News dal Blog

Calendario Mostre [362] – 03/10/2020

Out-of-blog Barbara Picci

Cosa troverete: Trevor Paglen @ OGR, Torino; Ciredz @ Beeozanam, Torino; Corinna Gosmaro @ The Gallery Apart, Roma; Vhils, Bezt Etam e Gonzalo Borondo @ MAGMA gallery, Bologna; Anna Park e Lorenzo Vitturi @ T293, Roma; Fabio Ricciardiello @ Villa Clerici, Milano; Anna Onesti @ Casina delle Civette, Roma; Marco Angelini e Andrea Pinchi @ Lu.C.C.A. – Lucca Center Of Contemporary Art, Lucca; Diego Gualandris @ ADA Project, Roma; Francesco Del Conte @ Basilica di San Celso, Milano; Carlo Zauli e Diego Drudi @ Museo Carlo Zauli, Faenza; Romana Loda @ Galleria dell’Incisione, Brescia; Massimo Sestini @ Palazzo del Quirinale, Roma; Camillo Ripaldi @ NINA Gallery Open Space, Napoli; Francesco Tommasi @ Galleria Arianna Sartori, Mantova; Marisa Iotti @ SCD Studio, Perugia; Svetislav Martinovic e Francesco Zavatta @ Galleria d’arte ZAMAGNI, Rimini; Giacomo Costa @ Palazzo del Parco, Diano Marina; Mara Fabbro e Alberto Pasqual @ Antico Ospedale dei Battuti, San Vito al Tagliamento; Romana Loda @ A Palazzo Gallery, Brescia; Luisella Rolle @ Biblioteca Nazionale Universitaria, Torino; Anna Girolomini @ Galleria Sgallari Arte, Bologna; Ercole Pignatelli @ Strada Sotterranea del Castello Sforzesco, Vigevano; Paolo Iacchetti @ Palazzo Sarcinelli, Conegliano; “Beepop fest” @ Beeozanam, Torino; “Nuove rotte. Il viaggio nei libri d’artista” @ Biblioteca cantonale, Lugano; “100 X 100 Fellini” @ Museo Diocesano Francesco Gonzaga, Mantova; “Garbatella Images 2020” @ 10b Photography, Roma; “Le Cannibale al PAC” @ Pac, Milano; “Flashback, l’arte è tutta contemporanea” @ Pala Alpitour, Torino


Trevor Paglen. Unseen Starsa
Dove: OGR, Torino
Quando: 10 ottobre 2020 – 10 gennaio 2021
Dal 10 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021, l’artista americano Trevor Paglen (Maryland, 1974) sarà il protagonista di una grandissima mostra alle OGR di Torino. Unseen Stars, a cura di Ilaria Bonacossa con Valentina Lacinio, è creata appositamente per gli spazi delle OGR, si inserisce in una più ampia riflessione sullo spazio e il suo controllo che l’artista porta avanti da quasi dieci anni avvalendosi di collaborazioni scientifiche di altissimo livello, dalla NASA al MIT di Boston.
Per l’occasione, Trevor Paglen trasformerà le OGR in uno pseudo-laboratorio aerospaziale: tre “satelliti non funzionali” e una serie di strutture sopraelevate — simili alle impalcature su cui sono soliti operare tecnici e ingegneri — scandiranno l’intera navata del Binario 1 dando vita a uno spazio astratto, la cui illuminazione fortemente teatrale e poliforme amplifica lo sdoppiamento dell’architettura riflessa sulle superfici specchianti dei satelliti.
Continua a leggere


Anna Onesti. Un mondo fluttuante
Dove: Casina delle Civette – Musei di Villa Torlonia, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 10 gennaio 2021
Arazzi e aquiloni in carta giapponese.
Il progetto espositivo omaggia il Giappone attraverso l’opera di un’artista che, da più di 20 anni, lavora con ricerche che delineano un ponte tra tradizione artistiche diverse e spesso lontane.
Anna Onesti è un’artista dal percorso complesso e articolato che ha collaborato con importanti istituzioni internazionali impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale.
I suoi lavori sono realizzati su carta, utilizzando tecniche decorative ispirate alla tintura tradizionale dei tessuti; tecniche apprese nei suoi periodi di studio in Giappone e che si basano su metodi di tintura per riserva, ovvero metodi di tintura parziali, come: l’itajimezome, lo shiborizome, e il katazome. I colori, impiegati in questi processi tintori, sono in prevalenza di origine organica.
Queste tecniche, nate per la tintura dei tessuti, sono utilizzate in Giappone anche sulla carta.
In mostra sono presentati otto arazzi e otto aquiloni, frutto del recente lavoro dell’artista. La mostra vuole riflettere su come l’attuale modernizzazione abbia inciso sulla produzione di questa materia, il cui sviluppo dipende molto dalla qualità dell’ambiente e dal suo giusto equilibrio ecologico…
Continua a leggere


Ciredz. Disegni e sculture
Dove: Beeozanam, Torino
Quando: 3 ottobre 2020 – 12 dicembre 2020
LOOP è il titolo della mostra personale dell’artista sardo Roberto Ciredz , la quale sarà inaugurata sabato 3 ottobre 2020 alle 18 nella galleria di Beeozanam.
L’artista presenta una serie di lavori su carta affiancati da alcune sculture che incarnano una parte determinante della sua produzione artistica: il passaggio e la trasformazione degli elementi naturali ed il loro rapporto con l’uomo.
Un insieme di opere astratte caratterizzate da un comune denominatore: la ciclicità dello scorrere del tempo, della vita e della natura
Il percorso espositivo accompagna il susseguirsi incessante dei processi di trasformazione e rinnovamento naturale, siano essi scanditi dal tempo che passa, dall’intromissione umana o dalla stessa natura che interviene modificando le azioni di geometrizzazione realizzate dall’uomo. Un loop costante che alterna la fine con un nuovo inizio trasformativo, evolutivo, infinito.
Saranno, infine, esposte alcune opere inedite formate dalla successione di frame visivi disposti in sequenza che andranno a creare una installazione composta da oltre 60 disegni. Accanto a questi verranno proiettate delle animazioni in loop..
Continua a leggere


Corinna Gosmaro. Chutzpah!
Dove: The Gallery Apart, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 4 dicembre 2020
The Gallery Apart è orgogliosa di presentare CHUTZPAH!, la seconda personale in galleria di Corinna Gosmaro, artista attualmente in residenza alla Cité Internationale des Arts di Parigi e che dal prossimo mese di gennaio sarà ospite dell’American Academy in Rome quale Italian Fellowship for Visual Art.
La mostra si pone in continuità con il percorso seguito dall’artista fin dagli esordi, da quando cioè i suoi interventi pittorici su filtri industriali intendevano generare paesaggi come tentativo di fusione tra percezione, cognizione, memoria e risonanze emotive.
Per Corinna Gosmaro, tempi e luoghi sono elementi privi di una necessaria linearità cronologica o geografica. Sono piuttosto tasselli di conoscenza che possono essere impiegati per indagare gli archetipi: immagini, forme e oggetti rappresentativi di momenti creativi fondamentali nella storia del genere umano.
La ricerca dell’archetipo non è finalizzata soltanto alla creazione dell’opera d’arte, questa è semmai il risultato finale di un processo trasversale, volto all’individuazione di una possibile matrice comportamentale.
Una metodologia di pensiero e di lavoro che trova ispirazione nell’ambito delle neuroscienze, dove si esplora la correlazione tra memoria e immaginazione in termini di chronesthesia o mental time travelling – ovvero la capacità di ricostruire mentalmente eventi personali dal passato insieme a quella di immaginare possibili scenari futuri…
Continua a leggere


Nuove rotte. Il viaggio nei libri d’artista
Dove: Biblioteca cantonale di Lugano, Lugano
Quando: 27 ottobre 2020 – 28 novembre 2020
Il tema del viaggio è classico nella storia dell’arte e della letteratura e non cessa di affascinare per la sua capacità di dischiudere dimensioni altre. Secondo Guy de Maupassant, esso “è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno”. In questa prospettiva, sono molto interessanti le possibilità offerte dal libro d’artista che, nel percorso di questa mostra, apre davvero a numerosi viaggi verso luoghi, sentimenti, sensazioni, atmosfere, visioni che gli artisti esposti sono in grado di farci sperimentare attraverso le loro opere. La Biblioteca cantonale di Lugano ha selezionato una serie di libri d’artista dalle sue collezioni per raccontare la ricchezza di questa attività umana, quella del viaggio appunto, e si è rivolta anche a numero artisti che hanno realizzato appositamente per questo evento una nuova opera. L’esposizione è tutta da gustare, nella sua varietà tanto ricca, una mostra fatta dalle opere di artisti capaci di veicolare mondi. A loro è dedicato un agile catalogo che fornisce di ciascuno una piccola presentazione…
Continua a leggere


Camillo Ripaldi. Deep Trance
Dove: NINA Gallery Open Space, Napoli
Quando: 3 ottobre 2020 – 30 novembre 2020
Sabato 3 e domenica 4 ottobre 2020 dalle 11.00 alle 18.00, nell’ambito della manifestazione Open House giunta alla sua seconda edizione, aprirà al pubblico la personale dell’artista Camillo Ripaldi, dal titolo “Deep Trance”, a cura di Marina Guida nella NINA Gallery Open Space
Cortile interno Palazzo Monte Manso di Scala.
Il nuovo progetto pensato appositamente per questa occasione espositiva, presenta una grande installazione a parete ed una decina tra dittici e trittici di fotografie digitali di medie dimensioni, dalle quali emerge – tra alchimie e sinestesie – un’approfondita indagine degli archetipi e dei loro rapporti; interpreti di una fotografia intesa come continua esplorazione di immagini primordiali, molto spesso emerse dalla natura dei materiali e dei soggetti fotografati. Simbolismo, ed esoterismo, architettura, urbanistica, interesse per l’archeologia, la storia dell’arte e la cinematografia, frammisti ad una rigorosa indagine filosofica, antropologica e sociologica: tutto questo compone il multiforme universo visivo del poliedrico artista partenopeo…
Continua a leggere


Romana Loda. Il volto sinistro dell’arte
Dove: A Palazzo Gallery, Brescia
Quando: 3 ottobre 2020 – 30 novembre 2020
Mostra “Il volto sinistro dell’arte. Romana Loda e l’arte delle donne”, curata da Raffaella Perna, fino al 30 novembre dalle 11 alle 19…
Continua a leggere


Vhils | Bezt Etam | Gonzalo Borondo – Renaissance
Dove: MAGMA gallery, Bologna
Quando: 3 ottobre 2020 – 28 novembre 2020
MAGMA gallery è orgogliosa di presentare lo show “Renaissance”, con opere di Vhils, Betz e Gonzalo Borondo, dal 3 ottobre al 28 novembre 2020.
“Renaissance” è per MAGMA gallery un evento importante per più motivi: è la prima mostra dopo il lockdown, è la prima volta che MAGMA incontra questi tre grandi artisti, ed è la prima volta che Vhils e Betz espongono i loro lavori in Italia. Tutte le opere esposte sono state realizzate appositamente per la mostra; ogni artista ha infatti voluto concentrarsi ed interpretare secondo la propria sensibilità la parola “Rinascita”, ovvero il cominciare un nuovo percorso, con nuove energie, consci del proprio passato.
Nascono così le splendide opere di Vhils (Portugal, 1987), protagonista della scena mondiale dell’arte urbana. Dai suoi lavori emerge la consapevolezza del suo stile unico, la sua riconoscibilità. La grande “Accretion series #09”, 206×132 cm, ritrae un volto di donna, che emerge da un collage di poster pubblicitari. La matericità di questa tecnica è sottolineata anche dai bordi strappati, esaltando quello stretto rapporto, quasi simbolico, che Vhils ha con i materiali che offre la strada. Lo sguardo di quella figura è poetico, leggero, proiettato verso l’alto e il futuro. In “Lethargic series #02”, invece, una grande porta in legno è incisa a mano e ritrae la forza potenziale, l’energia inespressa di un corpo ritratto di profilo. Infine, in “Crack series #05”, Vhils corrode una lastra di metallo con acido nitrico, scomponendo il volto ritratto fino a sfigurarlo e rendendolo in questo modo, al tempo stesso, vibrante ed iconico.
Bezt (Poland, 1987) in questa mostra espone tre tele di grandi dimensioni, perfetti esempi del suo incredibile linguaggio enigmatico, in equilibrio tra iperrealismo e surrealismo. In “3 a.m.”, 120×160 cm, la figura ritratta di spalle è un bambino rivolto verso un luogo oscuro, una casa nel bosco, un territorio onirico che ospita sottili inquietudini, concetti che sembrano sprofondare in altre dimensioni o icone dei video-games, come pac-man, che spuntano dall’ombra del letto. Nelle altre due tele, di formati ancor più grandi, “The End”, 160×160 cm e “Behind the fence”, 150×180, lo sguardo femminile è l’elemento cardine, sia esso in primo piano e teso verso lo spettatore, che rivolto verso l’alto in una sorta di ascesa spirituale. Il gioco di luci ed ombre, il sapiente controllo della composizione, si esaltano grazie a sfondi surreali, che sembrano essere quasi delle quinte scenografiche dall’effetto grafico, decorativo, capaci tuttavia di rendere più forti la tensione e l’energia delle scene dipinte.
Gonzalo Borondo (Spagna, 1989) infine, sorprende lo spettatore con un’installazione di quattro sculture, ognuna delle quali costituita da una serie di lastre di plexiglass graffiate e dipinte dall’artista. La luce proveniente da dei led interni rende “vivi” i vari soggetti che si vengono a comporre visivamente, che rappresentano i quattro temperamenti umani: collerico, flemmatico, sanguigno e melanconico. Il dinamismo di queste figure sembra essere in questo modo tridimensionale, grazie all’incredibile tecnica di questo grande artista, geniale autore di poetiche installazioni…
Continua a leggere


Coazione a mostrare. Omaggio a Romana Loda
Dove: Galleria dell’Incisione, Brescia
Quando: 3 ottobre 2020 – 25 novembre 2020
La Galleria dell’Incisione e A Palazzo Gallery rendono omaggio a Romana Loda, coraggiosa gallerista che dagli anni Settanta ha svolto a Brescia un ruolo fondamentale nella valorizzazione dell’arte femminile.
Le mostre sono accompagnate dal catalogo “Romana Loda e l’arte delle donne”, curato da Raffaella Perna.
Le gallerie bresciane Galleria dell’Incisione e A Palazzo Gallery rendono omaggio con due mostre parallele a Romana Loda, coraggiosa gallerista scomparsa nel 2010, che dagli anni Settanta ha svolto a Brescia un ruolo fondamentale nella valorizzazione dell’arte femminile.
“Le sue scelte curatoriali — scrive in catalogo Raffaella Perna — hanno contribuito a denunciare l’assenza delle donne nel contesto dell’arte italiana, e a porre in evidenza come tale emarginazione non fosse un dato naturale e immutabile, ma, viceversa, fosse legata a precise condizioni storiche, sociali e culturali”.
Prendendo spunto da “Coazione a mostrare”, prima mostra di sole donne organizzata da Romana Loda nel 1974, la Galleria presenta una scelta di lavori storici di:
Mirella Bentivoglio, Tomaso Binga, Carla Cerati, Betty Danon, Amelia Etlinger, Elisabetta Gut, Ketty La Rocca, Lucia Marcucci, Verìta Monselles, Gina Pane, Berty Skuber…
Continua a leggere


Anna Park / Lorenzo Vitturi
Dove: T293, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 13 novembre 2020
L’artista sudcoreana calle 1996 alla sua prima personale in Europa. In mostra disegni realizzati a carboncino. I suoi lavori saranno affiancati dalle sculture del veneziano Lorenzo Vitturi…
Continua a leggere


Giacomo Costa. No-w-here
Dove: Palazzo del Parco, Diano Marina
Quando: 3 ottobre 2020 – 8 novembre 2020
L’Assessorato per i Beni e le Attività Culturali del Comune di Diano Marina in collaborazione con la Civiero Art Gallery è lieto di presentare, al Palazzo del Parco di Diano Marina, la mostra personale dell’artista Giacomo Costa. Il percorso espressivo e tecnologico di Giacomo Costa è in continua evoluzione, a quattro anni di distanza dalla prima mostra dell’artista fiorentino a Diano Marina continua la ricerca sulla sua visione del paesaggio, e sul perfezionamento del proprio codice e linguaggio.
Fin dai primi cicli di opere, Giacomo Costa ha lavorato su immagini di città dominate da un urbanistica irrazionale, l’uomo è il grande assente solo apparentemente…
Continua a leggere


