Venezia – Le opere spiazzanti di Alexandra Bircken @ Biennale Arte 2019

"Eva" (2014) by Alexandra Bircken @ Giardini della Biennale
“Eva” (2014) by Alexandra Bircken @ Giardini della Biennale

Luogo: Venezia >> Giardini della Biennale / Arsenale
Curatore: Ralph Rugoff
Artista: Alexandra Bircken (Germania)
Dal 9 Maggio al 24 Novembre 2019

Cosa troverete: una bambola del sesso bronzea; uomini in latex nero appesi alle pareti; una motocicletta segata in due; un utero umano (con feto annesso) sotto formalina; la tuta di un motociclista spalmata sul muro a mo’ di trofeo di caccia; le mani della Merkel in posizione ambigua & more…

Ho voluto introdurre questo articolo col mio consueto “Cosa troverete” per farvi capire quanto le opere dell’artista tedesca classe 1967 Alexandra Bircken siano spiazzanti o quantomeno insolite.

ARSENALE
Su un’ampia sala di passaggio dell’Arsenale troviamo “Eskalation“, opera del 2016, che vede 40 figure umane in latex nero appese a scale "Eskalation" (2016) by Alexandra Bircken @ Arsenalee al soffitto in legno della struttura. L’opera, come si può intuire facilmente, riflette la tensione umana fra successo e fallimento, fra speranza e disperazione, offrendo una visione distopica della fine dell’umanità. Si tratta dunque di un’installazione forte che presuppone un fine da raggiungere e un prezzo da corrispondere. Insomma una visione apocalittica e ineluttabile che non lascia indifferenti.

GIARDINI DELLA BIENNALE
L’opera che più si nota nella sala dedicata all’artista nei Giardini è sicuramente “Eva” (2013), una versione bronzea, e pertanto ironica, di una bambola gonfiabile usata a fini sessuali. Alexandra Bircken @ Giardini della BiennaleEssendo in bronzo, infatti, questo oggetto del sesso è impenetrabile, e pertanto inutile. Sulla stessa linea visiva, esattamente dove si trova il foro della bambolina sexy, troviamo un grande tessitura che rappresenta le mani di Angela Merkel nella loro caratteristica posizione di riposo (Merkelraute), posizione che ricorda il gesto iconico che simboleggia l’apparato sessuale femminile. Appunto.
Origin of the world (2018) by Alexandra BirckenParticolarmente inquietante è invece “Origin of the world” (2018), in cui lo spettatore è messo di fronte a un utero umano, con feto annesso, sotto formalina.
Chiudono la lista due installazioni che hanno a che fare con le due ruote. Troviamo infatti una motocicletta divisa nettamente in due e una tuta da motociclista crocifissa alla parete come se fosse la pelle di un trofeo di caccia.

Come abbiamo visto, Alexandra Bircken utilizza un’ampia gamma di materiali come il nylon, il silicio, armi e ingranaggi, lana, cuoio, rami e frutta essiccata, per Alexandra Bircken @ Arsenalecomporre installazioni pungenti e non rassicuranti che mantengono il visitatore sotto tensione costante.
Quindi, per questa 58sima Biennale, da una parte troviamo l’uomo destinato a un futuro inesorabilmente infausto; dall’altra tematiche che affrontano le differenze di genere, il potere e la vulnerabilità, il rapporto uomo-macchina. Nel complesso una visione che non risulta confortante, anzi ci mette di fronte alle nostre leggerezze e ci esorta verso le nostre responsabilità.

Ecco le immagini, buona visione!

SPECIALE VENEZIA – TUTTI GLI ARTICOLI SULLA BIENNALE

LINK UTILI:
Alexandra Bircken in questo blog | Website | Instagram | Facebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.