Curiosity killed the blogger – Gli studi sulle nubi di Luke Howard

Anche il cielo fa parte del paesaggio

Nuvole straneSiamo a Londra alla fine dell’Ottocento. Il farmacista Luke Howard, a dispetto del cielo intriso di smog, o forse proprio per quello, coltivava una passione molto particolare: osservare il cielo e dissertare su di esso.
Soprattutto ciò che incuriosiva Luke, era il fatto che dal cielo, solitamente dato per scontato, si formavano fulmini, piogge e nubi dalle forme più strane. Fu così che iniziò a studiare la conformazione di queste nubi osservandone il movimento, la forma, lo sviluppo, l’altezza e le dimensioni.
Nuvole straneIn poche parole Luke si era innamorato delle nuvole, un amore che non scemò mai e che lo portò, nel 1802, a classificarle in tre diverse categorie: nubi alte (oltre i 5000 metri), nubi medie (fra i 2500 e i 5000 metri) e nubi basse (sotto i 2500 metri). Fuori da questa classifica rientrano i cosiddetti cumuli nembi, delle formazioni a sviluppo verticale, le classiche nubi estive temporalesche che producono in zero tempo grandi quantità d’acqua e fulmini.
Ringraziando Howard per queste conclusioni, torniamo alla bellezza con una gallery strabiliante sul tema.
Io continuo a sostenere che la Natura è l’artista (e la poetessa) più ispirata in assoluto. Potete provarmi il contrario?

N.B. Cliccate qui per conoscere la classificazione scientifica delle diverse nubi.

ENGLISH

LINK UTILI:
Luke Howard – Wikipedia

Via ilfattoquotidiano.it

12 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.