Flashback, l’arte è tutta contemporanea
Dove: Pala Alpitour, Torino
Quando: 5 novembre 2020 – 8 novembre 2020
Flashback, l’arte è tutta contemporanea, la fiera dedicata all’arte senza limiti di spazio e di tempo, entra in gioco con un nuovo folgorante capitolo, Ludens, e con una copertina dissacrante opera di Daniele Caluri, autore vernacolare, matita del Vernacoliere, disegnatore di Don Zauker e Dylan Dog, che ci mette di fronte a un personaggio senza nome, che sembra appena emerso da un sogno allucinato per interrogarci, provocarci, forse anche prendersi gioco di noi.
Un tema e un’immagine che sferzano il nostro animo e incarnano al tempo stesso i nostri turbamenti e lo spirito di Flashback che nasce quale ‘unificatore di differenze’, dove spazio e tempo collassano e l’opera vive nella relazione con il proprio pubblico. Né giovane, né vecchia, nessun genere specifico, l’opera vive ponendoci continuamente delle domande, nessuna risposta, solo la certezza che in questo percorso di ricerca ‘NON SIAMO SOLI’.
Protagoniste indiscusse della manifestazione sono le opere e un formidabile elenco di gallerie che annoverano tra i loro collezionisti i musei più importanti al mondo dal Metropolitan Art Museum di New York agli Uffizi di Firenze, dal Rijksmuseum di Amsterdam ai Musei Vaticani.
Tra le novità di quest’anno anche la preview che per la prima volta si estende nell’arco di due giorni – il 3 e il 4 novembre dalle 11 alle 20 – durante i quali giornalisti e collezionisti potranno muoversi in esclusiva in uno spazio espositivo pensato come una scacchiera, fatto di geometrie ordinate, in cui ognuno saprà perfettamente quale posto occupare all’inseguimento della propria curiosità…
Continua a leggere


Svetislav Martinovic / Francesco Zavatta. Backup
Dove: Galleria d’arte ZAMAGNI, Rimini
Quando: 3 ottobre 2020 – 8 novembre 2020
Si inaugura sabato 3 ottobre alle ore 18.00, presso la Galleria d’arte ZAMAGNI di Rimini, la mostra BACKUP con gli artisti Svetislav Martinovic e Francesco Zavatta. L’esposizione ha il patrocinio del Comune di Rimini.
La Galleria d’arte ZAMAGNI è un progetto personale e appassionato, frutto di anni di esperienze e incontri sul territorio riminese. Nato circa un anno fa dal sogno di Gianluca Zamagni, è uno spazio aperto al confronto con il mondo dell’arte italiana ed internazionale.
Luogo di innovazione e tradizione, ha una lunga storia nel mondo dell’artigianato italiano: la galleria è nata infatti dall’Angolo della cornice, negozio che tutti conoscono a Rimini, sia come corniceria sia per gli anni trascorsi al servizio di artisti e talenti. Oltre all’esposizione di grandi nomi dell’arte, tra i quali figurano Mario Sironi, Mario Schifano, Mario Giacomelli, Franco Fontana, Giovanni Lombardini e Stefano Ronci, nello spazio si organizzano mostre personali e collettive, incontri con gli artisti e presentazioni di libri.
Il 3 ottobre la galleria presenta gli artisti Svetislav Martinovic e Francesco Zavatta il cui percorso è accomunato da questioni formali riconducibili ad un unico elemento geometrico che ricorre sovente attorno a noi: la linea…
Continua a leggere


Suggestioni laviche. Carlo Zauli e Diego Drudi in viaggio nelle Isole Canarie
Dove: Museo Carlo Zauli, Faenza
Quando: 3 ottobre 2020 – 3 novembre 2020
Inaugura al Museo Carlo Zauli di Faenza (Ravenna) sabato 3 ottobre alle ore 18,30 la mostra dal titolo “Suggestioni laviche. Carlo Zauli e Diego Drudi in viaggio nelle Isole Canarie” a cura di Monica Zauli. Il progetto coinvolge Diego Drudi, fotografo italiano che si contraddistingue per la qualità espressiva della propria ricerca e per le implicazioni ambientali, antropologiche e poetiche delle sue opere. L’esposizione presenta una serie di fotografie da lui scattate nelle Isole Canarie nel gennaio 2020 ed ora, grazie a questo progetto, messe in stretto dialogo con le opere realizzate da Carlo Zauli negli anni ’80 dopo i suoi numerosi viaggi svolti dall’artista a Tenerife e a Lanzarote. Zauli portò avanti gli studi per le sue opere come le Zolle, le Genesi, i Primari lavici negli stessi luoghi dove, 35 anni dopo, Diego Drudi scatta le sue fotografie. Queste ultime sono tratte da “Innatural Dance”, un lavoro a lungo termine, dove tratta il rapporto dell’uomo moderno con la natura e di come l’individuo si relazioni con essa sempre più in maniera distratta e frenetica senza riuscire a creare legami profondi e senza più riuscire a ritrovare in essa le proprie radici. Radici che Carlo Zauli, in controtendenza con questo progressivo scollamento dell’individuo, ha sempre rivendicato ed espresso nelle sue opere scultoree, professando il suo forte legame con la terra…
Continua a leggere


