Arte & curiosità dal mondo

I ritratti introspettivi di Nathaniel Mary Quinn

Nathaniel Mary Quinn

Nathaniel Mary Quinn

Una parte della mia pratica comporta un’enorme quantità di empatia e vulnerabilità. Questi sono i miei strumenti.

Con queste parole l’artista statunitense Nathaniel Mary Quinn introduce i suoi ritratti surreali che sembrano collage ma in realtà son realizzati con carbone, gouache, foglia d’oro, pastello e pittura a olio. I visi vengono destrutturati e ricomposti in modi e stili del tutto differenti: fronte e naso possono avere tonalità diverse, il labbro dipinto e la fronte rappresentata in modo fotorealistico. O viceversa.
Insomma, un miscuglio di stili e suggestioni il cui risultato, nel complesso, richiama un forte senso di inquietudine. L’artista si spinge infatti negli oscuri anfratti della psiche per indagare l’identità e prelevarne dei frammenti che arrivano dai ricordi che abbiamo delle persone, ricordi che, a causa del tempo, sono in continua evoluzione.
Oltre che sulle persone vicine a lui, in alcune opere egli lavora anche su se stesso, riportando un insieme di fratture della propria rappresentazione nel tentativo di esorcizzare i suoi demoni. Partendo da ciò, egli passa dal particolare all’universale cercando di estrarre “l’essenza dell’umanità“.
Insomma, un artista molto interessante che vi invito a conoscere. Ecco le immagini, buona visione!

LINK UTILI:
Nathaniel Mary Quinn in questo blog | Wikipedia | Gagosian

Via gagosian.com

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.