Fotografia

Dentro lo scatto – Mary Addari

Mary Addari

Ecco nascere quel groviglio di note
Impazzite danzano nel mio corpo fremente
Vogliono uscire e mi urlano forte
Mi turbano l’anima in modo furente

Io devo ascoltarle e liberarle di me
Per regalare la loro essenza preziosa
A chi mi circonda proprio perché
Possa gioirne di luce armoniosa

Sarebbe un delitto tenerle legate
Tarpar loro le ali un turpe reato
Le dono a voi perché possiate
Accoglierle dentro in modo beato…


Foto (C)2012 di Mary Addari – Pagina facebook

Musica scelta da Peter Waters – Website

4 replies »

  1. Fino a 3 anni fa ero un accanito divoratore di musica, di qualsiasi tipo. Non mi piacevano tanto le hits che impazzavano in radio e su MTV (allora MTV era un canale di musica, e non un’ accozzaglia di reality depressi di serie Z): preferivo piuttosto i piccoli capolavori nascosti che scoprivo sui canali di musica alternativa di SKY, come Brand : New e National Geographic Music.
    Poi, appunto 3 anni fa, quei canali sono stati soppressi, e adesso non c’é più modo di ascoltare canzoni che non siano le solite 10 – 20 in cima alla hit parade. Adesso l’ unico canale musicale che seguo é il 789 di SKY, dove puoi trovare 24 ore su 24 l’ ottima musica soul degli anni ’70 e ’80. Forse la migliore musica mai prodotta da voci umane.
    Grazie a quel canale ho scoperto queste stupende canzoni:

    Average White Band – Let’s go round again
    The Brothers Johnson – Stomp!
    The Commodores – Lady (you bring me up)
    Dan Hartman – Relight my fire
    Delegation – You and I
    Dynasty – Here I am
    George Duke – Shine on
    Odyssey – Going back to my roots
    Sharon Redd – Can you handle it?
    Skyy – Here’s to you
    Tavares – Heaven must be missing an angel
    Teena Marie – I need your lovin’

    Ascoltale: mi ringrazierai. : )
    P.S.: La foto dell’ uomo che suona la trombetta mi ha fatto tornare in mente questa canzone: http://www.youtube.com/watch?v=4zOwPBykLOE. Adoro l’ assolo di trombetta che si sente alla fine, perché fino a quel momento stavamo ascoltando una canzone reggae, e all’ improvviso salta fuori questo strumento così retrò, che aggiunge un inaspettato e delizioso tocco jazz.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.