Garbatella Images 2020
Dove: 10b Photography, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 3 novembre 2020
Mostra di fotografie di Bénédicte Kurzen e Claudia Corrent, cortometraggio di Gherardo Gossi e Francesco Zizola, con le memorie fotografiche del quartiere e contributi video d’archivio.
10b Photography presenta la terza edizione di Garbatella IMAGES, un progetto ideato e curato da Francesco Zizola, con la direzione di Oriana Rizzuto, che prende forma in una mostra fotografica diffusa, tra gli spazi di 10b Photography e gli storici lotti del quartiere romano. Protagonisti di questa edizione, in mostra dal 3 al 18 ottobre, le fotografie di Bénédicte Kurzen e Claudia Corrent, il cortometraggio di Gherardo Gossi e Francesco Zizola, e i laboratori educativi sull’immagine per i giovani abitanti del quartiere.
L’iniziativa è parte del programma Estate Romana 2020 promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale. Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico “Estate Romana 2020 – 2021 – 2022” e fa parte di Romarama, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale in collaborazione con SIAE.
Dopo il successo delle prime due edizioni, torna Garbatella IMAGES con una nuova edizione che si inserisce in un progetto triennale dal titolo Memoria tra Passato, Presente e Futuro. Prosegue quindi la riflessione sulla storia custodita dalla Garbatella e sulle sue potenzialità attraverso un lavoro di ricerca e riscoperta di immagini degli archivi privati degli abitanti del quartiere e la produzione di nuove opere fotografiche di artisti di fama nazionale e internazionale quali Bénédicte Kurzen e Claudia Corrent. A questi due momenti si affianca una sezione cinema con la realizzazione di un cortometraggio firmato da Gherardo Gossi e Francesco Zizola, primo episodio di una trilogia. Anche per questa edizione saranno presenti materiali audiovisivo di archivio per riscoprire aneddoti, storie collettive e narrazioni del quartiere grazie ad una approfondita ricerca del team curatoriale…
Continua a leggere


Paolo Iacchetti. Proposizione astratta
Dove: Galleria Novecento di Palazzo Sarcinelli, Conegliano
Quando: 3 ottobre 2020 – 1 novembre 2020
Paolo Iacchetti nasce a Milano nel 1953, dove vive e lavora.
Dopo studi scientifici, si diploma all’Accademia di Brera. L’artista si concentra fin dagli esordi sull’indagine pittorica astratta; riconosce la vicinanza di artisti come Pollock e Newman in relazione ai propri studi sul rapporto tra spazio e distribuzione del colore.
Partendo da linea e colore, elementi espressivi primari, sviluppa la sua ricerca attraverso un processo costruttivo di relazioni che risultano fondamentali nella formazione di una immagine capace di attivare ripetutamente la percezione dell’osservatore.
Linee e colori creano queste relazioni, finite e rinnovabili allo sguardo secondo una misura che permette il “bello” come forma capace di rispondere a molteplici possibilità percettive.
Dal 1983 l’artista espone in gallerie in Italia e all’estero.
Partecipa a importanti collettive, tra cui le esposizioni presso PAC, Milano; Frankfurter Kunstverein; Palazzo Ducale, Genova; Civica Galleria d’Arte Contemporanea, Lissone; Von der Heydt-Museum, Wuppertal; Palazzo Ducale, Gubbio; MART, Rovereto; Vietnam National Museum of Fine Art, Hanoi; Gallerie d’Italia, Milano; Palazzo Fava, Bologna; Arena 1 Gallery, Los Angeles. Partecipa alla Biennale Nazionale Città di Milano, 1984 e 1993; alla Quadriennale di Roma, 1996, e in Lo Stato dell’Arte, Biennale di Venezia, 2011.
Le sue opere sono in diverse collezioni tra cui Museo del 900, Museo della Permanente e Collezioni Intesa San Paolo, Milano; Galleria Comunale di Arte Moderna, Bologna; MART, Rovereto; IVAM, Valencia; Collezione CIBA, Basilea…
Continua a leggere


Diego Gualandris. Antares
Dove: ADA Project, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 3 novembre 2020
L’altro ieri una supergigante rossa incontrò una discoteca che, come lei, si chiamava Antares. Andarono a mangiarsi un gelato dallo zio bastardo chiacchierando in uno strano dialetto incomprensibile.
‘Cume stut, bup o mup?’
‘Mup’
‘Parmarana?’
‘Non ho un centup’
‘Neanchup. Ti servono dei sup?’
‘Naum, graum. Farò un rapaum’
‘Mi so mpozzata? È peracalaure’
‘Nin ta praccapaura’
‘S’impazzaut’
‘mah.. Magari è mausen sequestrare un persausen’
‘Uno rauc perauc’
‘Chiaramanibe!’
E così decisero di andare a rapire qualcuno, in modo da chiedere un lauto riscatto e liberarsi della povertà, anche perché gli ultimi soldi li spesero in quel gelato. Che comunque era buono…
Continua a leggere


