News dal Blog

Calendario Mostre [317] – 03/07/2020

Out-of-blog Barbara Picci

Cosa troverete: Paolo Cervi Kervischer @ Studio Bong, Firenze; Antonella Romano @ Palazzo Fondi, Napoli; Francesco Malacarne @ MAG Museo Alto Garda, Riva del Garda; Sergio Omedé @ Fondazione Peano, Cuneo; Marco Casentini @ Rocca, Umbertide; Lucio Pintaldi @ Villetta d’Ercole, Noto; Angelo Bozzola @ Palazzo Parasi, Cannobio; “Il mio letto è un giardino” @ Mudec, Milano; “Ritornanti. Presenza della figurazione nella scultura italiana” @ Castello Gamba, Châtillon; “Sardegna. Un laboratorio infinito” @ Castello di San Michele, Cagliari; “Cinematica Festival 2020” @ Palazzo Bosdari, Ancona; “Pandemia” @ Oratorio di San Mercurio, Palermo

Il mio letto è un giardino. Mi cama es un jardín
I tessuti delle donne del monte quichua

L’esposizione “Il mio letto è un giardino – Mi cama es un jardín. I tessuti delle donne del monte quichua (Santiago del Estero, Argentina)”, curata da Carolina Orsini, conservatrice del Museo delle Culture, offre al visitatore una panoramica sulla produzione tessile del monte argentino attraverso una selezione di coperte da letto provenienti dalla collezione privata di Andreina Rocca Bassetti, donate al MUDEC nel 2016.
La zona di Santiago del Estero vanta una cultura millenaria che risale al passato preispanico e che si è conservata, con cambi e innovazioni, fino al nuovo millennio. Questa ricchezza trova un puntuale riscontro nella produzione materiale dell’area e in particolare nei tessuti. Le loro caratteristiche di portabilità e di grande visibilità fa di questi manufatti un vero proprio vessillo di valori e saperi che sono portati avanti dalle tessitrici locali, artiste straordinarie che hanno sempre saputo innovare e rendere moderna questa tradizione.
I tessuti di Santiago sono la testimonianza di come le donne abbiano saputo sviluppare una grande resilienza culturale coniugandola con straordinarie capacità di adattamento, creando nei tessuti una sottotraccia che assimila gli apporti culturali esterni e li plasma a misura del proprio mondo.
Dove: Mudec, Milano
Quando: 3 luglio 2020 – 8 novembre 2020

Catturare l’invisibile. Francesco Malacarne e la nascita della fotografia scientifica
La mostra prevede una serie di rappresentazioni cartografiche e di scritti relativi al territorio trentino e l’esposizione di fotografie scientifiche mai rivelate al grande pubblico. Dal processo papirografico alla nascita della fotografia grazie a tecniche basate sulla fotochimica dell’argento, le vicende di Malacarne si intrecciano così con la sua eredità nel campo della attuale macrofotografia passando dal contesto locale a quello internazionale.
Una mostra per far conoscere al pubblico il carattere innovativo degli studi dell’ingegnere rivano Francesco Malacarne, pioniere della fotografia ai suoi esordi ottocenteschi. Rappresentazioni cartografiche, scritti relativi al territorio trentino e rivano e fotografie scientifiche inedite ne testimoniano le vicende di vita e le scoperte tecnico-scientifiche nel settore, rivelando la sua eredità nell’odierno campo della microfotografia.
Dove: MAG Museo Alto Garda, Riva del Garda
Quando: 3 luglio 2020 – 8 novembre 2020

OM Anatomia del pensiero barocco – Sculture en plein air di Sergio Omedé
La stagione espositiva 2020 della Fondazione Peano si apre venerdì 3 luglio con l’inaugurazione di una mostra en plein air all’interno del proprio giardino botanico museale. L’ideale per coniugare arte, natura e nuove regole sul distanziamento fisico. Cinque grandi sculture in vetroresina di Sergio Omedé, voluminose ma leggere, sono distribuite nel giardino museale della Fondazione Peano. Il giardino è un atollo verde circondato dalla città; al suo interno, placide e resilienti, le oltre sessanta specie botaniche ricordano l’antico vivaio della famiglia Peano. I visitatori, negli orari di apertura, sono liberi di entrare come in un qualsiasi parco cittadino, inoltrarsi tra le numerose sculture che fin dal 1995 hanno caratterizzato l’attività della Fondazione Peano mirata a promuovere i linguaggi artistici della contemporaneità, e in particolare modo la scultura. L’antico stabilimento botanico, divenuto un hortus artis (un giardino d’arte) rappresenta, a tutti gli effetti, una rinascita: un luogo in cui le sculture di Sergio Omedé – coeve alla nascita e allo sviluppo della Fondazione Peano – sono da vivere a cielo aperto, anche in momenti così particolari e delicati. L’esposizione nel giardino anticipa la seconda sezione della mostra che la Fondazione dedica all’artista astigiano e che sarà allestita a inizio settembre nella sala ipogea con una selezione di sculture in legno, disegni e bassorilievi.
Dove: Fondazione Peano, Cuneo
Quando: 3 luglio 2020 – 27 settembre 2020

