Introspective Brabs

Untitled

L’oscurità mi travolge
Mentre la notte penetra le onde
Della mia speranza
Di un futuro diverso
Una luce di vita
Per l’anima pura
Che dentro mi cresce

Ho paura del vento
Del freddo
Dell’indifferenza
E dell’ignoto
Che mi spinge
Verso terre oscure
Col desio di un futuro
Per te, figlio mio

Urla profonde fra le onde
Nel mare
Del mio triste lamento
Angoscia nel cuore
Per la tua vita
Che fugge
Insieme alla mia
Fra le gelide acque
Che promettevano
Un destino diverso
Per l’alito puro
Che in grembo
Cresceva

Categories: Introspective Brabs, Poesia

Tagged as:

14 replies »

    • Forse… o forse sì… le parole a volte servono a catalizzare le emozioni, a fissare i momenti perché non sfuggano alla storia, perché non si disperdano nei mari dell’indifferenza. Attraverso le parole si può cercare di capire la sofferenza, la disperazione di persone che troppo spesso non sono considerate come tali. E invece lo sono, provano delle emozioni, hanno delle speranze per una vita diversa che si dissolve nella miseria e nella morte più atroce… Io credo che le parole servano a farli vivere, nonostante siano dure. Esprimono in qualche modo ciò che loro non sono riusciti a dire…

      Like

      • ma è bene che parlino loro…..non la nostra classe politica che di c….te ne ha dette milioni…….
        ora servono fatti e le parole solo se saranno concretezza e sviluppo……
        ora credo solo che serva rimboccarsi le maniche e agire……

        marcello

        Like

  1. Parafrasando tra le parole di “blowing in the wind” di Dylan mi domando: …. quante parole possono ancora esser scritte prima che tutta questa sofferenza possa aver fine…. quanti orecchi deve un uomo avere prima di poter sentire gli altri che piangono…. quanti morti ci vorranno prima che lui sappia che troppi sono morti…la risposta soffia nel vento….
    Hai scritto una poesia molto bella e toccante!
    Ciao, Roberto!

    Like

  2. Non ho molto da aggiungere Barbara. Un mi piace, che trascina con sé tanta emozione in queste parole, un brivido lungo la schiena e una tristezza mal celata. Molto bella. Un abbraccio

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.