Le contraddizioni del Qatar nella fotografia di Danila Tkachenko

"Oasis" by Danila Tkachenko
“Oasis” by Danila Tkachenko

I residenti del paese sono finiti in una nuova realtà in un periodo di tempo molto breve. Spostandoci da un paese con un clima aspro del deserto, con una piccola quantità di acqua dolce, dove hanno sempre dovuto lavorare duramente per sopravvivere, si ritrovano in un paradiso capitalista“.
Danila Tkachenko

Con queste parole la fotografa russa Danila Tkachenko spiega la sua serie “Oasis” commissionata dal Museo del Qatar nel 2018.
Il progetto intende mettere in risalto i cambiamenti avvenuti all’interno della penisola araba del Qatar, luogo che ha cambiato molto velocemente i suoi connotati verso una economia capitalista. Ciò ha cambiato drasticamente anche il paesaggio, in cui il deserto si alterna a imponenti grattacieli moderni.
Il capitalismo ha anche comportato, per la sua stessa natura e nonostante i suoi proclami, una distanza fra poveri e ricchi consegnando questo paradiso solo ai pochi fortunati.
Insomma, un progresso che ha portato degli scompensi che son resi ben evidenti dalle immagini dell’artista. I suoi scatti acquisiscono infatti un’atmosfera surreale dovuta al contrasto fra individui che richiamano la tradizione e luoghi avveniristici in cui i primi sembrano perdere la loro identità.
Un lavoro interessante che, a mio parere, vale la pena conoscere.
Ecco le immagini, buona visione!

LINK UTILI:
Danila Tkachenko in questo blog | Website | Facebook fan page

Via ignant.com

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.