Le parole sono importanti [Enjoy!]

Le parole sono importanti - Enjoy!

Auto-gogna mediatica 2.0

So di meritare schiaffoni e sinceramente, se me li desse Moretti, li prenderei senza fiatare e probabilmente mi convertirei al più bieco masochismo per approfittare dell’occasione. Tutto ciò per introdurre una confessione: sono una peccatrice linguistica, sono umana e ricado talvolta (ahimè) nelle sordide insidie delle frasi fatte, nel magma informe dei luoghi comuni e in altre “simpatiche carinerie” linguistiche del genere. Son qui per inginocchiarmi e chiedere perdono ma soprattutto per tentare di espiare la mia colpa mettendo alla gogna i miei stessi vezzi linguistici.

Pensiamo ad esempio al caro e onnipresente “Enjoy!” così, a chiusura del discorso. Il viso di Nanni si contorce, i suoi occhi sono annebbiati dal disgusto, la sua bocca si immobilizza in un ghigno schifato e la sua mano si solleva nell’unico atto capace di alleviare l’insopportabile fastidio creato dalla deprecabile espressione. La testa mi rimbomba, l’eco dello schiaffo mi riporta alla realtà e finalmente rifletto. È chiaro che, in questo caso, la traduzione sia “Buon divertimento!“, “Godetene tutti“. Ma quanto suonerebbero male, non trovate? Il discorso è che, per pigrizia, si preferisce ricorrere a inglesismi del menga che tanto “fanno cool“, piuttosto che inventare qualcosa di nuovo, o stare nella norma evitando ceffoni.
A mia discolpa adduco un affiancamento, nell’ultimo periodo, di un tema affine a ciò di cui parlo, tipo “Enjoy & Think” o “Enjoy & Love” e similari. So che questo non riduce le mie responsabilità, ma è stata una via di transito verso questa piena consapevolezza che mi porterà certo verso lidi più consoni al mio “rigore intellettuale”.

Questa rubrica nasce a tempo perso e nello stesso modo sarà alimentata. Selezionerò espressioni inopportune e cliché linguistici entrati inavvertitamente nel mio, o nell’altrui, vocabolario. Il tutto non in veste teorica ma del tutto umoristica e canzonatoria.
Concludo propinandovi il video che ha ispirato questa divagazione estemporanea. Io l’ho rivisto tre volte e ho riso come un’ebete. “Enj”… oppss, volevo dire “Abbiatene goduria!”

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.