Arte & curiosità dal mondo

VideoInArt – La pittura sull’acqua

Pittura sull'acqua - EbruLo so che state pensando che è impossibile e che ho preso un granchio. In effetti ero lì lì per prenderlo visto che, per la rete, gira voce che questa pittura sull’acqua sia possibile grazie a esperimenti effettuati da fantomatici laboratori giapponesi di Akishima.
In realtà ci avevo creduto visto che la notizia è riportata in parecchi siti. Poi ho guardato l’artista e il suo laboratorio e mi son detta che, piuttosto che incrementare voci di corridoio a ottobit, avrei fatto meglio a verificare puntigliosamente la fonte e scoprire come mai un super laboratorio giapponese avesse l’aspetto di un tugurio e Pittura sull'acqua - Ebruil dimostratore di questa tecnica avveniristica a frequenza d’onde le sembianze di un santone indiano abbastanza malmesso.

Così ho scoperto l’Ebru (o Paper marbling), una tecnica nata oltre tremila anni fa in Turchia, che utilizza i colori a olio su una superficie d’acqua. Essa è resa possibile dalle proprietà di liquidi diversi insolubili l’uno nell’altro.
Oltre all’acqua, che diventa una sorta di tela, ciò che permette questa meravigliosa arte è il fatto che i pigmenti a olio sono diluiti in trementina e bile di fegato bovino. Pittura sull'acqua - EbruL’olio e la trementina sono per natura insolubili in acqua, mentre la bile di bovino permette di rompere la tensione superficiale dell’acqua.
Una volta creato il disegno, l’artista ci depone sopra un foglio di carta e lo fa aderire togliendolo poco prima che questo assorba l’acqua.
Lo so, detto così sembra impossibile e fa anche un po’ schifo a causa della bile del povero animale, ma guardate il video e ne riparliamo.
Buona visione!

LINK UTILI:
Ebru – Wikipedia
Paper marbling – Wikipedia

Via sanpellegrino-corporate.it

2 replies »

  1. Davvero molto interessante!É la prima volta che vedo questa tecnica.È bravo e molto preciso.Pensa se gli tremasse la mano!.Ci vuole sicuramente tanta concentrazione…

    Like

    • Anch’io sono rimasta sorpresa. Comunque, se cerchi su youtube, trovi una marea di video sull’argomento, è una tecnica piuttosto diffusa da quelle parti. Io mi riservo di andare a vederla personalmente prima o poi (più prima che poi, diciamo molto presto) ;)

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.