CurioStoria – Capodanno 2016 [11° shot]

Una cabina da sbornia presso il Cafe Zanzibar nel Capodanno 1945

Una cabina da sbornia presso il Cafe Zanzibar nel Capodanno 1945

Sei sfatto come un porcino sull’asfalto dopo 12 ore di sole? Biascichi come un serpente in amore e avanzi oscillando che il pendolo di Foucault ti fa un baffo? Niente paura, puoi sempre fermarti nella cabina da sbornia. Una passata di bromuro e sarai come nuovo!

Annunci

3 commenti

  1. Fabrizio Bonati · · Rispondi

    Ne avrei avuto bisogno in alcuni capodanni di quando ero GGGIOVANE…
    HIHIHIHI!!

    1. Esagerato, perché adesso sei vecchio? Più che altro ti sfiancano i pargoli 😉

      1. Fabrizio Bonati · ·

        Quelli sempre, ma No, sono gggiovane dentro… semplicemente non pratico più i capodanni selvaggi con ciucche atomiche.
        🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: