News dal Blog

Calendario Mostre [360] – 01/10/2020

Out-of-blog Barbara Picci

Cosa troverete: Robert Capa @ Musei Reali, Torino; Gianni Berengo Gardin @ CAMERA Centro Italiano per la Fotografia, Torino; Lupo Borgonovo e Silvia Giambrone @ Museo del Novecento, Milano; Paolo Pellegrin @ Reggia di Venaria, Venaria; Reihaneh Hosseini @ Galleria A.MORE, Milano; Paolo Bielli @ PAN – Palazzo delle Arti, Napoli; Sophie Jung @ Istituto Svizzero, Milano; Ysabel Dehais @ Mesia Space, Roma; Stefano Iannuso @ Marset showroom, Milano; Edgardo Maria Giorgi @ Teatro Paesana, Torino; Andrea Renzini @ Museo internazionale e biblioteca della musica, Bologna; Anna Di Paola @ MAC Maja Arte Contemporanea, Roma; Michela Martello @ Galleria Giovanni Bonelli, Milano; Stefano Schirato @ Museo Diocesano Tridentino, Trento; Valeria Angelini @ Mimumo – Micro Museo Monza, Monza; Maria Cristina Carlini @ Il Salotto di Milano, Milano; Luisa Turuani @ Galleria La Nica, Roma; Jean-Baptiste Maitre e Dina Danish @ Rita Urso-Artopia Gallery, Milano; Andrea Buzzichelli @ Interzone Galleria, Roma; Carlo Adelio Galimberti @ Galleria Ponte Rosso, Milano; “Festival Graphic Days 2020” @ Toolbox, Torino; “Regione Liguria 1970-2020. I nostri primi 50 anni” @ Museo del Festival, Sanremo; “Photofestival 2020” @ Palazzo Castiglioni, Milano; “TI BERGAMO” @ GAMeC, Bergamo


TI BERGAMO
Dove: GAMeC, Bergamo
Quando: 1 ottobre 2020 – 14 febbraio 2021
Ti Bergamo non è una mostra su Arte e Covid, ma una riflessione sul senso di comunità.
L’esposizione trae il titolo dal disegno realizzato e donato al museo dall’artista rumeno Dan Perjovschi per sostenere la campagna di raccolta fondi per l’Ospedale Papa Giovanni XXIII che la GAMeC ha promosso attraverso i propri canali nel corso dell’emergenza sanitaria in città.
Attraverso opere d’arte e produzioni dal basso, immagini fotografiche, filmati, gesti e pensieri di quegli autori che, in tempi diversi – e in particolare di recente – hanno interagito con la comunità Bergamo, entrando così a farne parte, il progetto restituisce il cortocircuito emotivo innescato dalla convergenza di eventi drammatici e gesti di solidarietà scaturitisi durante la fase più acuta della crisi, adottando un punto di vista che dal presente volge lo sguardo al passato, per immaginare il futuro.
La prima sezione della mostra presenta una serie di iniziative legate al mezzo stampa e comprende una raccolta delle edizioni del quotidiano L’Eco di Bergamo accanto ai disegni sulla pandemia realizzati da Dan Perjovschi, tra i quali il gruppo pensato per la GAMeC, rilanciato sui social del MoMA di New York durante il primo lockdown. Completano la sezione le vignette recenti del celebre disegnatore bergamasco Bruno Bozzetto; il progetto dell’illustratore Emiliano Ponzi per The Washington Post, che narra la vita quotidiana di un milanese in quarantena; il servizio di Davide Agazzi, giornalista di Bergamonews, andato in onda lo scorso aprile su Rai 2 all’interno del programma Mizar, e il docufilm Noi, Bergamo. Architettura di una rinascita, realizzato dalla startup culturale Squareworld Studio, grazie al coinvolgimento di dodici giovani artisti e creativi…
Continua a leggere