Ritornanti. Presenza della figurazione nella scultura italiana
La mostra disegna attraverso le sale e nel parco del Castello Gamba un percorso nella scultura moderna e contemporanea, mettendo in luce l’attenzione alla figurazione che emerge periodicamente nelle ricerche artistiche degli ultimi decenni. Si riannoda, così, il filo che lega i grandi maestri del Novecento agli scultori delle ultime generazioni.
In mostra opere di: Arturo Martini, Marino Marini, Francesco Messina, Giacomo Manzù, Giuseppe Maraniello, Aron Demetz, Giuseppe Bergomi, Giuliano Vangi.
Dove: Castello Gamba, Châtillon
Quando: 3 luglio 2020 – 27 settembre 2020

Sardegna. Un laboratorio infinito
Il Castello di San Michele riapre le sue sale al pubblico dal 3 luglio ospitando Sardegna. Un Laboratorio infinito, un progetto del Centro di sperimentazione e ricerca Casa Falconieri.
L’iniziativa rientra nell’ambito della programmazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari ed è curata da Casa Falconieri e dallo storico dell’arte Efisio Carbone.
IL PROGETTO
Sardegna – un Laboratorio Infinito presenta, fino al 20 settembre, un corpus importante di opere inedite oltre a una serie di opere significative già realizzate nel tempo e rivela, attraverso i segni, una civiltà e una cultura contemporanea; tutto si fonda su tre artiste che ruotano attorno al nucleo fecondo di Casa Falconieri: Gabriella Locci, Rosanna Rossi, Giovanna Secchi e un piccolo gruppo di giovani e giovanissimi artisti Alberto Marci, Veronica Paretta e Vincenzo Grosso, che lavorano in ambito nazionale e internazionale.
Dove: Castello di San Michele, Cagliari
Quando: 3 luglio 2020 – 20 settembre 2020

Marco Casentini. Drive In
La Rocca di Umbertide ospita, dal 3 luglio al 1° settembre 2020, “Drive In”, mostra personale di Marco Casentini, tra gli artisti astratti italiani più rappresentativi della sua generazione.
Promossa dal Comune di Umbertide in collaborazione con FerrarinArte e Kromya Art Gallery, l’esposizione sarà inaugurata venerdì 3 luglio alle ore 18.00, alla presenza dell’artista.
La mostra arriva alla Rocca di Umbertide come tappa di un tour che dal 2017 ha coinvolto musei ed istituzioni italiane ed estere, come la Bocconi Art Gallery di Milano, il MOAH – Museum of Art and History di Lancaster, la Reggia di Caserta e il Cultural Centre Science and Technology Museum di Kuwait City.
«Melodie senza fine e senza centro, i dipinti di Marco Casentini – scrive il critico d’arte Federico Sardella -, essi stessi luogo ove accade la pittura; nella ricchezza dei piani sovrapposti e nella lucentezza delle tinte, offrono una sinestetica poetica del paesaggio urbano e specialmente dei suoi luoghi d’affezione».
Dove: Rocca, Umbertide
Quando: 3 luglio 2020 – 1 settembre 2020

Angelo Bozzola – Un codice per una forma
La mostra presenta al pubblico una selezione di opere non–oggettive realizzate tra il 1954 e il 1988. Sono esposte opere pittoriche e scultoree del periodo della sua adesione al MAC Milanese e gli sviluppi successivi, in cui sono stati sperimentati materiali e tecniche diverse.
Il titolo quanto mai emblematico, Un codice per una forma, sottolinea l’obbiettivo della mostra che è quello di rendere manifesto il percorso che ha portato Angelo Bozzola a definire prima una sua “forma personale” di riferimento, la “superficie trapezio/ovoidale”, e successivamente un proprio codice espressivo centrato sull’analisi e sugli sviluppi sia grafici che materici (tridimensionali) di questa sua invenzione figurale. Sono esposte opere pittoriche e scultoree del periodo della sua adesione al MAC Milanese e gli sviluppi successivi, in cui sono stati sperimentati materiali e tecniche diverse (soprattutto metalli laminari per sculture e bassorilievi, ma anche medium fotografici e cartacei) con esiti molto differenziati ma dalla cifra stilistica personale e riconoscibile. Un percorso che partendo dalla singola “Forma concreta” arriva, attraverso organizzazioni e permutazioni, all’Iterazione”, che diventa scrittura plastica dalla forte valenza espressiva e propositiva.
Dove: Palazzo Parasi, Cannobio
Quando: 3 luglio 2020 – 30 agosto 2020

Pandemia
In occasione della rassegna RestArt si ripropone all’oratorio di san Mercurio pan·de·mì·a [Si fore vis sanus, ablue saepe manus], videoinstallazione firmata Sacrosanctum, frutto del lavoro di quindici artisti – Filippo Berta, Colectivo Democracia, Mario Consiglio, Joseba Eskubi, Francesco Lauretta, Urs Lüthi, Sandro Mele, Diego Moreno, Luca Pancrazzi, Luigi Presicce, Calixto Rámirez, Antonio Riello, Caterina Silva, Francesco Simeti e Fabio Sgroi – che nel maggio del 2020 hanno ricodificato il loro confinamento in un’esperienza visiva inedita e di forte impatto.
Le problematiche scaturite dall’invisibilità fisica dei confini, il rispetto delle misure di sicurezza, il difficile equilibrio tra convivenza e distanziamento si intrecciano a indagini dal carattere più profondo e intimistico. Paesaggi sconfinati e deserti si contrappongono al chiuso di ambienti domestici, solitari e sospesi nel tempo. Delle lattine danzano a ritmo ipnotico, mentre un mappamondo, intrattabile e dispettoso, ci ricorda quanto siamo inermi nei confronti del fato.
Dove: Oratorio di San Mercurio, Palermo
Quando: 3 luglio 2020 – 29 agosto 2020

Lucio Pintaldi – FiloConduttore
Mostra personale, presso la sala espositiva Villetta d’Ercole, Piazza XVI Maggio, Noto.
Dove: Villetta d’Ercole, Noto
Quando: 3 luglio 2020 – 2 agosto 2020

Antonella Romano. Fragile
La fragilità ci appartiene, è un valore umano e naturale, legato alla finitudine e quindi all’esistenza: questo il tema della mostra Fragile dell’artista Antonella Romano, che afferma: «La mia relazione con l’arte nasce per mezzo del teatro, il quale non è soltanto una metafora della vita, ma una tecnica di svelamento». La mostra si sviluppa in un percorso cadenzato dall’attraversamento di cinque sale, cinque scene teatrali che compongono un atto unico di cui lo spettatore diviene protagonista..
Inaugurazione mostra venerdì 3 luglio a Palazzo Fondi. Evento inserito nel programma del Napoli Teatro Festival Italia 2020
L’esposizione sarà visitabile fino al 31 luglio, dal giovedì alla domenica dalle 17 alle 20. Ingresso gratuito, ogni 5 minuti.
Per una migliore fruizione della mostra, si consiglia l’ingresso ad un visitatore per volta.
Dove: Palazzo Fondi, Napoli
Quando: 3 luglio 2020 – 31 luglio 2020

Paolo Cervi Kervischer. Love or Fear? What do you feel?
In un momento di carestia sensoriale e di evitamento fobico, la pittura di Paolo Cervi Kervischer porta con sé riflessioni sguardi, apparizioni, battiti ed esistenze. Corpi neri e figure colorate diventano simboli delle diverse dimensioni dell’essere. Pittura come pretesto e come luogo di insistenza dell’esperienza esistenziale, come resistenza, come limite, come tempio.
L’arte di Paolo Cervi Kervischer “vive di turbamento, e i suoi grandi ritratti inquietano. Inquietano nella loro riproposta di quella che è la sua poetica da sempre: nello sdoppiamento di questi dittici ogni volta si è di fronte allo spazio oscuro in cui si annida la ragione della sua esistenza o la prova della sua completa assurdità.”
I giorni sono stati lenti, spesso colmi di nulla se non di attesa e di incertezza. Di perdita dell’interazione, dell’intimità e del contatto con l’altro. Quel contatto di cui l’essere umano, nella sua forma espressiva più alta, l’amore, ha bisogno. Amore che si nutre di pelle, di corpo, di condivisione. Lo spettro della pandemia e del contagio, in modo drammaticamente – e democraticamente – più evidente, ha diffuso al contrario diffidenza e controllo, allontanando l’essere umano dalla sua essenza allo stesso tempo più elevata e più animale: la reciprocità e il contatto fisico. Ancor più che alla diffusione di una malattia, abbiamo assistito al dilagare dello sconforto. Di ansia che diventa fobia, e di paura che diventa angoscia.
Dove: Studio Bong, Firenze
Quando: 3 luglio 2020 – 12 luglio 2020

Cinematica Festival 2020
Il Festival Cinematica riparte dopo il lungo periodo di fermo obbligato dall’emergenza sanitaria e dopo aver affrontato con resilienza le difficoltà sorte in questi mesi. Siamo pronti per rincontrare il nostro pubblico con appuntamenti in presenza dopo aver svolto in questi mesi diverse attività online e in live streaming, Cinematica dialoga con il digitale ma è pur vero che lo fa sempre dialogando con una presenza. Quindi gradualmente, insieme a voi, ci ritroveremo nello spazio che è più consono al Festival, La Mole Vanvitelliana. Il programma che offriremo è un oculatissimo distillato di quello previsto per marzo, un equilibrato alternarsi di cinema, danza, videodanza e una mostra speciale organizzata alla Pinacoteca delle Marche.
Cinematica resiste e prosegue il suo cammino tra le arti filmiche e performative, ponendosi come centro di riflessione sul tema del digitale e la narrazione performativa, alternando virtualità, presenza fisica e filmica com’è insito alla sua indole trasversale ma coerente, incarnata ma proiettata nel futuro della relazione tra corporeità e medialità.
Dove: Palazzo Bosdari, Ancona
Quando: 3 luglio 2020 – 5 luglio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.