Fotografia – Briana Gardener e la forza della sororità

Her Place is in Skin by Briana Gardener
Her Place is in Skin by Briana Gardener

Oggi parliamo di un progetto che coinvolge le donne in uno degli aspetti più fertili del loro rapporto. Si tratta di “sororità“, un neologismo di derivazione latina (soror sta per sorella) che si riferisce al sostegno, alla convivenza e alla solidarietà tra le donne di fronte ai problemi sociali che sorgono nella società.
Her Place is in Skin by Briana GardenerA credere fortemente su questo concetto, tanto da arrivare ad affermare che la sua forza potrebbe cambiare il mondo, è la fotografa Briana Gardener che, nella sua serie Her Place is in Skin, raccoglie un gruppo di donne di diverse etnie, età e corporature differenti. Queste sono invitate a posare assieme senza trucco e vestiti mettendo in mostra i propri difetti fisici e andando così a infrangere gli canoni standard di bellezza. perché la bellezza non ha un singolo colore, dimensione o forma. Posando insieme, queste donne affrontano e superano le barriere culturali che ingabbiano il concetto di bellezza, la loro forza è data dalla loro unione.
Vi lascio alle riflessioni sul caso e alla gallery, buona visione.

Link utili / Useful links:
Website | Instagram | Facebook fan page

13 commenti

  1. il progetto non mi spiace e lo trovo interessante oltre che stimolante ma, a mio avviso, l’Artista avrebbe dovuto fotografare codesti gruppi di Donne differenti privandole dei vestimenti intimi: mutande&reggiseni mi sembra tendano a smorzare la forza del femminino, peraltro involgarendo i loro corpi, se fossero nude non sarebbero più pregnanti!? mi (ti) chiedo..
    r.m.

    Piace a 1 persona

    • Capisco il tuo punto di vista ma capisco anche le strumentalizzazioni negative (vista la sottocultura imperante) che un progetto del genere avrebbe comportato, quindi capisco bene l’artista. E’ peraltro un’accusa che hanno fatto anche a me in una fotografia artistica in cui mi copro un seno. Dopo anni e anni di critiche e beceraggine maschilista sui social capisco molto bene, te lo assicuro… Però certo, se fossero state nude, esteticamente parlando, sarebbe stato un lavoro di un livello superiore.

      Piace a 1 persona

      • trovo la tua posizione condivisibile ma che farci circa il “becero maschilismo!! Lo trovo volgare oltre che stupido! Coprirsi il seno se con buon gusto (te ne hai da vendere!) non credo alteri la qualità della imago ma parlo a intuito non avendo visto la foto a cui ti riferisci, per altre considerazioni le condividerei anche se il nudo vero e proprio mi sembra molto più interessante.. un saluto
        r.

        Piace a 1 persona

Rispondi a Tony Pastel Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.