Lupo Borgonovo e Silvia Giambrone. Level 0
Dove: Museo del Novecento, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 31 gennaio 2021
Il Museo del Novecento presenta, a partire dal 1° ottobre 2020, due project room dedicate agli artisti selezionati nelle ultime edizioni di “Level 0”, l’iniziativa di ArtVerona in collaborazione con quattordici istituzioni d’arte contemporanea italiani. Il progetto mira a promuovere artisti emergenti che si sono distinti durante la fiera e sono presentati nelle istituzioni negli anni successivi.
Quest’anno espongono nelle sale del Museo Lupo Borgonovo, scelto per l’edizione 2018, e Silvia Giambrone per il 2019.
Lupo Borgonovo espone fino al 31 gennaio 2021 “Aplomb”, una serie di dieci disegni acquerellati che rappresentano l’evoluzione temporale di una coppia di asparagi, ritratti dal vero, dal momento in cui erano freschi fino alla loro maturazione e invecchiamento. Ogni tavola mette in scena un episodio di un’ipotetica coreografia, a metà fra erotismo e ironia, avvicinandosi a un tema classico come la natura morta e cercando di riesumarla attraverso il riferimento ad artisti quali Manet ed Ernst.
L’artista realizza i suoi disegni attraverso un processo di ricerca e trasformazione di immagini provenienti da ambiti differenti: elementi naturali, oggetti di uso comune e collezioni di arte del passato, selezionandoli per la loro singolarità formale. Questo permette, attraverso successivi procedimenti tecnici e compositivi, di rendere i soggetti irriconoscibili, dando loro una nuova contestualizzazione e un significato simbolico.
L’opera di Silvia Giambrone “Nobody’s room. Anzi, parla”, a cura di Carlotta Biffi, riflette invece sulle dinamiche di potere fondate sul genere che innervano la nostra società, ed è concepita nell’anno dedicato alla creatività femminile dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano che ha promosso il palinsesto “I Talenti delle donne”…
Continua a leggere


Paolo Pellegrin. Un’antologia
Dove: Reggia di Venaria, Venaria
Quando: 1 ottobre 2020 – 31 gennaio 2021
Dopo un accurato lavoro sul suo archivio, nel 2018 nasce la mostra antologica di Paolo Pellegrin, noto fotografo della storica agenzia Magnum Photos. Vincitore di numerosi premi internazionali, con esposizioni che negli anni hanno scandito la sua crescita autoriale, lo ritroviamo adesso nelle Sale delle Arti della Reggia di Venaria in un percorso immersivo.
Tra il buio e la luce, le oltre 200 fotografie ci portano dai conflitti armati che dilaniano il mondo, all’emergenza climatica di cui è protagonista la Natura, e noi con lei. Ma anche tra le pareti del suo studio, “ripensato” ad ogni successiva tappa della mostra, per permettere all’osservatore di entrare nel mondo dell’Autore e di indagare con maggiore profondità le scelte, le intuizioni, le urgenze di uno sguardo inarrestabile e onnivoro.
La mostra presenta inoltre una sezione speciale ed inedita dedicata ad un racconto personale ed intimo di Pellegrin: le fotografie realizzate in Svizzera con la propria famiglia durante il periodo della quarantena per il lockdown del coronavirus…
Continua a leggere


Robert Capa. Capa in color
Dove: Musei Reali, Torino
Quando: 26 settembre 2020 – 31 gennaio 2021
Per la prima volta in Italia, i Musei Reali presentano una raccolta di oltre 150 immagini a colori di Robert Capa, lettere personali e appunti dalle riviste su cui furono pubblicate. L’esposizione è nata da un progetto di Cynthia Young, curatrice della collezione al Centro Internazionale di Fotografia di New York, per illustrare il particolare approccio di Capa verso i nuovi mezzi fotografici e la sua straordinaria capacità di integrare l’uso del colore nei reportage realizzati tra il 1941 e il 1954, anno della morte. La collezione è presentata da ICP-International Center of Photography, grazie a ICP Exhibitions Committee e ai fondi pubblici del New York City Department of Cultural Affairs in partnership con il consiglio cittadino.
Robert Capa è internazionalmente noto come maestro della fotografia in bianco e nero, ma ha lavorato regolarmente con pellicole a colori fino alla morte, nel 1954. Sebbene alcune fotografie siano state pubblicate sui giornali dell’epoca, la maggior parte degli scatti a colori non erano mai stati presentati in un’unica mostra. Dichiara Enrica Pagella, Direttrice Musei Reali…
Continua a leggere


Stefano Iannuso. Nudo armato
Dove: Marset showroom, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 23 dicembre 2020
Dopo mesi di paure e incertezze, in attesa di riprendere il progetto Art in Light, Marset Italia e Sudestasi contemporanea continuano la loro collaborazione e presentano Stefano Iannuso – “Nudo armato” personale fotografica dell’artista siciliano con base a Milano, a cura si Sarah Campisi nello showroom Marset in via dell’Annunciata, 29.
Più di ogni altra cosa, questo periodo ci ha fatto riflettere intensamente sul concetto di casa, l’importanza dello spazio che ci costruiamo intorno e sul ruolo che investe nella nostra vita e nella serenità della nostra esistenza.
“Nudo armato” indaga e cerca di sviscerare queste sensazioni tramutate in convinzioni, mettendo in relazione due tipologie di fotografia apparentemente opposte, ma in realtà molto, forse troppo, simili.
Il minimalismo delle architetture, le geometrie asettiche delle facciate, la sinuosità dei corpi nudi, l’intimità delle curve, trovano il loro spazi all’interno dei saloni marset dove i contrasti del bianco e nero delle fotografie trovano piena armonia con il light design dell’azienda catalana…
Continua a leggere


Gianni Berengo Gardin e la Olivetti
Dove: CAMERA Centro Italiano per la Fotografia, Torino
Quando: 1 ottobre 2020 – 15 novembre 2020
Il primo ottobre 2020, nella Project Room di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, si inaugura Gianni Berengo Gardin e la Olivetti, mostra dedicata dall’istituzione torinese e dall’Associazione Archivio Storico Olivetti, con la collaborazione del Museo Civico “P. A. Garda” di Ivrea, all’opera di uno dei più importanti fotografi italiani: Gianni Berengo Gardin (Santa Margherita Ligure, 1930).
Curato da Margherita Naim e Giangavino Pazzola, il progetto espositivo evidenzia l’intensità del rapporto professionale tra il fotografo e l’azienda di Ivrea, attraverso un’accurata selezione pressoché inedita di oltre 70 fotografie d’epoca in bianco e nero, pubblicazioni e documenti d’archivio ripensati secondo una scelta curatoriale che delinea due nuclei: uno formale che indaga il tema del valore del progetto d’architettura (industriale, residenziale, sociale, ecc.); un secondo che più esplicitamente traduce un sistema sociale di relazioni dentro e fuori la fabbrica. Berengo Gardin, infatti, è uno tra gli autori che ha collaborato più a lungo con la Società Olivetti, descrivendo attraverso i suoi servizi fotografici sia il valore sociale del progetto d’architettura, sia l’organizzazione di un sistema di servizi sociali e culturali che animava la fabbrica e il territorio. La mostra Gianni Berengo Gardin e la Olivetti è inoltre un omaggio che i due istituti culturali dedicano all’autore in occasione dei suoi 90 anni…
Continua a leggere


Photofestival 2020
Dove: Palazzo Castiglioni, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 15 novembre 2020
E’ un inedito palcoscenico autunnale quello pronto ad accogliere la quindicesima edizione di Photofestival, la rassegna di fotografia d’autore che tradizionalmente anima la primavera culturale milanese: dopo la decisione di rinviare la manifestazione dal 7 settembre al 15 novembre 2020 a causa dell’emergenza coronavirus, questa edizione assume un significato importante, perché rappresenta un’occasione di ripartenza per la città e per la sua linfa vitale culturale.
Il titolo della rassegna – “Scenari, orizzonti, sfide.
Il mondo che cambia.”- è imprevedibilmente il grande tema di questo momento storico così unico e straordinario, che ha lasciato un segno indelebile nelle nostre vite, cambiando approcci e percezioni.
In questi mesi l’organizzazione di Photofestival, sotto la direzione artistica di Roberto Mutti, si è impegnata per offrire una proposta all’altezza delle aspettative, nonostante le molte difficoltà organizzative e finanziarie legate a questo periodo così complesso, e grazie al lavoro collettivo svolto con operatori, galleristi e autori, che hanno creduto nel progetto, è ora in grado di annunciare un programma di ottimo livello, per numeri e qualità delle proposte.
Sono 140 le mostre fotografiche previste in oltre due mesi di programmazione, inserite in un circuito capillare che abbraccia l’intera Città Metropolitana di Milano, sino a toccare alcune Province lombarde: Lecco, Monza, Pavia e Varese…
Continua a leggere


Reihaneh Hosseini. Come In
Dove: Galleria A.MORE, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 15 novembre 2020
La galleria A.MORE è lieta di presentare Come In, una mostra di debutto personale di Reihaneh Hosseini, visibile dal 1 Ottobre al 14 Novembre 2020, come mostra inaugurale del nuovo spazio espositivo situato a Milano in via A. Massena, 19.
Il viaggio dinamico e spesso turbolento della vita ha portato Reihaneh Hosseini su un percorso di realizzazione dell’opera fortemente influenzata da domande esistenziali sul mondo contemporaneo e dalla ricerca di un senso ad una vita che ne è priva.
Esplorando tali domande attraverso le sue esperienze e quelle dei suoi amici più cari, ritrae momenti quotidiani di persone comuni che cercano, e spesso falliscono, di adattarsi alle norme ed aspettative sociali ed economiche. Nonostante lavori con un gruppo ricorrente di personaggi basato su se stessa, il suo partner e le persone della sua vita quotidiana, ogni opera racconta una storia di vita moderna ed individuale. Con Come In, il suo debutto in una personale e la mostra inaugurale della galleria A.MORE, l’artista ti invita figurativamente e letteralmente nella sua vita e nella cerchia dei suoi amici…
Continua a leggere


Sophie Jung. Unsetting
Dove: Istituto Svizzero, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 15 novembre 2020
L’Istituto Svizzero presenta Unsetting, la prima mostra personale a Milano dell’artista Sophie Jung, sviluppata in stretta collaborazione con l’artista Elena Radice.
Sophie Jung lavora tra testo, scultura e performance. Si interessa di questioni concernenti le tecniche di rappresentazione, prediligendo il romanticismo e l’assurdità, e rimpiazzando narrazioni chiare con storie effimere ed enigmatiche. Le sculture e gli oggetti di Sophie Jung sono costituite da oggetti di uso quotidiano trovati e ricercati. I suoi testi sono allo stesso tempo giocosi e profondamente complessi: combinano strutture narrative farsesche a riflessioni sull’attuale del pianeta. Camminando sopra il luminoso strato specchiato, immagini, associazioni, e parole ronzano nella nostra testa.
Nella sua prima mostra personale in Italia, Sophie Jung espone nuovi lavori realizzati con testi, suoni e oggetti. Alcuni di questi rappresentano uno sviluppo ulteriore della sua attuale esposizione al Casino Luxembourg, ma sono allo stesso tempo arricchiti dai workshops che l’artista terrà nello spazio espositivo a settembre così come dall’esperienza del lockdown della primavera 2020, e le derivanti domande sulle possibilità e l’urgenza della produzione artistica…
Continua a leggere


Anna Di Paola. Misero Blu
Dove: MAC Maja Arte Contemporanea, Roma
Quando: 1 ottobre 2020 – 14 novembre 2020
La galleria inaugura la stagione espositiva con la prima personale della giovane artista molisana Anna Di Paola, che debutta in galleria con un ensemble di ritratti dal titolo Misero Blu.
Attraverso l’utilizzo della cianografia, Di Paola fa affiorare nel blu prussiano quindici immagini che rievocano altrettante opere del Periodo Blu di Picasso.
“Per una giovane artista dialogare in modo esplicito con Pablo Picasso richiede un atto di coraggio e una dose di spregiudicatezza: il rischio è di essere travolta dal peso dell’artista più famoso del Novecento o di dare vita a opere che non escono dai limiti di quella convenzionalità che gran parte del ‘picassismo’ internazionale aveva già mostrato già negli anni Cinquanta del secolo passato. Eppure Anna Di Paola ha avuto questo coraggio e sembra aver decisamente vinto la sua sfida personale”, osserva Lorenzo Canova nel testo critico in catalogo.
Orietta, Agostino, Paolo, Chiara, Gianmario, Emanuela, … Anna, sono i protagonisti senza tempo di questi enigmatici “ritratti molisani”.
“Riemerse dall’oblio e dalla dimenticanza, quelle figure sono ancora fissate nella posa che Picasso aveva scelto per loro, ma una vibrazione inafferrabile sembra attraversare la materia rugosa di questi fogli miseri e poetici…
Continua a leggere


Jean-Baptiste Maitre / Dina Danish. Victor Hugo Was Here
Dove: Rita Urso-Artopia Gallery, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 12 novembre 2020
RITA URSO è lieta di inaugurare la nuova stagione espositiva 2020 – 2021 con la mostra Victor Hugo Was Here di Jean-Baptiste Maitre e Dina Danish. Il titolo richiama un graffito del 1800 trovato a Luxor, Egitto, in cui lo scrittore francese ha inciso il suo nome sulla parete di un antico tempio, probabilmente con lo scopo di rendere eterna la sua presenza in questo luogo. Il nucleo principale del progetto espositivo è costituito dai lavori realizzati nel corso di due residenze per artisti in Italia a cui la coppia ha recentemente partecipato. In queste istituzioni Dina e Jean-Baptiste hanno avuto la possibilità di condividere le suggestioni legate al territorio, all’ambiente e alla peculiarità di questa esperienza. La sinergia tra i due artisti ha sviluppato una modalità di lavoro che unisce la sistematicità e lo studio del rapporto spazio-tempo, che connota la ricerca di Maitre, con l’ironia, l’equivoco e i giochi di parole utilizzati spesso dalla Danish nella sua pratica artistica, dando luogo ad una serie di opere che si riappropriano e trasformano forme espressive acquisite da storia e tradizioni culturali differenti. L’esposizione in galleria presenta al primo piano tre grandi ricami prodotti nel 2018 nella Residenza Sandra Natali a Bologna, importante spazio connesso al MAMbo, ed alcuni lavori più piccoli creati in studio nell’ultimo anno…
Continua a leggere


Stefano Schirato. Risvegli
Dove: Museo Diocesano Tridentino, Trento
Quando: 1 ottobre 2020 – 9 novembre 2020
Come ha scritto Marco Imarisio sul Corriere della Sera, Risvegli è un racconto fotografico e giornalistico intenso e schietto come la cronaca di una salvezza conquistata con dolore e fatica. Stefano Schirato e Jenny Pacini, i due autori, hanno avuto il permesso di accedere ai reparti Covid dell’ospedale Santo Spirito di Pescara quando l’Italia era dentro l’incubo della pandemia.
Nei giorni delle foto delle bare affiancate di Bergamo, dell’ecatombe che ha costretto a rivedere ogni cognizione del lutto collettivo, sostituendo volti e nomi con cifre, quando i media nazionali e internazionali raccontavano la straordinaria dedizione di medici, infermieri e personale sanitario, dedicando copertine e servizi a chi lottava contro il virus, poteva sembrare un’operazione inopportuna scegliere di raccontare le singole storie di chi invece ce l’aveva fatta.
Il fotografo Stefano Schirato e la giornalista Jenny Pacini hanno cercato un’altra strada rispetto a quella battuta dai media e, lavorando a quattro mani, hanno raccolto testimonianze e immagini di cinque sopravvissuti al Covid-19, curati nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Pescara. Cinque storie esemplari di chi, proprio in quei giorni, si risvegliava dal sonno indotto dai farmaci, eventi che in quel periodo potevano essere vissuti in qualsiasi altro ospedale o paese del mondo colpito dalla pandemia…
Continua a leggere


Andrea Renzini. Turbo Surplus
Dove: Museo internazionale e biblioteca della musica, Bologna
Quando: 1 ottobre 2020 – 7 novembre 2020
Un’installazione sonora site specific ideata da Andrea Renzini che, attraverso un registro leggero e ludico, intende porre in connessione la cultura e la storia della musica con le più recenti esperienze contemporanee.
Per dialogare con gli strumenti d’epoca e le testimonianze visive di celebri compositori conservati nel museo, l’artista propone esiti legati alla ricerca musicale più all’avanguardia, scegliendo di utilizzare rumori di macchine come fonte sonora e compositiva.
La mostra si inaugura giovedì 1 ottobre 2020 alle h 18.00, a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria…
Continua a leggere


Michela Martello. Of the Earth. Sulla Terra
Dove: Galleria Giovanni Bonelli, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 31 ottobre 2020
La Galleria Giovanni Bonelli di Milano ospita, dal 1 ottobre al 11 novembre 2020, la prima personale di Michela Martello intitolata Of the Earth – Sulla Terra.
La ricerca di Michela Martello può definirsi “anarchica” in quanto a scelta dei materiali, tecnica e selezione dei soggetti. Per le sue pitture le tele sono scelte a partire da tessuti già utilizzati, che hanno dunque un proprio vissuto più o meno storicizzato – dai lini pregiati di inizio ‘900 a borsoni militari americani degli anni ’60 – e così pure per gli inchiostri e o i pigmenti di colore – sempre frutto di accuratissime ricerche.
I soggetti sono spesso figure femminili – divinità arcaiche variamente modernizzate – o elementi naturali che si fondono e si associano liberamente secondo un flusso di pensieri che vede tutti gli esseri interconnessi tra loro…
Continua a leggere


Luisa Turuani. Riserva di caccia
Dove: Galleria La Nica, Roma
Quando: 1 ottobre 2020 – 31 ottobre 2020
Giovedì 1° ottobre 2020 in via dei Banchi Nuovi 22 verrà inaugurata alle ore 18.00 la mostra RISERVA DI CACCIA, personale di Luisa Turuani per la quinta edizione della Rome Art Week. RISERVA DI CACCIA, che vedrà esposte 7 opere tra installazioni e video, vuole riflettere sul rapporto tra il fruitore e il quotidiano, “[…] dimensione caratterizzata da precarietà e leggerezza, ironia e dramma” (Luisa Turuani), suggerendo nuove modalità di lettura e interazione.
Così come il quotidiano, le opere dell’artista sembrano continuamente sfuggire alla percezione dell’osservatore per subire una costante trasformazione, costringendo lo spettatore ad immedesimarsi con l’opera e ad infondergli sempre nuova vita e nuovi significati.
Da bambini correvamo a contare i vagoni dei treni che scorrevano nell’ampia valle davanti a casa, al di là del fiume. Come un film, ma molto lento, conteggiavamo i frame di un’immagine che si componeva lì davanti ai nostri occhi…
Continua a leggere


Andrea Buzzichelli. Inhabitants
Dove: Interzone Galleria, Roma
Quando: 1 ottobre 2020 – 31 ottobre 2020
Giovedì 1 ottobre 2020 ore 19, INTERZONE GALLERIA presenta, all’interno del contesto WEFO Weekend Fotografici – Un mese di Fotografia a Roma, la mostra fotografica INHABITANTS di Andrea Buzzichelli. INHABITANTS raccoglie una serie di immagini di un progetto realizzato nel “Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi” in Toscana. «Che cos’è un parco? I suoi confini coincidono con la nostra percezione di esso? Dopo un certo numero di ispezioni effettuate alla luce del giorno, ho scelto di estendere la mia visione del Parco, e, di conseguenza, i suoi confini, a ciò che è normalmente invisibile all’occhio umano. Per realizzare questo concetto, ho utilizzato un archivio di immagini prodotte dalle fototrappole della locale Guardia Forestale (Polizia Forestale Italiana). Il risultato è un’impressionante visione notturna degli “Abitanti” del Parco. Una vibrante sezione trasversale che, soprattutto, rivela un senso di potenza intrusiva, in un mondo dove altrimenti non sarebbero rivelati, e una sorta di fascino voyeristico verso la natura stessa…
Continua a leggere


Maria Cristina Carlini. Ritorno alle origini
Dove: Il Salotto di Milano, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 30 ottobre 2020
Il Salotto di Milano ospita, dal 1 al 30 ottobre, la mostra “Maria Cristina Carlini. Ritorno alle origini”, a cura di Francesca Bellola, in cui l’artista percorre un viaggio che giunge agli inizi del mondo e alla nascita dell’uomo, in un’ottica di totale rispetto e armonia nei confronti della natura e del pianeta.
Il Salotto di Milano, luxury hub situato nel cuore del quadrilatero milanese, dedicato alle eccellenze Made in Italy nell’ambito del fashion, del design e dell’arte, con questa importante mostra conferma il suo ruolo di promotore culturale nonché la sua vocazione a valorizzare le più interessanti espressioni della ricerca artistica italiana contemporanea.
Per l’occasione sono esposte una selezione di sculture di medie e piccole dimensioni realizzate con i materiali che rappresentano la cifra stilistica di Maria Cristina Carlini che vanno dal grès, al legno, passando per il bronzo e il ferro, attraverso i quali l’artista istituisce un collegamento diretto con la terra e con gli elementi naturali…
Continua a leggere


