Il corto della settimana

Il corto della settimana – “Me & You” di Jack Tew

Jack Tew - Me & you
Diciamoci la verità, per una coppia il letto rappresenta il fulcro, un elemento mistico in cui si convogliano le forze, siano esse amorose, sessuali e, in alcuni casi, repulsive. Ciò accade perché sopra (e sotto) il piumone non solo si soddisfano i propri bisogni istintivo-passionali, ma si trascorrono anche momenti di aggregazione e socialità. A letto gli amanti giocano, fanno “all’amore”, si confidano, guardano la tv, si coccolano, mangiano cibo take-away (sempre che uno dei due non sia un talebano della pulizia), cazzeggiano, fanno sesso, litigano, tengono il capo dell’altro che vomita l’impossibile dopo una sbronza indimenticabile e soprattutto (auspicabilmente) fanno tanto sesso. L’avevo già detto?
Ad ogni modo, bando alle ciance, oggi vi propongo un corto del regista Jack Tew che racconta una storia d’amore vissuta interamente dal punto di vista del letto, una telecamera fissa nel soffitto che immortala una tipica Love Story. Non dico altro per non rovinarvi la sorpresa.
Buona visione!

ENGLISH

Link utili / Useful links:
Jack Tew – Vimeo
Jack Tew – Youtube
Jack Tew – Twitter

Via thepostinternazionale.it

10 risposte »

      • Ah, ti ringrazio, è che di fondo sono una spugna (non solo nel bere) e di questo filmato ho assimilato più i particolari che il senso; quindi il disordine, il computer di lei, le riviste porno nascoste e le foto messe via e, nella mia testa “porosa” le sto rielaborando. Con che risultato ? BOH! Di sicuro mi sono reso conto di quanto ero / sono differente dal protagonista maschile (vuoi anche l’età) … Che sia colpa del Muller Thurgau? 🙂

        "Mi piace"

      • Però sì, cara ed empatica dama del blog, sì qualcosa mi perplime. C’è qualcosa che non mi convince sino in fondo nel messaggio del corto. Perché descrive una parabola … di cui non aggancio ancora il nesso . (sempre il Muller di prima)

        "Mi piace"

      • Oh, si, quello sì, ma mentre i particolari sono interessanti, la storia principale mi pare secondaria… Però può essere perché viene spiegata la parabola di una coppia molto giovane, quindi mancano quelle fasi intermedie tra uno stadio e l’altro del rapporto. Però chissà a quel punto non ci voleva un corto ma 40 minuti? 🙂

        "Mi piace"

      • Eh, per definire davvero la parabola di una storia potenzialmente consistente, cioè una storia di coppia che avrebbe potuto sbocciare e stabilizzarsi, ma che è fallita, magari anche una serie televisiva di 4 stagioni… 🙂

        "Mi piace"

      • Oh, si… Non ci posso fare niente… E’ la mia caratteristica. Magari il pensiero che parte da un’ispirazione non porta a niente, magari invece sì…

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.