OperArt

OperArt – “Reading Between the Lines” di Gijs Van Vaerenbergh (Belgio)

Gijs Van Vaerenbergh

Gijs Van Vaerenbergh

Dopo “Labyrinth“, ecco un altro progetto artistico dello studio belga Gijs Van Vaerenbergh.

‘Reading Between the Lines’ è un progetto del duo Gijs Van Vaerenbergh, una collaborazione tra i giovani architetti belgi Pieterjan Gijs (Leuven, 1983) e Arnout Van Vaerenbergh (Leuven, 1983). Dal 2007, realizzano insieme progetti in spazi pubblici che hanno un substrato architettonico, ma hanno un intento artistico.
[…]
A seconda del punto di vista dello spettatore, la chiesa o è percepita come una costruzione massiccia, o si dissolve – in parte o completamente – nel paesaggio. Gli spettatori che guardano dall’interno della chiesa verso l’esterno, d’altro canto, testimoniano un gioco astratto di linee che rimodella il paesaggio circostante. In questo modo, la chiesa e del paesaggio possono essere entrambi considerati parte del lavoro – e quindi anche il suo titolo, il che implica che a leggere tra le righe, si deve anche leggere le righe stesse. In altre parole: la Chiesa fa l’esperienza soggettiva del paesaggio visibile, e viceversa.

Continua a leggere su archdaily.com

Credits foto: Filip Dujardin

LINK UTILI:
Gijs Van Vaerenbergh – Website
Gijs Van Vaerenbergh – Facebook fan page

9 replies »

  1. Giocare con la nostra memoria visiva, ossia ricongiunge i numeri per formare un elemento fisico e riconoscibile fa di noi personcine umane !
    ” tanti però vedono pan per focaccia “( ovviamente scherzo ), anche la luce è fondamentale, come lo sfondo , la distanza, l’altezza o viceversa.
    Creare le nostre suggestioni e renderle materia, basta non muoversi !

    Like

    • Beh non è semplicissimo eh?! Con l’immaginazione ce la si può fare ma renderlo reale, seppure solo sotto forma di progetto, come hanno fatto Gijs e Van Vaerenbergh, è altra cosa… Comunque è quello il principio.
      Ciao Luca, grazie per esser passato da queste parti :)

      Like

      • Assolutamente concordo con te , è un progetto notevole, lo si può accostare alla Torre Agbar di Barcellona,la struttura che la ricopre è molto simile .

        Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.