Luisella Rolle. Letture Pittoriche Palindrome. Luoghi di vita e di pensiero
Dove: Biblioteca Nazionale Universitaria, Torino
Quando: 3 ottobre 2020 – 30 ottobre 2020
Sabato 3 ottobre alle ore 17,30 si inaugura, presso la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, la personale dell’artista Luisella Rolle, che presenta in questa occasione una mostra frutto di un progetto sviluppato in molti anni intorno al mondo urbano percepito attraverso lo spostamento del punto di vista. Visitabile dal lunedì al venerdì dalle 09.30 alle 16.00, dal 5 al 30 ottobre presso la Sala Mostre della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino. Intitolata Letture Pittoriche Palindrome. Luoghi di vita e di pensiero, l’esposizione a cura di Silvana Nota, e un intervento critico in catalogo di Angelo Mistrangelo, propone opere da leggere, con un’ottica palindroma o bifacciale: la realtà percepita in una doppia visione: la prima come impatto e la seconda invece riletta con un’ottica diversa e aperta. La mostra trova la sua fonte iniziale di riferimento nel palindromo di Primo Levi In arts it is repose to life / è filo teso per siti strani contenuto nel racconto «Calore vorticoso» tratto da «Lilith e altri racconti», per tracciare, in totale libertà e indipendenza dal testo, un viaggio nella città odierna suggerita nella sua immagine da un’ottica che invita a considerare la realtà e rileggerla da un altro punto di osservazione. Il palindromo ne è il veicolo identificato in un doppio filone: nei titoli, parte integrante delle opere, e in alcune tele installative bifacciali…
Continua a leggere


Anna Girolomini. Aere
Dove: Galleria Sgallari Arte, Bologna
Quando: 3 ottobre 2020 – 30 ottobre 2020
“Perseguendo da sempre una mia costante ricerca, considero la sperimentazione come unico modo di operare, di procedere, di essere libera”.
Sperimentatrice instancabile Anna Girolomini, nata a Rimini ma bolognese di adozione, inizia il suo viaggio nell’arte dipingendo negli anni ‘70, mettendo da parte in seguito il pennello spinta dalla necessità di uscire dai confini imposti dalla tecnica e invadere uno spazio più ampio. La sua ricerca sarà un lungo percorso attraverso i materiali: legno, ferro, cartapesta, p.v.c., gesso, resine… ognuno in funzione del progetto e dell’idea del momento. La sua produzione eterogenea, che contempla ancora il disegno e la pittura, si incentra comunque sulla scultura e sull’installazione: totem, scatole di luce, maschere, strutture installative… popolano la vasta produzione della Girolomini, raccontando ognuna a suo modo un momento, una riflessione, uno spunto di questa figura così significativa, riservata e fuori dal coro ma non per questo meno rilevante, della scena artistica bolognese degli ultimi decenni…
Continua a leggere


Fabio Ricciardiello. Life vest under your seat (capitolo secondo)
Dove: Villa Clerici, Milano
Quando: 3 ottobre 2020 – 25 ottobre 2020
GASC – Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei di Villa Clerici presenta Life vest under your seat (capitolo secondo), la personale dell’artista e fotografo Fabio Ricciardiello a cura di Irene Biolchini. Dal 3 al 25 ottobre 2020, la settecentesca cappella di S. Teresa d’Avila di Villa Clerici a Milano ospiterà un nucleo di opere in ceramica realizzate dall’artista durante un periodo di residenza al FACC, Faenza Ceramic Center nel 2019 e accompagnate, in occasione di questo ‘secondo capitolo’, da un’installazione site specific, un video e un sonoro che completano il percorso espositivo.
Immersa nel silenzioso parco di Villa Clerici – uno dei maggiori esempi architettonici di ‘ville di delizia’ diffusosi a partire dal Settecento in Lombardia – la cappella di S. Teresa D’Avila custodisce tra le sue antiche mura opere d’arte realizzate nella seconda metà del Novecento da quegli artisti che si strinsero intorno alla figura di Dandolo Bellini il quale diede origine, a partire dagli anni ’50, alla raccolta museale della GASC oggi arricchita dai lavori di autori contemporanei: un corpo di circa tremila lavori tra dipinti, sculture, disegni, ceramiche, gessi e mosaici di artisti come Francesco Messina, Aldo Carpi, Lello Scorzelli, Silvio Consadori, Trento Longaretti, Floriano Bodini, Giacomo Manzù, Kengiro Azuma, William Xerra, Valentino Vago, Davide Coltro, Agostino Arrivabene…
Continua a leggere


100 X 100 Fellini
Dove: Museo Diocesano Francesco Gonzaga, Mantova
Quando: 3 ottobre 2020 – 25 ottobre 2020
Nell’anno delle celebrazioni per il centenario della nascita di Federico Fellini,il Museo diocesano Francesco Gonzaga ospita, dal 3 al 25 ottobre 2020, la mostra collettiva “100 X 100 Fellini”, patrocinata dal Comune di Mantova: l’esposizione è un tributo al maestro del cinema italiano e mondiale, attraverso 100 opere d’arte inedite realizzate da 50 artisti italiani e internazionali, invitati dalle curatrici Francesca Bianucci e Chiara Cinelli a rendere omaggio, secondo la propria sensibilità ed espressività, all’immaginario felliniano e ai suoi archetipi.
«Può apparire inappropriato, quasi un’invasione di campo, che un Museo come questo si occupi di cinema – afferma Mons. Roberto Brunelli, Direttore del Museo – sia pure per celebrare un genio riconosciuto qual era Federico Fellini. In realtà non è affatto inappropriato, per almeno due buoni motivi. Primo, le opere qui esposte, con le quali si vuole appunto richiamare la grandezza di questo regista, sono quadri e dunque, piacciano o no, si accostano legittimamente ai tanti altri che il Museo offre alla pubblica fruizione. Secondo motivo, all’arte, agli artisti, è riconosciuto il diritto – o forse meglio, il diritto-dovere – di attingere a piene mani alla realtà in cui sono immersi, come è sempre avvenuto, sin dai tempi dell’arte rupestre: per coglierne le fattezze e restituirle, immortalandole, agli osservatori delle loro creazioni. Restituirle, arricchite dello sguardo dell’artista, capace con ciò di farne il veicolo di arcani messaggi. Questo fanno la pittura, la scultura, in genere le arti visive: tra le quali è facile includere l’arte, quando è arte, di chi si esprime attraverso il cinema. Fellini per questo sta bene, nel nostro come in ogni altro museo»…
Continua a leggere


