romana, Firenze
Quando: 27 giugno 2020 – 14 agosto 2020

Matteo Messori – Status
Sabato 27 giugno 2020, dalle ore 18.30, NERO – LA FACTORY– Pescara presenta e inaugura STATUS, personale di Matteo Messori a cura di Maria Letizia Paiato. La mostra, terminato il tempo di confinamento e dopo il suo naturale rinvio, approda finalmente e fisicamente nel capoluogo abruzzese che, tuttavia, nel rispetto della pubblica sicurezza sarà inaugurata in modalità online, attraverso la pagina FB di NERO – LA FACTORY e visitabile su appuntamento nelle settimane a seguire.
Dove: Nero – La Factory, Pescara
Quando: 27 giugno 2020 – 8 agosto 2020

Chiara Napolitano – Contatti
Lo spazio espositivo Ranarossa 3.0 ospiterà a partire da sabato 27 giugno 2020 e fino al 18 luglio prossimo, una selezione di opere recenti, delle quali alcune inedite, per la personale della giovane artista carpigiana Chiara Napolitano. Chiara Napolitano nasce nel 1986 nella provincia di Modena dove vive e lavora. Nelle sue opere i colori e i materiali giocano un ruolo importante: i suoi collage sono arricchiti dalla pittura, nelle opere con colori accesi rappresenta ed esalta sentimenti come vitalità, giovialità e spensieratezza. Quelle con colori scuri, e giochi tonali che ruotano attorno al grigio, rimandano alla pop art e, con un tono più black e amaro, ci riportano ad un tempo lontano e malinconico, a quell’inquietudine del vivere rassegnato ma anche presente e forte.
Dove: IkiGai Art Gallery, Roma
Quando: 27 giugno 2020 – 27 luglio 2020

Montagne
Il Museo Civico Alpino “Arnaldo Tazzetti” di Usseglio, capofila del Museo Diffuso Valle di Viù, ha come primaria finalità la valorizzazione della cultura alpina, espressa in tutte le sue forme, soprattutto per quanto riguarda le Valli di Lanzo, ma in generale delle Alpi. In questa missione si pone la prestigiosa mostra Montagne. Mito e fortuna delle Alpi occidentali tra Ottocento e Novecento
Ideata e fortemente voluta da Alberto Tazzetti, presidente del Museo, l’esposizione vede l’organizzazione e la curatela di Luca Mana, direttore della Fondazione Accorsi-Ometto, e di Antonio Musiari, docente dell’Accademia Albertina di Belle Arti, Emanuela Lavezzo, direttore del museo e la collaborazione, per gli approfondimenti storici, di Eugenio Garoglio e Alessia Giorda.
L’esposizione offre un percorso cronologico su come la montagna è stata percepita e raffigurata da vari artisti, a partire dalla fine del Settecento, quando iniziarono le prime esplorazioni “d’alta quota”, fino alla metà del secolo scorso, attraverso quattro sezioni tematiche: dall’alba dell’alpinismo, al mito delle Alpi, alla montagna come luogo di distensione e svago.
Dove: Museo Civico Alpino Arnaldo Tazzetti, Usseglio
Quando: 27 giugno 2020 – 26 luglio 2020

Confluenze. Letizia Fornasieri
La mostra “Confluenze. Letizia Fornasieri”, ospitata all’Acquario civico di Milano dal 1 luglio al 20 settembre, è dedicata al mondo dei paesaggi acquatici della Lombardia, alla flora e alla fauna tipiche di questi ambienti; un corpus di opere in gran parte inedite che danno seguito al percorso pittorico dell’artista da sempre attenta al tema della natura e della campagna italiana.
La mostra apre al pubblico con giorni e orari prefissati, accesso contingentato, prenotazione fortemente consigliata e con precise disposizioni volte a tutelare la sicurezza dei visitatori. È possibile anche l’acquisto del biglietto in sede solo in base alla capienza del momento.
Dove: Acquario Civico di Milano, Milano
Quando: 1 luglio 2020 – 20 luglio 2020

