Tutte le installazioni di Desert X 2019, la biennale nel deserto

Cara Romero, Jackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert, 2019. Courtesy of Desert X
Cara Romero, Jackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert, 2019. Courtesy of Desert X

Se siete degli amanti della musica, avrete già sentito nominare la Coachella Valley, in California, perché ogni anno vi si tiene il celebre Coachella Valley Music and Arts Festival. Ebbene, Coachella non ospita solo eventi musicali ma, a partire dal 2017 e a cadenza biennale, la sua valle desertica accoglie Desert X, una mostra a cielo aperto che ospita installazioni site-specific di affermati artisti della scena internazionale.

In questa seconda edizione, che si estende per oltre 50 miglia e sarà aperta al pubblico fino ad aprile, gli artisti hanno toccato temi di attualità come i diritti degli indigeni, i test nucleari, il cambiamento climatico, il problema dei rifugiati nel vicino confine USA-Messico.
Ecco la lista delle installazioni di questa edizione.

Cara RomeroJackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert

Cara Romero, Jackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
Cara Romero, Jackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

La nuova serie di foto-grafica di Cara Romero, Jackrabbit, Cottontail & Spirits of the Desert, si riferisce alle terre ancestrali di Cahuilla, Chemehuevi, Serrano e Mojave. Queste immagini ospitano quattro visitatori speciali Chemehuevi che viaggiano nel tempo e sono venuti nelle terre ancestrali delle loro tribù sorelle della Coachella Valley. Nella visione di Romero, queste piccole ma potenti figure sono tornate per ricordarci le nostre profonde connessioni con la terra, le storie contenute in essa e come possiamo viverci in relazione…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Sterling RubySPECTER

Sterling Ruby, Specter, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
Sterling Ruby, Specter, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

Il monolite fluorescente arancione di Sterling Ruby, SPECTRE, appare come un’apparizione nel deserto. La scultura luminosa e geometrica crea un’illusione ottica stonata, simile a un collage o collage Photoshop, come se qualcosa fosse stato rimosso o cancellato dal paesaggio…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

John GerrardWestern Flag

John Gerrard, Western Flag, 2019. Courtesy of Desert X
John Gerrard, Western Flag (Spindletop, in Texas), 2014. Courtesy of Desert X

Western Flag raffigura il sito del “Lucas Gusher” – il primo grande giacimento petrolifero al mondo – a Spindletop, in Texas, nel 1901, ora sterile ed esausto. Il sito è ricreato come una simulazione digitale il cui centro è contrassegnato da un pennone che sputa e un flusso infinito di fumo nero…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Eric N. MackHalter

Eric N. Mack, Halter, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
Eric N. Mack, Halter, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

Utilizzando il sito di una stazione di servizio dismessa ai margini del Salton Sea, l’artista Eric Mack utilizza il suo linguaggio distintivo di utilizzo di materiale come gesto per la creazione di un’architettura vivente. Seta e tulle sono state allungate con la corda tesa per formare una linea nello spazio, o per ricomporre la relazione dell’edificio con se stesso e il suo ambiente…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

SUPERFLEXDive-In

SUPERFLEX, Dive-In, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
SUPERFLEX, Dive-In, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

Fu l’inaspettata scoperta di un’abbondanza di vita marina fossilizzata a più di 100 miglia nell’entroterra dalla sponda del Pacifico che portò i primi coloni spagnoli a chiamare questa valle Conchilla, che significa “piccolo guscio”. A causa di un errore ortografico la regione divenne nota come la Coachella Valley, togliendola dal ricordo che 6 milioni di anni fa, quello che ora è deserto era sott’acqua e collegato alla cosiddetta Western Seaway interna. Per il collettivo danese Superflex, la storia geologica e il futuro non troppo lontano si incontrano nel riconoscere che con il riscaldamento globale, l’innalzamento dei livelli idrici farà di nuovo sommergere il paesaggio insieme a tutta la struttura e le infrastrutture che lo hanno reso abitabile per gli umani…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Pia CamilLover’s Rainbow

Pia Camil, Lover's Rainbow, 2018. Courtesy of the artist, Charco, and Desert X
Pia Camil, Lover’s Rainbow, 2018. Courtesy of the artist, Charco, and Desert X

Ambientato in due località lungo il confine tra Stati Uniti e Messico (Baja, Messico e la Coachella Valley), Lover’s Rainbow è concepito come una serie identica di arcobaleni realizzati con tondo in cemento armato. L’armatura rappresenta lo sviluppo, ma troppo spesso nel panorama messicano, vediamo quei sogni frustrati e abbandonati. Storicamente, gli arcobaleni hanno simboleggiato la pioggia e la fertilità. Situato nel deserto, l’atto di curvare verso la terra è un modo per reinserire la speranza nella terra stessa…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Cecilia BengoleaMosquito Net

