Arte e curiosità dal mondo – Lo yarn bombing di Magda Sayeg

Magda SayegPoi un giorno ti accorgi di non aver mai parlato di yarn bombing o di “Knitta” o “Knitta Please“, come preferite. In realtà vi parlai dell’artista Olek Crochet ma senza approfondire l’argomento.
Bene, è giunto il momento, non sia mai che questo blog sia monco di una espressione artistica di tale bellezza e concetto…
Lo yarn bombing è un movimento artistico che ricopre di lana e cotone elementi di arredo urbano trasandati, Magda Sayegabbandonati o spogli con lo scopo di evidenziare le loro condizioni.
Questo intervento è ovviamente innocuo visto che i tessuti usati possono essere facilmente rimossi.
Per illustrarvi lo yarn bombing ho scelto l’artista Magda Sayeg che è considerata la fondatrice del Knitta Please, un collettivo di artisti nato nel 2005 con l’intento di riempire di uncinetto le città e promuovere eventi simili.
Vi lascio alle immagini che esprimono molto bene le meravigliose opere di quest’artista.
Buona visione!

ENGLISH

Per saperne di più / Useful links:
Magda Sayeg – Website
Yarn bombing – Wikipedia
Knitta Please – Wikipedia
Magda Sayeg – Twitter
Magda Sayeg – Facebook page


Via mymodernmet.com

6 commenti

  1. ….Simpaticissima questa Streeet Art …..un tocco di colore contro il degrado urbano, si, mi piace proprio! Non si sa mai che impari a maneggiare l’uncinetto 🙂 ….qualche settimana fà leggevo qualcosa riguardo un movimento presente a Cagliari che porta avanti questa attività Artistica!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.