Mario Consiglio. PerAsperaAdAstra
Fourteen ArTellaro riprende la sua attività espositiva con l’esposizione di Mario Consiglio, primo appuntamento della nuova rassegna.
Testo Francesca De Filippi.
Era prima del Covid, Gino mi chiamò per parlarmi della nuova rassegna OSARE PERDERE pensata per lo spazio Fourteen Artellaro, e per chiedermi se mi andasse di scrivere qualcosa per Mario Consiglio, il primo artista ad esporre con l’opera PerAsperaAdAstra, che avrebbe dovuto inaugurare ai primi di marzo. Poi il blackout, il lockdown, la pandemia, il surreale, l’imprevisto globale. In qualunque modo vogliamo chiamarlo, oggi come ieri, mai nessuna congiunzione poteva essere più incredibilmente azzeccata e quasi “sinistramente” premonitoria: il pianeta ha “osato perdere” e l’umanità intera ha dovuto fermarsi in un tempo sospeso, ad attendere. E adesso si ricomincia, timidamente nemmeno più di tanto. E’ già partita la corsa all’oblio. Eppure, proprio come riprende il titolo dell’opera di Mario Consiglio, il motto latino “per aspera ad astra” lancia un messaggio ben diverso: solo attraversando consapevolmente le difficoltà si può arrivare a toccare le stelle. Le stelle sono il “premio” guadagnato alla fine di un percorso difficile, complesso, impegnativo, sfiancante. Lo stiamo facendo nel modo giusto?
Dove: Ranarossa 3.0, Modena
Quando: 27 giugno 2020 – 18 luglio 2020

Mario Consiglio. PerAsperaAdAstra
Fourteen ArTellaro riprende la sua attività espositiva con l’esposizione di Mario Consiglio, primo appuntamento della nuova rassegna.
Testo Francesca De Filippi.
Era prima del Covid, Gino mi chiamò per parlarmi della nuova rassegna OSARE PERDERE pensata per lo spazio Fourteen Artellaro, e per chiedermi se mi andasse di scrivere qualcosa per Mario Consiglio, il primo artista ad esporre con l’opera PerAsperaAdAstra, che avrebbe dovuto inaugurare ai primi di marzo. Poi il blackout, il lockdown, la pandemia, il surreale, l’imprevisto globale. In qualunque modo vogliamo chiamarlo, oggi come ieri, mai nessuna congiunzione poteva essere più incredibilmente azzeccata e quasi “sinistramente” premonitoria: il pianeta ha “osato perdere” e l’umanità intera ha dovuto fermarsi in un tempo sospeso, ad attendere. E adesso si ricomincia, timidamente nemmeno più di tanto. E’ già partita la corsa all’oblio. Eppure, proprio come riprende il titolo dell’opera di Mario Consiglio, il motto latino “per aspera ad astra” lancia un messaggio ben diverso: solo attraversando consapevolmente le difficoltà si può arrivare a toccare le stelle. Le stelle sono il “premio” guadagnato alla fine di un percorso difficile, complesso, impegnativo, sfiancante. Lo stiamo facendo nel modo giusto?
Dove: Fourteen ArTellaro, Tellaro
Quando: 27 giugno 2020 – 17 luglio 2020

