Colonialismo e identità nella scultura di Yinka Shonibare

Yinka Shonibare
Yinka Shonibare

Centrale nel lavoro dell’artista britannico-nigeriano Yinka Shonibare è l’identità soprattutto in relazione al colonialismo, quindi il modo in cui quest’ultimo influisce sulla costruzione della prima. Questo tema viene sviluppato in sculture surreali a grandezza naturale in cui figure dai volti coperti da globi e caschi da astronauta, quindi prive di identità individuali, svolgono azioni che implicano il viaggio e l’esplorazione. Gli abiti di queste sculture figurative sono realizzati in batik, tessuto che ha una storia radicata nel colonialismo. Il metodo di tintura in cera, originariamente praticato nel sud-est asiatico, è stato adottato dagli olandesi, che producevano i tessuti stampati e li vendevano alle colonie dell’Africa occidentale. Dagli anni ’60, questo tessuto è diventato simbolo dell’indipendenza e identità africane.
Insomma, un lavoro che, in questo momento storico, è particolarmente attuale e degno di interesse e approfondimento.
Ecco le immagini, buona visione!

LINK UTILI:
Yinka Shonibare in questo blog | Website | Artsy | Twitter | Instagram | Facebook fan page

Via thisiscolossal.com

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.