Mara Fabbro / Alberto Pasqual. È per sempre
Dove: Antico Ospedale dei Battuti, San Vito al Tagliamento
Quando: 3 ottobre 2020 – 25 ottobre 2020
L’INEDITO PROGETTO DEGLI ARTISTI FRIULANI MARA FABBRO E ALBERTO PASQUAL.
DUE MOSTRE, LA PRIMA A OTTOBRE A SAN VITO AL TAGLIAMENTO (ANTICO OSPEDALE DEI BATTUTI) LA SECONDA A MAGGIO A PORDENONE: DUE ESPLORAZIONI DEI NOSTRI TEMPI CONTRADDISTINTI DA UN LATO DALL’ASSENZA, EFFETTO DELLO SVUOTAMENTO FORZATO DELLE NOSTRE CITTÀ. DALL’ALTRO, DALLA PREPOTENTE MASSA DI PLASTICA CHE SOFFOCA IL PIANETA.
LA PRIMA MOSTRA DAL TITOLO “È PER SEMPRE” PRESENTA UN’INSTALLAZIONE INEDITA, LA GRANDE E SOFFOCANTE “LA FINE DEL PESCE”, LABIRINTO RICAVATO TRA UN MARE DI BORSE DI PLASTICA. OPERA CHE INTRODUCE ALL’INSTALLAZIONE TRASPARENZE, ENTRAMBE OPERE REALIZZATE DAI DUE ARTISTI…
Continua a leggere


Ercole Pignatelli. Metamorphosis
Dove: Strada Sotterranea del Castello Sforzesco, Vigevano
Quando: 3 ottobre 2020 – 18 ottobre 2020
La rassegna “Metamorphosis. Ercole Pignatelli” esposta dal 3 al 18 ottobre presso la Strada Sotterranea del Castello Sforzesco di Vigevano, a cura di Fortunato D’Amico e Giancarlo Lacchin, propone, attraverso una selezione di opere significative, il percorso pittorico di Ercole Pignatelli.
L’artista, originario di Lecce, per oltre sessant’anni ha segnato l’immaginario poetico della cultura italiana a partire dal 1953, anno del suo arrivo Milano, in occasione della mostra di Pablo Picasso.
La mostra racconta un universo artistico fortemente illuminato dalla presenza di colori accesi e fluorescenti, che restituiscono il clima e l’atmosfera del paesaggio salentino. La metafora del corpo femminile, intesa come Grande Madre, come ossessione seduttiva, fonte di ispirazione assoluta e totalizzante del espressione artistica, è rielaborata da Pignatelli in continua metamorfosi con il paesaggio naturale e antropico della campagna leccese. Un contesto in cui si agitano rabdomanti, masserie, germinazioni, nudi, basamenti floreali, paesaggi, marine, che consentono di ricostruire un microcosmo sospeso tra cielo e terra, fantastico e onirico per antonomasia, ricco di memorie vernacolari del passato, ma comunque saldamente legato al sentire contemporaneo…
Continua a leggere


Francesco Del Conte. Fräsen
Dove: Basilica di San Celso, Milano
Quando: 3 ottobre 2020 – 18 ottobre 2020
Heillandi è lieta di invitarvi all’inaugurazione della mostra Fräsen, del nostro Francesco Del Conte che avrà luogo a Milano nella Basilica di San Celso il 3 ottobre dalle 18.00 alle 21.00. La mostra, aperta al pubblico fino al 18 ottobre, è curata dalla storica dell’arte e curatrice indipendente Angela Madesani e realizzata grazie a Heillandi. Fräsen prosegue un’indagine fotografica iniziata a Lipsia nel 2014, che ritrae una serie di strumenti appartenenti al mondo della lavorazione industriale.
Protagoniste della mostra sono quattro nuove fotografie di utensili, progettati dalla ditta svizzera Urma, specializzata dal 1962 nella produzione di strumenti industriali di alta precisione.
Il lavoro sarà composto da quattro proiezioni di diapositive in bianco e nero, messe in dialogo con l’architettura della chiesa…
Continua a leggere


Marco Angelini e Andrea Pinchi. La tensione astratta dei segni
Dove: Lu.C.C.A. – Lucca Center Of Contemporary Art, Lucca
Quando: 3 ottobre 2020 – 18 ottobre 2020
Reinventare il linguaggio attraverso un codice del tutto personale che risponde a esigenze estetiche ed emozionali più che funzionali. È in fondo questo il gioco “serio” che gli artisti Marco Angelini e Andrea Pinchi si divertono ad affrontare nella bi-personale dal titolo “La tensione astratta dei segni”, a cura di Raffaella Salato, che aprirà i battenti martedì 29 settembre 2020 nel Lu.C.C.A. Lounge&Underground. La mostra, a ingresso libero fino al 18 ottobre 2020, è patrocinata dal Comune di Lucca con il sostegno di Deva Connection. Sabato 3 ottobre 2020 alle ore 17 si terrà l’inaugurazione ufficiale alla presenza degli artisti.
In semiotica, il segno è definito “qualcosa che sta per qualcos’altro, a qualcuno in qualche modo”. Parte da qui il lavoro di Angelini e di Pinchi, che si concentrano non tanto sui segni naturali – che non sono stati creati per significare qualcosa, ma che rimandano ad altri oggetti – o sui segni artificiali – creati per la comunicazione e quindi per trasmettere un concetto –, bensì su un’altra categoria di segni. Come spiega la curatrice Raffaella Salato, l’esposizione «intende dare un’interpretazione nuova ed originale di quella categoria di conoscenza dei segni che – secondo la teoria di Charles Sanders Peirce – viene definita dei ‘segni simbolici’ o ‘codici’. Nel caso dei segni simbolici o codici, infatti, la relazione esistente tra significato e significante è arbitraria, al contrario di quanto accade in presenza di segni iconici (in cui il significante è simile al significato) o segni indicali (in cui vi è una connessione fisica tra significante e significato).»..
Continua a leggere