Supercall – La mostra
Supergiovane è lieta di comunicare l’inaugurazione della mostra “SUPERCALL”. Lanciata sui canali social durante la quarantena, la call di Supergiovane : “SUPERCALL” ha raccolto le testimonianze visive e personali di oltre 50 artisti contemporanei operanti in Italia e all’estero. Con l’intento di rintracciare i sentimenti dell’inedito stato di attesa durante il lockdown ed evidenziare le possibilità lavorative-artistiche anche in un periodo di stop, la Supercall ha rintracciato negli artisti la forza di una vocazione personale del proprio lavoro, innestando un’energia e una resistenza che approda, grazie all’invito di Casa Testori, nella mostra. Nello spazio dello Studio 4×4 di Pietrasanta la selezione dei 13 artisti invitati ad esporre crea diversi dialoghi tracciati da legami fisici e visivi tra le opere, disposti a sfidare un tentativo di dialogo dal vivo.
Dove: Casa Testori, Studio 4×4, Pietrasanta
Quando: 27 giugno 2020 – 16 luglio 2020

Fabrizio Molinario – Bagnanti
Showcases Gallery è lieta di presentare nella mostra “BAGNANTI” una parte della produzione artistica di Fabrizio Molinario, artista che da anni realizza opere pittoriche su tela raffiguranti personaggi, interni domestici, città e situazioni del vissuto.
Svincolati dalla rappresentazione anatomica della figura di una posa e da una possibile ambientazione di contesto che ne possa identificare la predominanza sociale, i suoi personaggi e i suoi “bagnanti” si presentano allo spettatore in presa diretta, ravvicinata, privi di ogni connotazione spazio temporale, emergere da un fondo pittorico nero e denso.
L’artista, insofferente dell’estetica tradizionale, si muove all’insegna della sottrazione e negazione, e i suoi personaggi inquieti e spontanei, sono caratterizzati da una penetrante indagine psicologica che tende a cogliere la struttura profonda e segreta della loro interiorità.
Dove: Showcases Gallery, Varese
Quando: 27 giugno 2020 – 15 luglio 2020

Vito Carta / Rinaldo Degradi. Iconico/Aniconico
Si inaugura sabato 27 giugno 2020 alla Vi.P. Gallery di Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4, la doppia mostra personale di scultura, pittura e arti visive intitolata “Iconico / Aniconico”, che vede a confronto l’opera dell’artista Vito Carta con lo scultore Rinaldo Degradi
Si tratta della fusione della quarta e della quinta delle mostre rimandate causa quarantena Coronavirus. Delle altre quattro mostre rimandate tre sono state recuperate nelle settimane scorse (Orsenigo, Comotti e Ritorno) e un’ultima sarà recuperata al termine di questa (Fiorella Manzini), in un calendario completamente riorganizzato. Inoltre, con tutte queste mostre post-Covid19, vengono sperimentate nuove modalità di fruizione, sia per l’opening che per la successiva normale apertura al pubblico. Innanzitutto la mostra reale sarà accompagnata da un video e da una mostra “virtuale” che sarà visibile e visitabile on line da quanti si trovano impossibilitati a recarsi a Milano su Navigli.
Dove: Vi.P. Gallery, Milano
Quando: 27 giugno 2020 – 7 luglio 2020

DAC e Telo. condiVISIONI
La storica sede di Casa Bonadè Bottino a Pinerolo (TO) ospita, dal 27 giugno al 5 luglio 2020, “condiVISIONI”, mostra bi-personale degli artisti DAC e Telo, a cura di Louis Charrié.
In accordo con gli organizzatori, i due autori hanno scelto di allestire la mostra nel nucleo più antico della struttura, ovvero gli spazi trecenteschi a piano terra, a simboleggiare il desiderio di ancorare la propria ricerca artistica alle radici storiche dell’intera comunità.
Il percorso espositivo comprende una quindicina di opere, tra dipinti ed installazioni, appartenenti a cicli recenti di entrambi gli artisti: “Legàmi” per DAC e “Pagine” per Telo.
L’incontro di DAC e Telo, distanti anagraficamente, ma vicini artisticamente, si fonda – come spiega il curatore – su un nuovo pensiero artistico, definito DemocraticArt in quanto teso a mettere in evidenza i conflitti che dominano la società contemporanea.
Dove: Casa Bonadè Bottino, Pinerolo
Quando: 27 giugno 2020 – 5 luglio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.