Cecilia Bengolea, Mosquito Net, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
Cecilia Bengolea, Mosquito Net, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

Dal tempo degli uomini delle caverne, passando per l’era precolombiana, fino alle attuali prospettive animistiche, gli umani si sono associati agli animali per esplorare la fantasia e indicarne l’importanza. L’intento di ibridare il genere umano nelle chimere mitologiche è esistito nel corso della storia. La performance di Bengolea, Mosquito Net, non è una ricerca della bellezza universale della natura, ma un’esibizione di street dance sociale per invocare lo spirito degli animali e della natura…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Nancy Baker CahillRevolutions and Margin of Error

Nancy Baker Cahill, Revolutions and Margin of Error, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X
Nancy Baker Cahill, Revolutions and Margin of Error, 2019. Photo by Lance Gerber. Courtesy of Desert X

Ambientato in due distinte località vicino ai poli estremi della Coachella Valley, i pezzi dell’artista utilizzano la realtà aumentata, producendo un’esperienza singolare per ogni spettatore a causa delle mutevoli condizioni del deserto. Il lavoro negli impianti eolici settentrionali, Rivoluzioni, allude alla cattura di energia per porre rimedio a una crisi provocata dall’uomo. Ma in tal modo, l’effetto netto è dirompente per la flora e la fauna della regione…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Iván ArgoteA Point of View

Iván Argote, A Point of View, 2019. Courtesy of Desert X
Iván Argote, A Point of View, 2019. Courtesy of Desert X

A Point of View è una scultura interattiva creata dall’artista di Bogotà / Parigi Iván Argote. È installato sopra il Salton Sea, il corpo idrico artificiale che è stato il più grande lago della California nel secolo scorso. Le scale di cemento disposte in prossimità del North Shore del mare proiettano lo spettatore nel paesaggio…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Steve Badgett and Chris TaylorTerminal Lake Exploration Platform

Steve Badgett and Chris Taylor, Terminal Lake Exploration Platform, 2019. Courtesy of Desert X
Steve Badgett and Chris Taylor, Terminal Lake Exploration Platform, 2019. Courtesy of Desert X

La piattaforma alimentata a energia solare Terminal Lake Exploration Platform (TLEP) esplora corpi idrici remoti. Inizialmente impiegato dall’artista Steve Badgett e dall’architetto Chris Taylor per esplorare il Great Salt Lake (in collaborazione con il Center for Land Use Interpretation), la piattaforma ha un design modulare che massimizza la dispiegabilità in condizioni inospitali e corpi idrici inaccessibili…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Julian HoeberGoing Nowhere Pavilion #01

Julian Hoeber,Going Nowhere Pavilion #01, 2019. Courtesy of Desert X
Julian Hoeber, Going Nowhere Pavilion #01, 2019. Courtesy of Desert X

Going Nowhere Pavilion # 01 è una striscia di Möbius realizzata con blocchi di cemento in una varietà di rosa e marrone carnosi. Tecnicamente, la striscia di Möbius è una superficie con un lato continuo formato unendo le estremità di una striscia rettangolare, ma ha una relazione diretta con i metodi della psicologia…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Jenny HolzerBefore I became afraid

Jenny Holzer, Before I became afraid, 2019. Courtesy of Desert X
Jenny Holzer, Before I became afraid, 2019. Courtesy of Desert X

Le proiezioni dell’artista illuminano un fianco di una montagna, riempiendo il paesaggio antico di voci contemporanee e mettendo a nudo l’orrore e l’angoscia della violenza armata attraverso la poesia e la testimonianza di familiari, sopravvissuti e attivisti che offrono i loro racconti di dolore, rabbia, soluzioni e forza…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Iman IssaSurrogates, a film about things to be used, in order of appearance, by self or others, for touching upon larger, insidious, or different things

Iman Issa, Surrogates, a film about things to be used, in order of appearance, by self or others, for touching upon larger, insidious, or different things, 2019. Courtesy of Desert X[
Iman Issa, Surrogates, a film about things to be used, in order of appearance, by self or others, for touching upon larger, insidious, or different things, 2019. Courtesy of Desert X[

Ispirato al panorama della Coachella Valley e al Sunnylands Centre & Gardens, “Surrogates, a film about things to be used, in order of appearance, by self or others, for touching upon larger, insidious, or different things” è costituito da un film di un impianto di raffinazione accompagnato da una descrizione scritta della sequenza principale del film con il sostegno…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Mary KellyPeace is the Only Shelter

