Arte e curiosità – L’estro eclettico di Giorgio Casu

Giorgio Casu - Magical RealismSapete l’amore a prima vista? Ebbene, qualche tempo fa mi imbatto in un’opera corredata da link il cui titolo recita: “Giorgio Casu, sardo a New York: ‘Ecco come ho conquistato…’“. Conquistato? Come, dove e perché?
In meno di un nanosecondo clicco e leggo biografia con lista opere annessa. La curiosità è tanta e i lavori di Giorgio Casu, aka Jorghe, sono densi di particolari, icone, provocazioni, riferimenti, allegorie e ironia. Nel suo stile si sommano linguaggi artistici suggeriti da una mescolanza di culture diverse che egli ha avuto modo di conoscere nel suo peregrinare per il mondo lavorando e dipingendo fino a trasformare l’arte nel suo unico lavoro. Giorgio Casu - Elephant EggsCiò è stato facilitato dal suo estro eclettico che gli consente di variare e ingegnarsi con tecniche e supporti anche molto differenti.
Le sue opere spaziano dalle tele ai murali, dai fumetti all’illustrazione, dalla decorazione di anelli e orologi alle cover di libri e smartphone, dalle chitarre e le tavole da surf alle uova di ceramica.
L’arte sembra non aver confini per Jorghe, il suo flusso creativo è costantemente all’erta per cogliere ogni suggestione e trasformarla attraverso la sua incessante ispirazione.
Nelle sue ultime produzioni egli utilizza quella che chiama “Magical Realism“, realismo magico, una tecnica molto originale, colorata e difficile da utilizzare a causa dell’alto costo dei materiali. Giorgio si rifà alle grafiche digitali dei videogiochi e della pubblicità in cui ogni elemento ha un riferimento simbolico, sviluppando così un linguaggio che attinge dalla produzione letteraria di autori quali Garcia Marquez e Dostojievski.
Giorgio Casu - Magical RealismInsomma un vulcano creativo che vive e lavora a New York, tappa finale dei suoi numerosi paesi adottivi fra i quali figurano Inghilterra, Thailandia, Indonesia, Messico, Francia del Nord, Costa Rica, le Isole Figi e, per finire, l’Australia. Il tutto a partire da San Gavino Monreale, un piccolo paese a una cinquantina di km da Cagliari.
Concludo raccontandovi alcune curiosità. Il ritratto di Obama, realizzato da Giorgio nel 2009 quando questi fu eletto, è finito a una mostra a Washington nel 2010 ed è stato scelto come il miglior ritratto del presidente dalla commissione perché entrasse a far parte della “Permanent Collection of White House“. Inoltre la sua opera “The Owl” (il gufo), è stata esposta a Times Square, uno dei maggiori incroci di Manhattan. Non male, non credete?

Link utili:
Giorgio Casu su questo blog
Giorgio Casu – Website
Giorgio Casu – Facebook fan page


Via sardiniapost.it

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.