Venezia – La geometria modernista di Liu Wei @ Biennale Arte 2019

Liu Wei, Microworld, 2018; Aluminium plates.Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia
Liu Wei, Microworld, 2018; Aluminium plates.Photo by: Italo Rondinella. Courtesy: La Biennale di Venezia

Luogo: Venezia >> Giardini della Biennale / Arsenale
Curatore: Ralph Rugoff
Titolo opere: Devourment (2019) / Microworld (2018)
Artista: Liu Wei (Cina)
Dal 9 Maggio al 24 Novembre 2019

ARSENALE
Una delle opere di maggior impatto visivo di questa 58° Biennale di Venezia è sicuramente “Microworld” dell’artista cinese Liu Wei. Ciò non stupisce vista la monumentale composizione scultorea osservabile peraltro solo a distanza. Questo “Micromondo“, che rappresenta enormi molecole, giganteschi protoni e altre entità microscopiche, è infatti diviso dallo spettatore attraverso un vetro. La sensazione è che, fra lui e quest’ultimo, ci sia una sorta di microscopio che lo amplifica ingrandendone le forme, o che stia oltre la teca di un laboratorio.
La struttura è realizzata con lastre di alluminio lucido e illuminata in modo da enfatizzare la sua perfetta geometria. Lo spettatore si sente piccolo e, come nelle intenzioni dell’artista, la sua curiosità e immaginazione vengono stimolate attraverso la spiazzante trasformazione da micro a macro.
Ecco cosa si legge sulla guida della Biennale:
Il ritratto soggettivo e romanzato che Liu Wei fa della sfera microscopica risulta seducente e drammatico, e le sue dimensioni fanno rimpicciolire lo spettatore, ricordandoci che l’invisibile fa parte dell’ordine di un universo dalla portata sconfinata“.

GIARDINI DELLA BIENNALE
Ai Giardini della Biennale troviamo invece un’opera uguale per conformazione geometrica ma diversa nella composizione. “Devourment” è infatti realizzata con un’eterogenea varietà di materiali che, come consuetudine per l’artista, sono trovati e di recupero. Tra gli altri si possono riconoscere un armadio, libri e un divano.

Liu Wei, attraverso i suoi schemi geometrici ricorrenti e l’uso di oggetti quotidiani, affronta tematiche come il paesaggio e l’architettura urbana. Inoltre utilizza la geometria anche per rappresentare vari aspetti del mondo fisico. Nello specifico, in queste installazioni presentate alla Biennale, egli vuole dichiaratamente evocare la formalità e lo sfarzo delle scenografie moderniste, ricche appunto di forme geometriche.

Ecco le immagini, buona visione!

SPECIALE VENEZIA – TUTTI GLI ARTICOLI SULLA BIENNALE

LINK UTILI:
Liu Wei in questo blog | Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.