Regione Liguria 1970-2020. I nostri primi 50 anni
Dove: Museo del Festival, Sanremo
Quando: 1 ottobre 2020 – 30 ottobre 2020
In occasione del cinquantesimo anniversario della costituzione delle Regioni a statuto ordinario, la Regione Liguria ha deciso di realizzare, seppur in maniera particolare, ridotta, per la situazione contingente, in collaborazione con Ansa e con il supporto dell’Archivio regionale, una mostra che ripercorra la storia di mezzo secolo di vita dell’istituzione e del nostro territorio, attraverso immagini, oggetti e racconti dei fatti salienti che ne hanno segnato il percorso, dalla cronaca alla politica, dall’economia allo sport e allo spettacolo.
Il Museo del Festival participerà a questra mostra esponendo alcuni sui cimeli relativi al festival di Sanremo come ad esempio la chitarra Fender di Gianni Morandi donata ed autografata dallo stesso Maestro, il famoso microfono RIEM utilizzato al Casinò di Sanremo negli anni ’70 durante il Festival di Sanremo, alcuni vinili ecc.ecc….
Continua a leggere


Ysabel Dehais. Undertow
Dove: Mesia Space, Roma
Quando: 1 ottobre 2020 – 30 ottobre 2020
UNDERTOW: def. 1: una forte corrente che scorre sott’acqua in una direzione diversa dal modo in cui si muove l’acqua in superficie, specialmente una che scorre via dalla terra nello stesso momento in cui un’onda colpisce la spiaggia; def. 2: una corrente, una forza o una tendenza sottostante che è in opposizione a ciò che è apparente (Merriam-Webster) Nel tempo del lockdown della pandemia Covid 19 sono saliti a galla in modi preponderanti, il silenzio, la lentezza, un senso di isolamento, di intimità, di immobilità, il bisogno di cura, il lutto, l’incertezza, rivelando una realtà di interconnessione, di unità, di relazioni, di desideri nascosti… Progetto di arte esperienziale, site and time specific, Undertow abbandona come obbiettivo principale la produzione di un’ opera fruibile da terzi proponendo la condivisione di un processo di discesa, di esplorazione con l’ascolto dei vari livelli sempre presenti nel corpo, corpo vivente immerso nel mondo, attraversato, in interazione, attivamente e passivamente. Da questa matrice custode di memorie cellulare, emotive, proto-mentali e mentali, l’invisibile in noi prende forma a contatto della materia, si rivela, si racconta in una sorta di loop…
Continua a leggere


Edgardo Maria Giorgi. Mito Contemporaneo
Dove: Teatro Paesana, Torino
Quando: 1 ottobre 2020 – 25 ottobre 2020
Obiettivo della mostra Mito Contemporaneo personale di Edgardo Maria Giorgi, curata da Ermanno Tedeschi a Teatro Paesana a Torino dal 1° al 25 ottobre 2020, è di ambientare con ironia e fantasia i personaggi della mitologia nel mondo contemporaneo esaltandone le stravaganze, i vizi e le virtù dimostrando attraverso una fantasiosa raffigurazione che nulla è cambiato in 3000 anni di storia. Nelle sue opere gli occhi quasi parlanti e la sinuosità dei corpi emergono in modo evidente.
Edgardo Maria Giorgi è un artista di estrema e raffinata eleganza che si riflette in tutte le sue opere, realizzate a livello tecnico con un’attenzione meticolosa ai dettagli che le rende uniche. La profonda passione e conoscenza della mitologia greca e romana ha portato l’artista a trasferire i grandi miti su carta con l’utilizzo del carboncino e della grafite, permettendogli così di creare un particolare e intenso contrasto di luci e ombre con cui esprime le contraddizioni dei vari personaggi.
“I miei studi in architettura e la passione per il fumetto – spiega l’artista Edgardo Maria Giorgi – mi portano a utilizzare un linguaggio basato sul contrasto tra il bianco e il nero. Le strutture dell’architetto statunitense Louis Kahn, con la loro linearità dei materiali e la pulizia delle forme, influenzano profondamente la mia volontà di esaltare i giochi di luce che si possono creare sulla superficie. Nei miei disegni, affiancati da un sistema d’illuminazione esterno, la luce e l’ombra si danno battaglia per assumere il controllo dello spazio dando una sensazione di tridimensionalità.”..
Continua a leggere