Marisa Iotti. Amabili intrecci
Dove: SCD Studio, Perugia
Quando: 3 ottobre 2020 – 17 ottobre 2020
“Amabili intrecci” è la mostra personale di Marisa Iotti che SCD Studio inaugurerà sabato 3 ottobre 2020, nell’ambito della programmazione della galleria dedicata alla fiber art contemporanea.
Una mostra intimista, da sfogliare come un diario e che si legge come un racconto della vita declinato al femminile, testimone e testimonianza anche per la generazione che verrà. Piccole opere composte di pieni e di vuoti, laddove nei vuoti echeggia l’invisibile; il vuoto è infatti lo spazio delle emozioni, delle riflessioni, dello spirito.
Una narrazione fluida, quella della Iotti, che si dipana seguendo il filo dei suoi lavori e che attraverso la mutevolezza delle forme diventa elogio della capacità di trasformazione. Nella consapevolezza dell’instabilità dell’esistenza, in cui nessuna condizione è permanente e ad ogni istante tutto può mutare, il cambiamento riscatta il senso di incertezza con la possibilità – ipotesi di altro o di un altrove migliore, opportunità di una soluzione salvifica nei frangenti più amari, alternativa auspicabile al perentorio ‘per sempre’…
Continua a leggere


Francesco Tommasi. Sogni di Narf, Realtà soggettiva
Dove: Galleria Arianna Sartori, Mantova
Quando: 3 ottobre 2020 – 15 ottobre 2020
Sabato 3 ottobre alle ore 17.30, presso la Galleria d’Arte Arianna Sartori di Mantova, nella sede di via Cappello 17, si inaugura la mostra personale “bivalente” di Francesco Tommasi, che resterà aperta fino al 15 ottobre 2020. Anche in questa rassegna, come nel 2019, Tommasi ha rivolto la propria attenzione a due differenti argomenti: sogni di Narf e realtà soggettiva. Sogni di Narf – tema tratto da una narrazione di sogni collegati fra loro da una trama comune. Realtà soggettiva – tema di ispirazione filosofica. Tommasi asserisce che le due tematiche apparentemente sono diverse, ma in realtà entrambe sono unite dallo stesso concetto, “sono libere da referenzialità descrittive”, permettendo così allo spettatore di accostarsi alle opere con la propria sensibilità intuitiva. Naturalmente, ribadisce Tommasi, non bisogna soffermarsi esclusivamente sull’aspetto oggettivo, ma andare oltre ciò che vede l’occhio fisico, percependo così l’essenza delle cose. Al termine della mostra l’intera serie di opere esposte sarà donata dall’autore al Comune di Ceresara (Mantova), luogo di nascita dell’artista…
Continua a leggere


Massimo Sestini. Dante 700
Dove: Palazzo del Quirinale, Roma
Quando: 3 ottobre 2020 – 11 ottobre 2020
In occasione del 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri, il Palazzo del Quirinale ospita dal 3 ottobre all’11 ottobre la mostra “Dante 700. Un ritratto di Dante e i luoghi del poeta nelle fotografie di Massimo Sestini”, un reportage fotografico a cura del fotoreporter Massimo Sestini, che racconta la presenza di Dante ai giorni nostri, utilizzando tecnologie innovative per ritrarre, da punti di vista insoliti, ingredienti narrativi danteschi, contestualizzandoli con l’ambiente.
Il progetto, proposto dall’Associazione Mus.e, è stato sviluppato con la collaborazione del Comune di Firenze e con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale…
Continua a leggere


Beepop fest
Dove: Beeozanam, Torino
Quando: 3 ottobre 2020 – 4 ottobre 2020
Beepop fest è il primo festival co-prodotto da beeozanam, il nuovo community hub di via Foligno 14, uno spazio ibrido e plurale dove si producono idee e si crea comunità.
Due giorni di workshop, mostre, installazioni e performance aperte a tutti e raccolti all’interno di un luogo speciale, una vecchia fabbrica rigenerata con orti, giardini, arte contemporanea e… api.
Beepop fest è realizzato nell’ambito dei Graphicdays con il patrocinio della Circoscrizione 5…
Continua a leggere


Le Cannibale al PAC
Dove: Pac, Milano
Quando: 3 ottobre 2020 – 3 ottobre 2020
Sabato Le Cannibale torna al Padiglione D’Arte Contemporanea di Milano dando vita ad un appuntamento unico: l’incontro tra due artiste che declinano e raccontano il presente e futuro prossimo della musica elettronica contemporanea italiana. Kety Fusco presenterà live per l’occasione il suo nuovo album Dazed. Definita dalla stampa musicale “la regina dell’arpa elettrica”, diventa già giovanissima prima arpa di importanti orchestre europee. Accompagnando arpa a loop machine e sintetizzatori, Kety Fusco sviluppa composizioni influenzate da grandi musicisti quali Alva Noto e Moderat, divenendo in poco tempo una delle artiste più interessanti della musica italiana contemporanea…
Continua a leggere


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.