Mary Kelly, Peace is the Only Shelter, 2019. Courtesy of Desert X
Mary Kelly, Peace is the Only Shelter, 2019. Courtesy of Desert X

Un lungo periodo di ricerca ha portato Mary Kelly a riproporre l’attivismo pacifista dell’era della Guerra Fredda, in questo caso la Women Strike for Peace (WSP) antinucleare, formata nel 1961. Questo gruppo femminista diede inizio a lobbies, petizioni, veglie e dimostrazioni di demoni contro i test nucleari. Tra il 1945 e il 1992, gli Stati Uniti hanno condotto più di 1.000 test nucleari, per lo più nel deserto sud-occidentale…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Armando LermaVisit Us in the Shape of Clouds

Armando Lerma, Visit Us in the Shape of Clouds, 2019. Courtesy of Desert X
Armando Lerma, Visit Us in the Shape of Clouds, 2019. Courtesy of Desert X

Lerma crea dipinti, costruzioni e installazioni che riflettono le vite e le tradizioni della comunità di contadini messicani nella sua città natale di Coachella. Il suo lavoro asserisce un’estetica pop con un’iconografia e uno stile grafico distintivi. Il suo murale, Visit Us in the Shape of Clouds, include varie immagini dal sud-ovest americano e oltre come serpenti, uccelli, pappagalli, pesci, scimmie, conchiglie, piante, fiori e arte rupestre…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Cinthia MarcelleWormhole

Cinthia Marcelle, Wormhole, 2019. Courtesy of Desert X
Cinthia Marcelle, Wormhole, 2019. Courtesy of Desert X

Wormhole occupa vetrine vuote nelle città della Coachella Valley di Palm Springs, Cathedral City, Indian Wells, Indio e Coachella e una nella città di Tijuana, in Messico. Oltre il vetro, un monitor televisivo mostra l’esterno di una delle vetrine. Lo spettatore incontra il wormhole, una scorciatoia attraverso lo spazio e il tempo, creando una sorta di attraversamento fisico, temporale e soggettivo tra gli spazi…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

PostcommodityIt Exists in Many Forms

Postcommodity, It Exists in Many Forms, 2019. Courtesy of Desert X
Postcommodity, It Exists in Many Forms, 2019. Courtesy of Desert X

It Exists in Many Forms emerse da conversazioni approfondite tra gli artisti e proprietari di case della metà del secolo a Palm Springs. I membri più appassionati di questa comunità sono i vicari di uno stile di vita mistico e materiale. It Exists in Many Forms è un’opera sonora ispirata da queste conversazioni e installata in una casa. Una preoccupazione di fondo all’interno del pezzo è la nozione condivisa di occupazione, specialmente alla luce di come queste case sono diventate “pezzi” comprati e venduti come oggetti da collezione…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Kathleen RyanGhost Palm

Kathleen Ryan, Ghost Palm, 2019. Courtesy of Desert X
Kathleen Ryan, Ghost Palm, 2019. Courtesy of Desert X

Ghost Palm è un’eco di una forma naturale: una meticolosa ricostruzione della più grande specie di palma originaria della California, la Washingtonia filifera (palma del deserto). Immerso in un appezzamento di deserto basso, tra il presagio di San Andreas Fault path e una linea di tamerici, Ghost Palm è una manifestazione del fascino dell’artista per il tenue equilibrio tra fragilità e puro potere. Alta più di 20 piedi, la versione di Ryan di questa palma iconica è costruita con materiali artificiali: acciaio, plastica e vetro…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

Gary SimmonsRecapturing Memories of the Black Ark

Gary Simmons, Recapturing Memories of the Black Ark, 2019. Courtesy of Desert X
Gary Simmons, Recapturing Memories of the Black Ark, 2019. Courtesy of Desert X

Recapturing Memories of the Black Ark è un’installazione scultorea che funge sia da piattaforma letterale che metaforica per musica e performance. Simmons è meglio conosciuto per i suoi disegni di “cancellazione”, i disegni in gesso parzialmente cancellati sulle pareti della lavagna – opere che evocano un senso di perdita e trasmettono il potere persistente della memoria, soprattutto intorno alla cancellazione di voci e corpi neri. In Recapturing Memories of the Black Ark, un simile residuo spettrale rimane nello spazio attraverso la documentazione video in loop delle esibizioni dei musicisti…
Continua a leggere e visualizza mappa

……………………………………………………………………………………………………………

LINK UTILI:
Website | Instagram | Twitter | Facebook fan page

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.