Carlo Adelio Galimberti. La pittura 4.0
Dove: Galleria Ponte Rosso, Milano
Quando: 1 ottobre 2020 – 24 ottobre 2020
Caravaggio disegnava usando i doppi specchi. Tutti gli artisti hanno sempre utilizzato tecnica e tecnologia. Tuttavia, tecnica e tecnologia non bastano per ottenere un’opera d’arte.
E’ questa la lezione di Carlo A. Galimberti che per la prima volta mette in mostra sue opere realizzate con il pennello elettronico sull’esempio del britannico David Hockney.
Evento straordinario anche per la location, la Galleria Ponte Rosso di via Brera 2 a Milano, da mezzo secolo specializzata in arte figurativa contemporanea e classica.
“Tuttavia non siamo la Galleria del secolo scorso – dichiara il titolare Alessandro Consonni -, non ci chiudiamo a nuove esperienze perché la passione per l’arte e la bellezza non ha confini. Siamo solo contrari alle novità mirate unicamente a shockare il pubblico”.
La mostra di Galimberti dal titolo esplicativo Pittura 4.0, si inaugura giovedì 1 Ottobre 2020 dalle 15 alle 20. Si potrà visitare fino a sabato 24 Ottobre, la mattina su appuntamento, il pomeriggio dalle ore 15 alle 19…
Continua a leggere


Paolo Bielli. Napoli in Ring
Dove: PAN – Palazzo delle Arti, Napoli
Quando: 1 ottobre 2020 – 21 ottobre 2020
In collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli arrivano dal 1° ottobre a Napoli i Pugili di Paolo Bielli e abiteranno le sale del Museo Pan fino al 20 ottobre.
Questa esposizione è stata fortemente voluta dall’artista proprio a Napoli in questo difficile momento, terra potente, in perenne fermento. Napoli, città di grandi contrasti, in continuo movimento, dominata da forze vulcaniche, viste da Bielli come Ring ideale per esorcizzare questo terribile momento storico. Figure scultoree troneggeranno nello spazio espositivo. Tutto va tendenzialmente ad armonizzarsi creando la Speranza per il futuro.
Il 1° ottobre Paolo Bielli alle ore 18,00 darà vita ad una Performance in simbiosi con il suo stesso operare artistico presentandosi nei panni di un boxer insieme al basso Maestro Luca De Lorenzo…
Continua a leggere


Valeria Angelini. Figli della luna
Dove: Mimumo – Micro Museo Monza, Monza
Quando: 1 ottobre 2020 – 21 ottobre 2020
Il percorso creativo di Valeria Angelini incentrato sull’Identità personale, culturale e storica si arricchisce di nuovi spunti affrontando questo progetto FIGLI DELLA LUNA, che trae spunto dai versi della creazione della Genesi. Ha immaginato una dimensione onirica, in cui la natura femminile e maschile siano percepite come figure armoniche in cui la bellezza è il frutto di equilibrio tra anima e animus*: “sogni dove l’assenza di coscienza confonde tutte le cose, per cui io sono ad un tempo, maschio e femmina,adulto e bambino, dove naufraga la successione temporale, la sequenza spaziale, dove non vige il principio di non contraddizione e tanto meno il principio di casualità…” La sua visione della realtà si sgretola: si materializza nei suoi frammenti fotografici, o nelle piccole fessure costruite con fogli di carta fatta mano ricoperti di foglia oro…
Continua a leggere


Festival Graphic Days 2020
Dove: Toolbox, Torino
Quando: 1 ottobre 2020 – 11 ottobre 2020
Graphic Days® si rinnova presentando Transitions, l’edizione 2020 del festival internazionale dedicato al visual design che anticipa l’edizione diffusa sul territorio prevista per il 2021.
Questa edizione speciale sarà caratterizzata da riflessioni puntuali con gli esperti di settore sulle tematiche più attuali del sistema in cui viviamo, presentando alcuni tavoli di lavoro dedicati a valorizzare l’aspetto dinamico del visual design. Graphic Days® Transitions ospiterà, infatti, un ciclo di incontri che coinvolgeranno Enti istituzionali, Associazioni riconosciute ed un panel internazionale di professionisti e studi di visual design per indagare attraverso un approccio sistemico i nuovi paradigmi e i possibili scenari relativi alla società e all’ambiente e le loro transizioni. A questo si aggiungeranno dibattiti, workshop ed un percorso espositivo dedicato ad indagare le rivisitazioni contemporanee degli archetipi e dei simbolismi propri della variegata cultura tradizionale italiana…
Continua a leggere


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.