Erotismo in gocce – Pittura – L’intimità delle donne di Cynthia Westwood

Cynthia Westwood

Cynthia Westwood

In effetti sono stata fortemente indecisa se far rientrare questo lavoro in questa rubrica o meno. Se è vero, infatti, che le pitture ad olio dell’artista di origini texane Cynthia Westwood rappresentano dei nudi femminili, è anche vero che il fine non è quello erotico bensì quello di rappresentare la donna nella sua intimità, in particolar modo in rapporto all’acqua, simbolo da sempre ricco di tradizione. L’acqua è responsabile della vita degli organismi viventi sulla Terra, inoltre ha il potere di purificare, nutrire e guarire. La donne di Cynthia Westwood sono alle prese con questo elemento in quella che è una delle azioni quotidiane più ricorrenti, quella del lavarsi, del bagno e del suo intimo tepore…
Vi lascio alle immagini. Buona visione!

Link utili / Useful links:
Website | Instagram

Annunci

14 commenti

  1. Fabrizio Bonati · · Rispondi

    Sono andato a rivedere la gallery perché onestamente non ricordavo.,
    Ma veramente vi sono persone che si scompensano per due tettine è un paio di patate che si intravedono?
    Molto molto bello, invece, l’acqua ricorda anche molto l’ambiente uterino dove abbiamo vissuto tutti per 40 settimane…

    1. Sì, Fab… esistono davvero e io son stanca di far polemica e di esser tacciata per una da bannare… Sto seriamente pensando di abbandonare Facebook!
      Ps grazie per il tuo approfondimento sull’artista e la questione acqua… conosco la tua sensibilità e mi dispiace mollare tutto per le persone come te!

      1. Fabrizio · ·

        Grazie a te per quello che pubblichi, come avrai notato spesso mi fermo a un like, ma apprezzo.
        Facebook… mi sta dando la nausea. Seguo la tua pagina è quella che parla della Pro Vercelli, il resto, poco, pochissimo.
        Egoisticamente , se ti togli a me non cambia, perché essendo iscritto alla mailing list, mi arriva comunque tutto.
        Certo che buttare anni di sbattimento per qualche testa di gomma, è svilente…

      2. Vabbè però c’è da dire che a me non interessa Facebook, nel senso che mi pare quel cortiletto di casa che poco ha a che fare con ciò che realmente accade nel mondo se questo lo si vuole conoscere / indagare nella sua complessità… Credo che non sarebbe una grande perdita, mi dispiace solo non essere riuscita, nel mio piccolo, a cambiare un po’ le cose… ma non sono Don Chisciotte, i mulini a vento mi piacciono ma non ci combatto 😉
        ps grazie ancora… Davvero!

      3. Fabrizio · ·

        È ben peggio del cortiletto…
        Oggi volevo pubblicare la seguente frase, estrapolata dal film “sono tornato “, che esce dopodomani:
        “Eravate un popolo di analfabeti, dopo 80 anni torno e vi ritrovo un popolo di analfabeti.”
        Frase verissima, Pronunciata (nel film) da un redivivo Mussolini catapultato ai giorni nostri.
        Ho evitato, perché già pensavo a tutti quelli tra i miei contatti che mi avrebbero dato del fascista, e quelli che avrebbero osannato il Duce, e le liti…
        Non è sana, questa cosa.

      4. No, son d’accordo! Non lo è per niente!

      5. Fabrizio · ·

        Sigh. 😓

  2. ho puro orrore di tutto ciò che possiede il sapore insano della censura, quindi… che poi codeste immago possano o meno intrigare ben altro discorso! Come ben sai detesto il moralismo di maniera, la morale resta altro sentire! Un saluto
    r.m.

    1. Beh non posso che condividere questo tuo pensiero viste anche le innumerevoli volte in cui vengo bannata (inutilmente) da Facebook per questo… Sai che è una missione anche per me 😉

      1. Da assolutamente uomo che si batte (inutilmente?) contro ogni forma di censura constaterei che, capita, di osservare foto e/o imago di nudi sul web con quei stupidi triangoli/quadrati in nero tesi a coprire quelle cosiddette “vergogne” (usando terminologia dal sapore retro) che tendono a rendere le immagini stupidamente.. volgari! Almeno il Braghettone possedeva una certa perizia tecnico_ideativa quando dovette operare sui nudi Michelangioleschi ma un triangolo nero su un pube o un quadratino nero sui capezzoli… aberrante!!! con stima
        r.m.

      2. Ti quoto in toto!

  3. ma grazie! proprio ieri ho confrontato un self-portrait di donnartista con e senza triangolini neri posti sul suo pube e sui seni: ho trovato la imago censurata, a uso web, di un vero e proprio cattivo gusto contro la esaltazione del femminile data dalla imago originale: inno al femminino vero, autentico, immaginifico..
    r.

  4. […] via Erotismo in gocce – Pittura – L’intimità delle donne di Cynthia Westwood — Barbara Picci […]

    1. Grazie per la condivisione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: