Arte & curiosità dal mondo

Erotica – Architettura e nudo nella fotografia di Peter Zelei

Peter Zelei

Peter Zelei

Tutto si può dire del fotografo ungherese Peter Zelei ma non che non sia una persona versatile. Farmacista di professione, ha intrapreso lavori differenti come chitarrista in un gruppo punk, operaio nei cantieri, commesso in negozi, receptionist in albergo, infermiere in ambulanza. Tutto ciò prima di assecondare la sua grande passione per la fotografia.
Peter ZeleiNella serie che vi propongo, il fotografo ha ambientato la presenza femminile in un cantiere abbandonato di un sobborgo di Budapest. L’edificio era una struttura di cemento incompiuta destinata a un quartiere di lusso. La costruzione è iniziata nel 2007, ma il progetto è stato sospeso a causa della crisi finanziaria nel 2014, anno in cui fu realizzata la serie. Zelei era stupito dagli spazi vuoti e giganti, dalle mura intatte, in cui non c’erano assolutamente segni di rovina o presenza umana. L’intero ambiente assume per lui un significato simbolico molto forte in quanto il suo stato di abbandono non sembra avere avuto nessuna influenza da parte degli uomini. Si trova nello stadio precedente le emozioni, la vulnerabilità e il dramma. In questa ambientazione immobile e fortemente caratterizzata a livello architettonico, compaiono figure femminili che si specchiano nelle pozzanghere riflettendo il proprio mondo interiore, alcune danzano, altre hanno un piglio malinconico e riflessivo. Le enormi pareti grigie sembrano quasi una minaccia per i piccoli esseri umani, un promemoria di quanto siamo indifesi nella realtà.
Ecco le immagini, buona visione!

Link utili / Useful links:
Website | 500px | Tumblr | Behance | Instagram | Facebook fan page

Via dodho.com

7 replies »

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.