Psicologia da cazzeggio – L’opinionista tuttologo [chapter 6]

Psicologia da cazzeggio - L'opinionista tuttologo [chapter 6]

Nel blob multiforme di varietà umane generate dai social network, una delle figure che più si distingue, a livello di deriva critica, è quella dell’opinionista tuttologo. In realtà il suddetto professionista esisteva già prima dell’avvento dei social, ma il contesto virtuale ne ha moltiplicato la portata, amplificandone la voce e consentendogli di raggiungere alte vette di sapienza in ogni campo dello scibile umano (e non).
Politica, religione, attualità, medicina, statistica, fisica quantistica, sport, paranormale, metereologia, guiness dei primati, aneddotologia, cruciverba, bugiardini, ogni materia non ha per lui alcun segreto e viene affrontata con grande maestria e sicurezza.

“Lara, dovresti smettere di mangiare quei dolci, contengono olio di palma!”
(Un amico sta digitando un commento)
“Ah sì? E da quando sei diventato salutista?”
(Rispondi al commento)
“Non è questione di salutismo, quella roba è pericolosa. Pensa che i dirigenti dell’Ilva di Taranto hanno cercato di tranquillizzare i cittadini dichiarando che le loro scorie cancerogene non contengono olio di palma…”
(Un amico sta digitando un commento)
“Ah ah ah chi l’ha scritto è un genio, ma non è che l’hai letto su Lercio?”
(Rispondi al commento)
“Non so, aspetta che ripesco la notizia… Sì, il sito si chiama così, perché?”
“…”

Ciò che questi onniscienti individui sembrano ignorare è che per l’essere umano è impossibile riuscire ad assimilare, o avere il tempo di conoscere, ogni materia e argomento esistente. Ne deriva che, chiunque abbia la presunzione di poter dissertare su ogni cosa, rientri inevitabilmente in due categorie: l’alieno o il ciarlatano.
Posto che gli alieni hanno cose ben più importanti da fare che dispensare saccenza sui social network di un pianetino anonimo (e pure mal frequentato), è lecito pensare che, dietro questo trasbordare di sapere, si celi una montagna di mera fuffa fumante.
Il desiderio spasmodico di sapere tutto su tutti gli argomenti, infatti, porta a una conoscenza superficiale degli stessi, spesso non verificata e derivata dal passa parola, strumento che ha fatto la fortuna degli untori di bufale.

“Scusa Lara ma devo commentare anch’io il tuo appello contro la violenza sugli animali. Sinceramente sono disgustato dall’essere umano dopo aver letto che anni fa dei gattini furono chiusi in bottiglia per farne dei bonsai. Li vendevano su un sito chiamato Bonsai Kitten. Ti rendi conto? A denunciare la cosa fu Licia Colò, una garanzia sul campo!”
(Un amico sta digitando un commento)
“Marco, lo sanno tutti da almeno 5 anni che quel sito era finto e fu usato per far circolare la bufala e studiarne la potenza di propagazione. Lo sa anche Licia Colò, che non si evidenziò certo per rigore scientifico… Ma poi mi chiedo, dove l’hai letto? Non sarai diventato un frequentatore di siti di bufale e leggende metropolitane?”
(Rispondi al commento)
“Non so, aspetta che ripesco la notizia… Sì, il sito si chiama così, perché?”
“…”

Il problema maggiore si verifica quando il maldestro conoscitore di ogni disciplina viene sbugiardato. La sua straripante sapienza, fatta di illuminanti sessioni di “Settimana Enigmistica”, riviste alla “Focus” e rubriche alla “Strano ma vero”, si accompagna sovente a un acceso orgoglio che gli impedisce di accettare di poter avere delle lacune. Ed essere dunque umano.
Gli sport più praticati, in questi frangenti, sono l’arrampicata sugli specchi, il salto con l’asta su giri di amicizie diversi e, nei soggetti dotati di maggior buonsenso, la danza della ritirata, seppure temporanea.
Nascosti nell’ombra, aspettano che le acque si calmino e le persone dimentichino, in attesa del momento opportuno per aprire un nuovo entusiasmante dibattito. Ogni settimana ce n’è uno nuovo, si tratti della morte di un vip, di un evento politico, di un fatto di cronaca, di urgenze intestinali o della morte del pesce rosso. E, se malauguratamente, gli argomenti dovessero scarseggiare, rimane sempre il tempo, ancora di salvezza dacché esiste il mondo.

“Lo dico sempre che non ci son più le mezze stagioni! Ieri ero in magliettina e oggi c’è talmente freddo che non può manco nevicare…”
(Un amico sta digitando un commento)
“In che senso non può nevicare? Scommetto che questa l’hai letta sul wikizionario dei luoghi comuni.”
(Rispondi al commento)
“Non so, aspetta che ripesco la notizia… Sì, il sito si chiama così, perché?”
“…”

A supportare ogni opinionista tuttologo che si rispetti, è anche la scienza con le sue innumerevoli ricerche e sondaggi. Il cervello del nostro homo ultra sapiens, infatti, crede ciecamente a ogni notizia che arrivi da questo mondo, anche quando questa sia razionalmente impossibile e/o derivi da fonti ignote senza dovizia di prove e dettagli. D’altronde la scienza è infallibile, no? Sondaggi e statistiche son per lui assiomi inconfutabili, prìncipi certi di implicita evidenza, verità assolute che arriverebbe a farsi marchiare a fuoco sulla pelle.

“Oggi ho letto che, secondo una recente ricerca americana condotta dall’American Institute of Chicago, gli uomini con qualche chilo in più sono i migliori a letto. Devo aggiungere altro?”
(Un amico sta digitando un commento)
“Meglio di no. Tanto stai sempre collegato su Facebook, peraltro a scrivere ste minchiate. Mai che trombi!”
(Un amico sta digitando un commento)
“E questa dove l’hai scovata? Nel Diario segreto di una milf?”
(Rispondi al commento)
“Non so, aspetta che ripesco la notizia… No, stavolta ti sbagli, il sito si chiama Torbidi orsetti in cerca d’affetto. Perché?”
“…”

STAY SCAZZED!

Psicologia da Cazzeggio:

1. Il Pettegolo
2. Il Trombamico
3. Il Natalizio
4. Il Molestatore virtuale [part 1]
4. Il Molestatore virtuale [part 2]
5. Il commercialista emotivo
6. L’opinionista tuttologo (tu sei qui)

7 commenti

  1. AAAAAAAAAAGGGGGGGGGHHHHHHHHHH !!!!! Mi sono scoperto !!!!!
    Grazie alla tua genialità ho scoperto la mia vera identità nascosta : sono un “opinionista tuttologo”;
    dopo anni di Bartezzaghi, trivial pursuit, treccani e il finalmente degustatissimo ttp://it.wikipedia.org, dopo anni di citazioni farlocche per incantare il gonzo di turno, mi scopro alieno e ciarlatano….. tante letture per nulla, dovrò porvi (e no porci!) rimedio !
    Grazie sempre
    Paolo
    (..penso che sparirò per un decennio per approfondire lo scibile….)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.