Appunti di viaggio

New York day-by-day – Whitney Museum of American Art e High Line (Day 7)

image

Non sapersi orientare in una città non vuol dire molto.
Ma smarrirsi in essa, come ci si smarrisce in una foresta, è una cosa tutta da imparare.

Walter Benjamin

New York, 23 agosto 2016

East Village, ore 20:37
Giornata intensa e tante risorse video e fotografiche per cui, vista l’assenza di tempo a mia disposizione, sarò telegrafica e didascalica.
Tutto parte con i miei soliti surrogati del caffè. Ve li mostro perché sono singolari e, nonostante odi le grandi catene, in questa vacanza negli USA sto nutrendo un grande amore per Starbucks che, vista l’assenza del mio amato caffè espresso (o di quello che io intendo esso sia), mi permette di ingurgitare facilmente la mia dose odierna di caffeina. Non è lo stesso ma sono duttile e mi accontento. Ecco la mia salvezza: bevande fredde a base di caffè.

image

Da vera museum (e art) addicted, oggi sento il bisogno di tuffarmi nuovamente in un museo e scelgo di andare sulla sponda ovest del fiume Hudson dove sorge l’imponente struttura del Whitney Museum of American Art, progettata dall’illustre architetto italiano Renzo Piano. Si tratta del più importante museo di arte americana del XX e XXI secolo.

image

Il Whitney Museum of American Art progettato da Renzo Piano

Nel prossimo video vi parlo della sua nascita, della sua collezione permanente e della sua fondatrice Gertrude Whitney.

Una volta dentro decido di farvi entrare con me nel museo. Seguiranno video a step con la mia presentazione, una breve carrellata di opere e qualche immagine relativa alla sezione. In alcuni video dovrete sollevare il volume perché la situazione imponeva una voce bassa per non disturbare gli altri fruitori della mostra. Enjoy!

image

image

"Andy Warhol" (1970) di Alice Neel

image

Andy Warhol

image

image

 Robert Mapplethorpe

image

Andy Warhol

image

Segue la gallery di una sala successiva in cui regna “Hollywood Africans” (1983) di Jean-Michel Basquiat.

image

"Hollywood Africans" (1983) di Jean-Michel Basquiat

image

image

image

Dalla terrazza, come potete vedere nel video, si può godere del panorama sul Meatpacking District, zona industriale su cui sorge il museo. Nella foto che segue, ben integrato nell’ambiente circostante, spunta l’opera piuttosto nota di JR artist, uno street artist che è stato più volte ospite di questo blog.

image

Panorama del Meat Packing District con l’opera di JR artist


Ecco video e gallery del piano successivo. L’entusiasmo cresce, il museo è una continua scoperta di artisti e opere noti e meno noti accomunati da un certo gusto coincidente con il mio. Sono in un brodo di giuggiole, lo ammetto. Ecco video e foto.

image

image

image

Jasper Johns

image

"Varese" (c. 1930) di Alexander Calder

image

Edward Hopper

E infine me alle prese con “A woman in the sun” (1961) di Edward Hopper.
image

Ci sono due mostre temporanee che vi voglio mostrare prima di andar via: una è quella del pittore Stuart Davis dal titolo “In Full Swing“; l’altra del fotografo Danny Lyon dal titolo “Message to the future“. Ecco i video.

image

Stuart Davis

image

Stuart Davis

Mi trovo nella terrazza del museo e dall’alto posso scorgere parte della mia seconda destinazione odierna, l’High Line, un parco pubblico sopraelevato ricavato da una vecchia galleria in disuso. Decido di fare il video da qui sopra per mostrarvelo dall’alto così che vi facciate un’idea. Non è bellissimo?

Scendo e vi entro. L’aria è guarnita di un sole carezzevole e mi lascio trasportare dalla pace intensa che il luogo trasmette. Ho fatto qualche foto per voi.

image

The High Line

image

The High Line

image

image

The High Line

image

The High Line

image

The High Line

image

The High Line

image

The High Line

image

Scultura su The High Line

Sulla via del rientro posso finalmente ammirare l’opera finita di Logan Hicks dal titolo “Story of my life – Bowery wall 2016” che abbiamo seguito giorno dopo giorno. Enjoy e a domani.

image

Story of my life – Bowery wall 2016" di Logan Hicks

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l’imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.
Woody Allen daily pill

Stay NYed!

14 risposte »

  1. Sono colpio dalla signora, un vero monumento alla massaia americana. Le manca la TV Philco e poi sarebbe da ola. Caspita… si diceva del docufilm?? Stai girando materiale per ore. 😀
    …che mi sto guardando tutto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.